Il principe Harry e Meghan Markle rendono omaggio a Greta Thunberg durante la sua faida con Andrew Tate

Il principe Harry e Meghan Markle, nella loro seconda serie su Netflix, rendono omaggio alla “coraggiosa” Greta Thunberg quando si apre sul superamento della depressione tra l’arresto dell’influencer Andrew Tate e il suo bizzarro sproloquio che prende in giro il giovane attivista svedese.

La nuova serie del Duca e della Duchessa del Sussex, Live to Lead, basata sull’ex presidente sudafricano Nelson Mandela, è stata lanciata sabato sul gigante dello streaming, onorando Greta Thunberg tra altri leader influenti in tutto il mondo come Gloria Steinem e Ruth Bader Ginsburg.

Aprendo l’episodio, il figlio più giovane di re Carlo III afferma: “Greta Thunberg è un’attivista climatica svedese che ha rinvigorito un movimento internazionale per combattere il cambiamento climatico quando ha iniziato a manifestare davanti al parlamento svedese nel 2018”.

Lodando la coraggiosa signora, il duca ha continuato: “Parlando a una nuova generazione, la sua audace campagna è un’ispirazione e un duro promemoria che tutto ciò che facciamo è importante”.

Arriva tra le osservazioni controverse dell’ex campione di kickboxing Andrew Tate sull’adolescente, che sta bracconando Thunberg per il suo attivismo ambientale – in una mossa che si è ritorta contro.

L’influencer ha dato uno sguardo selvaggio al volto pieno di odio di Thunberg e ha detto che era un “adoratore della matrice” dopo che un attivista per il clima lo aveva insultato.

A Greta Thunberg, nell’intervista, è stato chiesto quale ritenesse essere “il più basso abisso della miseria”. Lei ha risposto: “Quando sei così depresso che non riesci a vedere che tu stesso conti davvero”.

L’attivista per il clima ha risposto a una domanda su come trovare la forza per superare la sua depressione: “È successo gradualmente, ma è stato grazie al clima e alla crisi ambientale. Ma ho pensato: ‘Devo fare qualcosa e non posso semplicemente sedermi qui .'” “

READ  I talebani prendono il controllo di un'altra provincia in Afghanistan, attaccano un'altra grande città

Ha continuato, “Penso che sia stata la cosa che mi ha reso depresso all’inizio, ma anche la cosa che mi ha tirato fuori da quella depressione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *