I funzionari statunitensi sono alle prese con le implicazioni della fuga di notizie per l’intelligence ucraina – The National

I funzionari statunitensi sono alle prese con le implicazioni della fuga di notizie per l’intelligence ucraina – The National

Due funzionari statunitensi hanno affermato che la comunità della sicurezza nazionale statunitense è alle prese con le implicazioni del rilascio di dozzine di documenti classificati, compreso l’impatto sulla condivisione di informazioni sensibili all’interno del governo e sulle relazioni con altri paesi.

Reuters ha esaminato più di 50 di questi documenti, etichettati come “segreti” e “top secret”, che sono apparsi per la prima volta sui social media all’inizio di marzo e rivelano dettagli sulle vulnerabilità militari dell’Ucraina e informazioni su alleati tra cui Israele, Corea del Sud e Turchia. L’articolo non aveva guadagnato molta attenzione fino a quando un articolo non è stato pubblicato sul New York Times venerdì.

Reuters non ha verificato in modo indipendente l’autenticità dei documenti. Funzionari statunitensi hanno affermato che alcuni di loro hanno fornito stime delle vittime sul campo di battaglia dall’Ucraina che sembravano essere state adeguate per ridurre le vittime russe.

Per saperne di più:

Gli Stati Uniti stanno indagando sulla possibile fuga di documenti di aiuto in Ucraina

La fuga di notizie ha allarmato abbastanza all’interno del Pentagono da deferire la questione al Dipartimento di Giustizia, che ha aperto un’indagine penale sulla divulgazione dei documenti.

La storia continua sotto l’annuncio

Due funzionari della difesa degli Stati Uniti, che hanno parlato a condizione di anonimato a causa della delicatezza della questione, hanno detto che il Pentagono sta esaminando le procedure che regolano la diffusione di alcuni dei segreti più sensibili dell’America.

Uno dei funzionari ha affermato che alcuni dei documenti erano probabilmente a disposizione di migliaia di persone con nulla osta di sicurezza da parte degli Stati Uniti e del governo alleato nonostante fossero altamente sensibili, perché le informazioni riguardavano direttamente quei paesi.

Il Pentagono ha dichiarato domenica in una dichiarazione che lo sforzo interagenzia sta valutando l’impatto dei documenti fotografati sulla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e sulla sicurezza degli stretti alleati americani, una procedura standard nota come “valutazione del danno” per fughe di notizie di informazioni classificate.

Il primo funzionario ha affermato che il numero di persone che hanno avuto accesso ai documenti conferma che le informazioni sensibili potrebbero essere state ampiamente condivise con individui che potrebbero non aver bisogno del livello di dettaglio contenuto in alcuni dei documenti.

La storia continua sotto l’annuncio

“Il Pentagono ha dovuto limitare l’accesso sfrenato ad alcune delle loro informazioni più sensibili quando non hanno motivi giustificabili per averle”, ha affermato il primo funzionario.

I due funzionari hanno anche affermato che mentre le fughe di notizie erano profondamente preoccupanti, molte di esse hanno fornito solo istantanee del periodo di febbraio e marzo – quando erano datate – ma non sembravano rivelare nulla sulle operazioni future.

Sebbene la divulgazione dei documenti sembri essere la più grave fuga pubblica di informazioni classificate da anni, i funzionari affermano che non raggiunge ancora le dimensioni e la portata dei 700.000 documenti, video e dispacci diplomatici apparsi sul sito web di WikiLeaks nel 2013.

L’alto funzionario della difesa ha detto che gli investigatori del Pentagono stanno cercando di determinare chi avrebbe un incentivo a far trapelare questo tipo di informazioni.

La storia continua sotto l’annuncio

Il primo funzionario ha aggiunto che da quando la fuga di notizie è emersa per la prima volta a marzo, gli investigatori hanno perseguito teorie che vanno da qualcuno che condivideva semplicemente documenti per mostrare il lavoro che stavano facendo a una talpa all’interno della comunità dell’intelligence o dell’esercito americano.

Daniel Hoffman, un ex ufficiale della CIA sotto copertura, ha affermato che, date le attività passate delle agenzie di intelligence di Mosca, era “molto probabile” che agenti russi pubblicassero documenti relativi all’Ucraina come parte di un’operazione di disinformazione russa.

READ  Una grande affluenza alla veglia per commemorare i bambini palestinesi dispersi nella guerra a Gaza - Kelowna News

Per saperne di più:

Il primo ministro ucraino visiterà il Canada nelle “prossime settimane”, afferma PMO

Ha detto che tali operazioni – volte a seminare confusione, se non discordia, tra gli avversari della Russia – erano una pratica “classica” per i servizi di spionaggio russi per far trapelare documenti originali in cui inserivano informazioni false.

Ha detto che l’obiettivo sembrava essere quello di creare un cuneo tra l’Ucraina e gli Stati Uniti, il più grande fornitore di supporto militare di Kiev.

Alcuni esperti di sicurezza nazionale e funzionari statunitensi affermano di sospettare attualmente che il leaker sia americano, data l’ampiezza degli argomenti trattati nei documenti, ma non escludono attori filo-russi. Hanno detto che altre teorie potrebbero svilupparsi con il progredire delle indagini.

Il Cremlino e l’ambasciata russa non hanno risposto a una richiesta di commento sul coinvolgimento nella fuga di notizie.

La storia continua sotto l’annuncio


Clicca per riprodurre il video:

Putin dice agli Stati Uniti che il suo sostegno all’Ucraina nel 2014 ha portato alla situazione attuale


L’Ucraina ha detto che il suo presidente e gli alti funzionari della sicurezza si sono incontrati venerdì per discutere i modi per prevenire le fughe di notizie.

La Casa Bianca si è rifiutata di discutere pubblicamente chi potrebbe essere responsabile della violazione e ha deferito tutte le domande sulla fuga di notizie al Pentagono. Il Pentagono ha affermato che durante il fine settimana, i funzionari statunitensi hanno parlato con gli alleati e hanno informato il comitato del Congresso competente della fuga di notizie.

“Sono profondamente turbato dalla potenziale portata e natura delle informazioni che sono state rivelate, e mi aspetto di essere pienamente informato nei prossimi giorni”, ha dichiarato il deputato Jason Crowe, ex ranger dell’esercito e membro della House Intelligence and Foreign Relations Comitato. Comitati.

READ  Jerry Seinfeld viene molestato dai manifestanti filo-palestinesi e combatte stando in piedi

Le fughe di notizie hanno scatenato le reazioni di alcuni governi stranieri.

La storia continua sotto l’annuncio

In una dichiarazione di domenica, l’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha definito il documento “falso e totalmente privo di fondamento”, affermando che il Mossad, uno dei servizi di intelligence del paese, ha incoraggiato le recenti proteste contro il piano di Netanyahu per rafforzare il controllo della magistratura.

Un funzionario presidenziale sudcoreano ha detto domenica che il paese era a conoscenza delle notizie sui documenti trapelati e che intendeva discutere le “questioni sollevate” con Washington.

Un documento ha fornito i dettagli delle discussioni interne tra alti funzionari sudcoreani sulla pressione degli Stati Uniti su Seoul affinché fornisca armi all’Ucraina e sulla sua politica di non farlo.

Un documento contrassegnato come “top secret” presumibilmente descrive in dettaglio come gli appaltatori militari russi si sono incontrati con i “contatti” turchi per acquistare armi da Ankara.

L’ambasciata turca a Washington ha rifiutato di commentare.

Alcune delle informazioni più sensibili presumibilmente riguardano le capacità e le carenze militari dell’Ucraina.

Non è raro che gli Stati Uniti e altri paesi spiino i loro alleati. Ma le rivelazioni pubbliche di tale spionaggio sono scomode per quegli alleati, che hanno bisogno di spiegare alla loro gente come risponderanno.

“Ci vorrà del tempo per ricostruire la fiducia con i nostri alleati”, ha detto il secondo funzionario della difesa Usa in un’intervista a Reuters.

La storia continua sotto l’annuncio

Michael Mulroy, un ex alto funzionario del Pentagono, ha minimizzato l’impatto duraturo della fuga di notizie.

“Ovviamente è imbarazzante quando queste attività vengono divulgate pubblicamente”, ha detto Mulroy. “Potrebbe causare problemi a breve termine per la relazione, ma penso che a lungo termine gli interessi comuni tra i due paesi rimarranno forti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *