Il vice primo ministro ucraino ha affermato che le alleanze dell’Ucraina non sono una “moneta di scambio” nei colloqui con la Russia

Il vice primo ministro ucraino per gli affari europei ha dichiarato lunedì che la proposta di adesione dell’Ucraina alla NATO non dovrebbe essere utilizzata come “moneta di scambio” nei colloqui di questa settimana tra Russia e Stati Uniti sulla situazione di stallo tra il paese dell’Europa orientale e Mosca.

Olga Stefanichina ha incontrato lunedì il Segretario generale dell’Alleanza militare occidentale prima di una riunione completa della Commissione NATO-Ucraina, che sta aiutando a guidare le relazioni tra gli alleati della NATO e il paese assediato.

La sua dichiarazione arriva mentre l’Ucraina cerca di sottolineare non solo la sua partnership con la NATO, ma anche il suo fiorente rapporto con l’Europa occidentale, sforzi che secondo alcuni esperti di difesa e politica estera stanno esacerbando la situazione della Russia.

È un messaggio che senza dubbio verrà ripetuto oggi quando il presidente ucraino Volodymyr Zelensky parlerà con il primo ministro Justin Trudeau.

Lunedì, Stefanicia ha ripetuto il mantra spesso ascoltato di Zelensky – “Niente sull’Ucraina senza l’Ucraina” – in una conferenza stampa congiunta con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, a destra, e Olga Stevanishina, vice primo ministro per l’integrazione europea ed euro-atlantica dell’Ucraina, parlano prima di una conferenza stampa a Bruxelles, lunedì. (Oliver Mattis/Associated Press)

“Abbiamo il nostro diritto sovrano intrinseco di scegliere i nostri accordi di sicurezza, inclusi trattati e alleanze”, ha detto Stefanishina. “L’integrazione euro-atlantica è sancita dalla nostra costituzione e sostenuta dalla maggior parte dei cittadini ucraini. Non è oggetto di negoziazione o merce di scambio”.

Ha affermato che il punto di partenza per i negoziati dovrebbe essere il ritiro delle oltre 100.000 truppe da combattimento russe ora dispiegate al confine ucraino.

Il promemoria della posizione dell’Ucraina è arrivato lo stesso giorno in cui alti funzionari statunitensi e russi hanno aperto i colloqui di sicurezza a Ginevra, il primo di una serie di incontri cruciali questa settimana che includeranno negoziati diretti tra Stoltenberg e diplomatici russi mercoledì.

I negoziati mirano ad allentare le tensioni nell’Europa orientale, dove la Russia ha emesso ampie richieste di sicurezza che includono la prevenzione dell’adesione dell’Ucraina alla NATO e il ritiro delle forze occidentali da altre parti della regione. Le proposte della Russia sono già state ritenute inaccettabili sia dagli Stati Uniti che dalla NATO.

Con l’evolversi della crisi, l’Ucraina era ansiosa di dimostrare la propria utilità alla NATO e di evidenziare le sue relazioni con l’Unione europea.

In un incontro con Stoltenberg il 16 dicembre 2021, Zelensky ha parlato della “partecipazione dell’Ucraina alle missioni guidate dalla NATO, alla partecipazione alla Forza di risposta della NATO e alle esercitazioni militari”, secondo una dichiarazione rilasciata all’epoca dal suo ufficio.

“Gioca a palla dura”

Andrew Rasoulis è un ex alto funzionario del Dipartimento della Difesa Nazionale (DND) che un tempo dirigeva la Direzione del Dipartimento per la politica nucleare e il controllo degli armamenti. Ha affermato che sottolineare il valore dell’Ucraina per la NATO – citando i suoi contributi di truppe alle missioni in Afghanistan e Iraq e i suoi potenziali contributi alle task force permanenti – è un calcolo politico da parte del governo di Zelensky che rafforza il senso di insicurezza della Russia.

“È significativo perché dal punto di vista ucraino, mostra che sono il più vicino possibile alla NATO di fatto”, ha affermato Rasiulis, ora membro del Canadian Institute of Global Affairs.

“Dal punto di vista russo, questo è esattamente il problema… E quello che stanno dicendo è: ‘Non rendere la NATO informale'”.

Ha aggiunto che gli ucraini stavano “giocando duro” con Mosca.

Il vice ammiraglio in pensione Bob Davidson, ex rappresentante militare del Canada presso la NATO, ha affermato che le possibilità che l’Ucraina ottenga la piena adesione alla NATO nel prossimo futuro – o anche un piano d’azione per l’adesione – sono scarse.

“Sareste molto sotto pressione per trovare un paese che si dichiara riluttante” ad accettare l’Ucraina, ha detto. “Penso pubblicamente che faranno dichiarazioni ottimistiche e positive sulla possibilità che l’Ucraina aderisca all’alleanza.

“Ma a porte chiuse, penso che il generale senso di esitazione derivi dalla preoccupazione che la NATO possa importare conflitti se la Georgia o l’Ucraina sono autorizzate a partecipare”.

Gli attivisti espongono l’enorme bandiera nazionale ucraina durante una manifestazione a SayNOtoPutin vicino alla Cattedrale di San Michele a Kiev, domenica. (Ephram Lukatsky/Associated Press)

Minacce e diplomazia

Mosca ha chiarito che intende fermare l’espansione verso est della NATO lungo i suoi confini e ha costantemente ammassato forze nella regione per tutto l’autunno.

Il Cremlino ha negato di voler invadere l’Ucraina, ma il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito durante un incontro con i generali russi prima di Natale che il suo Paese avrebbe cercato “misure tecniche di ritorsione” se l’Occidente non avesse riconosciuto le sue preoccupazioni per la sicurezza.

Lunedì Stoltenberg ha affermato che la NATO è pronta ad ascoltare le preoccupazioni della Russia sulla sicurezza, ma che Mosca dovrebbe anche essere consapevole delle preoccupazioni e delle preoccupazioni degli alleati.

Ha detto di fidarsi della diplomazia, ma ha anche cercato di raffreddare le aspettative per i colloqui di questa settimana.

“È un buon segno e un segnale positivo che la Russia sia ora pronta a riunirsi nel Consiglio NATO-Russia qui a Bruxelles”, ha affermato, aggiungendo che il meglio che ci si può aspettare dai colloqui di questa settimana è che le due parti concordare un percorso di de-escalation.

Ho già negoziato con la Russia, come primo ministro norvegese, e so che è possibile fare accordi con la Russia.

READ  Previsioni per il fine settimana: Ehi, maggio! - Sault St. Mary News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *