Il ritorno di un grande razzo cinese che è stato avvistato sull’isola del Borneo – Spaceflight Now

Nota dell’editore: Aggiorna dopo aver confermato il rientro.

Questa mappa mostra la posizione del rientro del palco principale a Long March 5B sul Borneo. Credito: Aerospace Corporation / Spaceflight Now

Lo stadio centrale da 22 tonnellate di un razzo cinese è caduto sulla Terra sabato, la terza volta in due anni che la Cina ha permesso a un razzo così grande di rientrare nell’atmosfera incustodito. Non ci sono state segnalazioni immediate di detriti o danni al suolo. Gli esperti di detriti spaziali hanno affermato che un ritorno non guidato rappresenta un rischio basso ma evitabile per la popolazione mondiale.

Un razzo Long March 5B è decollato il 24 luglio con il modulo Wentiano della stazione spaziale cinese di Tiangong, trasportando uno dei carichi utili più pesanti lanciati in orbita negli ultimi anni. Lo stadio centrale di circa 100 piedi (30 m) del razzo Long March 5B ha azionato due motori alimentati a idrogeno per circa otto minuti per iniettare in orbita il modulo Wentiano.

Quattro booster installati hanno accumulato carburante e sono stati scaricati pochi minuti dopo il lancio per cadere nel Mar Cinese Meridionale. Ma il design del Long March 5B, uno dei razzi operativi più potenti al mondo, significa che il suo stadio centrale è accelerato alla velocità orbitale.

La maggior parte dei lanciatori ha uno stadio superiore per completare il compito di mettere in orbita il carico utile, lasciando che il booster torni ad atterrare nell’oceano o lo recuperi per il riutilizzo, come fa SpaceX con il suo razzo Falcon 9.

Il comando spaziale degli Stati Uniti, che segue gli oggetti in orbita, ha confermato che lo stadio del razzo Long March 5B è rientrato nell’atmosfera intorno alle 12:45 EDT (1645 GMT). Tutti i detriti rimanenti del razzo sono atterrati nel Mare di Sulu a 9,1 gradi di latitudine nord e 119 gradi di longitudine est, ha affermato la China Manned Space Agency in una nota.

Diversi post sui social media, incluso quello qui sotto, hanno mostrato quelli che sembravano essere i detriti del razzo Long March 5B che bruciava nell’atmosfera. Il tweet qui sotto mostra un video girato a Kuching, in Malesia, nell’isola del Borneo.

Non ci sono state segnalazioni immediate di detriti che sono caduti vicino ad aree popolate, ma il rientro non guidato ha sollevato preoccupazioni sulle pratiche cinesi di smaltimento della spazzatura spaziale.

READ  La NASA inizierà missioni a lungo raggio sulla luna dal 2022, assemblando razzi giganti

“La Repubblica popolare cinese (RPC) non ha condiviso informazioni specifiche sulla traiettoria poiché il razzo Long March 5B è caduto sulla Terra”, ha affermato sabato l’amministratore della NASA Bill Nelson in una dichiarazione.

“Tutte le nazioni che viaggiano nello spazio dovrebbero seguire le migliori pratiche consolidate e fare la loro parte per condividere questo tipo di informazioni in anticipo per consentire previsioni affidabili sui potenziali rischi di impatto dei detriti, specialmente per i veicoli pesanti, come il Long March 5B, che sono molto rischiosi “, ha affermato Nelson. Farlo è fondamentale per l’uso responsabile dello spazio e per garantire la sicurezza delle persone qui sulla Terra”.

Il razzo Long March 5B orbitava tra 41,5 gradi nord e sud durante ogni ora e mezza intorno alla Terra. La terra tra queste latitudini ospita circa l’88% della popolazione mondiale.

Ted Muelhaupt, un consulente della Aerospace Corp ed esperto di rientro di detriti spaziali, ha detto in una teleconferenza con i giornalisti prima di tornare.

Era impossibile prevedere esattamente quando e dove il razzo sarebbe rientrato nell’atmosfera, ma ci si aspettava che i detriti rimanenti cadessero su una distanza lunga e stretta di centinaia di miglia e fino a poche decine di miglia. Statisticamente, era più probabile che i detriti dei razzi cadessero nell’oceano o in aree disabitate.

Questa era la terza volta che la Cina lasciava in orbita lo stadio principale di Long March 5B per tornare sulla Terra senza guida. Il ritorno incontrollato della prima fase centrale di Long March 5B nel 2020 ha sparso detriti sulla Costa d’Avorio. Il ritorno di Long March 5B è avvenuto lo scorso anno nell’Oceano Indiano e non sono stati trovati relitti.

La finestra di incertezza su quando il razzo rientrerà nell’atmosfera è dovuta in gran parte alla mancanza di conoscenza dell’orientamento del razzo e alla densità in continua evoluzione dell’alta atmosfera, che è guidata dall’attività solare che provoca l’espansione dell’atmosfera o toccare, di conseguenza. Mulhaupt.

La finestra della stima di rientro si riduce con l’avvicinarsi del tempo dell’evento. Cinque giorni prima del rientro, gli esperti hanno stimato la finestra con un errore di più o meno un giorno. Sabato mattina, poche ore prima del rientro, l’errore era sceso a più o meno un’ora.

Il 24 luglio il razzo cinese Long March 5B decolla dalla base di lancio di Wenchang sull’isola di Hainan. Credito: CASC

La resistenza aerodinamica alla fine ha rallentato il razzo abbastanza da consentire alla gravità terrestre di ritirarsi nell’atmosfera, dove la maggior parte della fase di spinta sarebbe bruciata. Moulhaupt ha stimato che da 4 a 9 tonnellate metriche, o dal 20% al 40% della massa secca del missile, sarebbero sopravvissute al caldo torrido del rientro e avrebbero raggiunto la superficie terrestre.

READ  Nuovo programma di riabilitazione cardiaca intensiva presso Modern Heart e

I cadaveri dei missili abbandonati e dei satelliti morti ritornano regolarmente nell’atmosfera. Secondo Moelhaupt, circa 50 oggetti artificiali che pesano più di una tonnellata rientrano nell’atmosfera in modo incontrollabile ogni anno.

Ma Mullhaupt ha detto che lo stadio principale del Long March 5B caduto sulla Terra sabato è stato il sesto oggetto più grande ad entrare di nuovo nell’atmosfera, ad eccezione dello space shuttle.

Aerospace Corp ha stimato che la probabilità di uccidere o ferire una persona è compresa tra 1 su 230 e 1 su 1.000 in parte della fase principale di Long March 5B, il che significa che c’è una probabilità del 99,5% che non ci saranno vittime. Rientro.

Ma le linee guida della politica del governo degli Stati Uniti invitano i gestori delle missioni spaziali a garantire che il rischio di morte o lesioni dovute al rientro non sia superiore a 1 su 10.000. Il rischio di danni dal rientro di Long March 5B è stato stimato essere almeno 10 volte la soglia di rischio standard per le missioni spaziali statunitensi.

“Quando scenderà, supererà sicuramente la soglia di 1 su 10.000 e questa è la linea guida generalmente accettata”, ha detto Muelhaupt pochi giorni prima del rientro. “E uno dei motivi per cui prestiamo particolare attenzione a questo è che nel maggio del 2020, il primo lancio di prova di questo relitto è stato l’atterraggio in Africa”.

Il rischio che qualcuno tornasse era inferiore: 6 su 10 trilioni, secondo una valutazione di Aerospace Corp.

“La verità è che ci sono un certo numero di cose che puoi fare per questo genere di cose, specialmente se pensi in anticipo alla tua missione”, ha affermato Marlon Sorge, direttore esecutivo dello Space Center for Orbital and Debris Return Studies.

Ad esempio, i progettisti possono scegliere materiali che hanno maggiori probabilità di bruciare durante il rientro, riducendo il rischio che eventuali detriti rimangano sulla superficie terrestre.

“Con i corpi dei missili, sono così grandi che non importa cosa fai durante la fase di progettazione in termini di ciò che fai. Hai enormi pezzi di metallo al posto dei motori”, ha detto Sorge.

READ  La sonda solare Parker completa l'oscillazione senza precedenti del sole

“Ma ci sono altri modi in cui puoi farlo se rifletti attentamente, e uno di questi approcci è il rientro controllato”, ha detto Sorge. “In sostanza, una volta che hai consegnato il tuo carico utile, giri il razzo, accendi il motore e lo rimetti nell’oceano da qualche parte, di solito, da qualche parte dove non c’è popolazione. Lo fai e hai notevolmente mitigato i rischi lì. ” E questa è una delle cose che fa il governo degli Stati Uniti per mitigare questo tipo di rischi”.

Wang Wenbin, un portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha affermato in una conferenza stampa l’anno scorso che era una “pratica comune” che gli stadi superiori dei missili si bruciassero mentre rientravano nell’atmosfera. Ha erroneamente definito il corpo del missile Long March 5B come uno stadio superiore e ha affermato che “la maggior parte delle sue parti brucerà al rientro, rendendo estremamente basso il potenziale di danni all’aviazione o alle strutture e attività a terra”.

Ma nessun altro lanciatore al mondo lascia un componente così massiccio in orbita per tornare sulla Terra. Satelliti morti e vecchi stadi di razzi ritornano regolarmente nell’atmosfera, ma è raro che oggetti di massa superiore a poche tonnellate rientrino.

“Perché siamo preoccupati? Bene, l’ultima volta ho fatto danni alla proprietà (è stato reintrodotto il Long March 5B), ha detto Muelhaupt questa settimana. Di conseguenza, le persone devono fare la preparazione.

“Inoltre, non è necessario”, ha detto. “Abbiamo la tecnologia, quindi non abbiamo questo problema. Ogni volta che vedi un Falcon 9 Earth, quel palco base non cadrà da qualche parte in modo casuale. Far cadere deliberatamente oggetti nell’oceano, quando sono abbastanza grandi da causare danni , questa è la pratica che vorremmo incoraggiare”.

La Cina prevede di lanciare il prossimo modulo della stazione spaziale su un altro razzo Long March 5B in ottobre. La fase principale di quella missione dovrebbe portare a un altro ritorno senza supervisione una o due settimane dopo il lancio.

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Incorpora il tweet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.