Il parlamento pakistano vota Shahbaz Sharif come primo ministro dopo la destituzione di Imran Khan

Il parlamento pakistano ha scelto lunedì un politico più favorevole all’Occidente, Shahbaz Sharif, come primo ministro, completando la cacciata del predecessore Imran Khan in una crisi politica che ha scatenato proteste di piazza e dimissioni di massa dei legislatori.

L’elezione di Sharif pone fine a una settimana di stallo costituzionale culminata domenica quando Khan ha perso un voto di sfiducia, anche se è probabile che il paese rimanga vulnerabile alle turbolenze politiche ed economiche.

Shahbaz, 70 anni, più conosciuto a livello locale come un amministratore efficace che come un politico, è il fratello minore del tre volte primo ministro Nawaz Sharif.

Gli analisti affermano che Shahbaz, a differenza di Nawaz, ha rapporti amichevoli con l’esercito pakistano, che ha tradizionalmente controllato la politica estera e di difesa nel paese di 220 milioni di persone.

Dopo il voto, Sharif ha promesso di affrontare la crisi economica che ha portato la rupia al minimo storico e la banca centrale ha attuato il suo più grande aumento dei tassi di interesse degli ultimi decenni la scorsa settimana.

Il primo ministro pakistano Shahbaz Sharif parla dopo aver vinto il voto parlamentare per eleggere un nuovo primo ministro all’Assemblea nazionale di Islamabad lunedì. (Consiglio nazionale pakistano / pubblicazione / Reuters)

“Se dobbiamo salvare la barca che affonda, tutto ciò di cui abbiamo bisogno è duro lavoro, unità, unità e unità”, ha detto nel suo primo discorso al Parlamento.

‘Stiamo iniziando una nuova era di sviluppo oggi.’

La festa di Khan è uscita

Pochi minuti prima del voto, i parlamentari del partito di Khan si sono dimessi in massa dalla Camera dei rappresentanti per protestare contro la prevista formazione del governo da parte dei suoi oppositori politici.

“Annunciamo che ci dimettiamo tutti”, ha detto all’assemblea Shah Mahmood Qureshi, ex ministro degli esteri e vicepresidente del partito di Khan. Le dimissioni di massa richiederanno nuove elezioni suppletive in più di 100 seggi.

Il partito “Pakistan Tehreek-e-Insaf” guidato da Khan aveva presentato documenti in cui Qureshi si candidò alla carica di primo ministro.

Il deposto primo ministro pakistano Imran Khan parla durante un’intervista con Reuters a Islamabad nel 2021. (Sina Bashir/Reuters)

Il giovane Sharif è emerso come il leader dell’opposizione unita alla cacciata di Khan, l’ex star del cricket che ha affermato che gli Stati Uniti erano dietro la sua caduta, cosa che Washington ha negato.

Sharif ha affermato in un’intervista la scorsa settimana che buone relazioni con gli Stati Uniti sono essenziali per il Pakistan nel bene e nel male, in netto contrasto con le spinose relazioni di Khan con Washington.

Nel suo primo discorso, ha anche parlato del miglioramento delle relazioni con le vicine India e Cina.

“Vogliamo buone relazioni con l’India, ma una pace duratura non può essere possibile senza la soluzione del Kashmir”, ha affermato, riferendosi alla contesa regione himalayana su cui i due paesi hanno combattuto diverse guerre.

Ha affermato che il suo governo accelererà la costruzione del corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC) da 60 miliardi di dollari, parte della Belt and Road Initiative di Pechino.

Un sostenitore della Lega musulmana pakistana (Nawaz) tiene una bandiera del partito con le immagini di Shahbaz Sharif, suo fratello maggiore ed ex primo ministro Nawaz Sharif fuori dal palazzo del parlamento a Islamabad lunedì. (Aamer Qureshi/AFP/Getty Images)

problemi politici

Nessun primo ministro eletto ha completato un mandato completo in Pakistan da quando ha ottenuto l’indipendenza dal potere coloniale della Gran Bretagna nel 1947, sebbene Khan sia il primo a essere rimosso con un voto di sfiducia.

La Corte Suprema nel 2017 ha vietato a Nawaz Sharif di ricoprire una carica pubblica e poi di recarsi all’estero per cure mediche dopo aver scontato solo pochi mesi di una condanna a 10 anni di reclusione per corruzione.

L’esercito ha governato il paese per quasi la metà dei suoi 75 anni di storia. Ha visto favorevolmente Khan e la sua agenda conservatrice quando ha vinto le elezioni nel 2018.

Ma quel sostegno è svanito dopo una lite sulla nomina del capo dell’intelligence militare e dei problemi economici che la scorsa settimana hanno portato al più grande aumento dei tassi di interesse degli ultimi decenni.

I sostenitori del partito del deposto primo ministro Imran Khan partecipano domenica a una manifestazione nella città pakistana di Karachi. (Fred Khan/Associated Press).

Khan è rimasto provocatorio dopo la sua sconfitta in Parlamento. Migliaia di suoi sostenitori in diverse città hanno organizzato proteste contro la sua cacciata che sono continuate fino alle prime ore di lunedì mattina.

“Non ci può essere un insulto più grande a questo paese”, ha detto Khan ai giornalisti lunedì in previsione dell’elezione di Shahbaz Sharif.

READ  Il primo ministro sudanese è trattenuto a casa del generale dopo che l'esercito ha preso il potere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.