Il movimento italiano ha migliorato l’approccio alle corse

Tsunoda ha iniziato il suo anno da rookie fuori dal Regno Unito, dopo aver impressionato i capi della Red Bull finendo terzo assoluto nella FIA Formula 2 la scorsa stagione per ottenere una laurea in F1 con AlphaTauri.

Il pilota giapponese ha poi ottenuto elogi per la sua brillantezza al suo debutto all’apertura della stagione in Bahrain dopo aver segnato punti al nono posto.

Tuttavia, non è riuscito a segnare nelle successive tre gare, con un notevole punto basso che ha raggiunto Imola quando è uscito dalle qualifiche e poi ha corso a punti.

Il calo di livello ha spinto la Red Bull a trasferire Tsunoda a Faenza, in Italia, a giugno, nel tentativo di ricostruire la fiducia del pilota e integrarsi più strettamente con il suo team AlphaTauri.

Riflettendo sulla mossa, il 21enne afferma che la decisione sta già raccogliendo frutti, migliorando la sua disciplina e concentrazione. Da quando si è trasferito, Tsunoda ha segnato quattro punti nelle ultime sette gare.

“Penso che trasferirsi a Faenza o vicino alla fabbrica sia stata sicuramente una buona decisione”, ha detto Tsunoda ad Autosport.

“Ecco perché ho trovato due buoni approcci prima dell’Azerbaigian.

“Recentemente, penso che l’intera settimana di gara, il modo in cui ho costruito velocità e progressione durante le sessioni sia stata migliore rispetto alle prime tre o quattro gare, ad eccezione della Francia.

“Penso che sia stata sicuramente una buona decisione. E trascorro molto più tempo con gli ingegneri di quanto non abbia fatto [before]. Quindi è davvero una buona cosa.

“Mi piace, preferisco di più l’Italia, ad essere onesti. Mi piace il cibo, perché penso che il cibo giapponese sia un po’ come l’Italia, e ci sono molti ristoranti italiani in Giappone. Quindi ha un sapore abbastanza familiare, ed è più vicino in Giappone [in terms of feeling]. Inoltre, amo il clima”.

READ  Covid, Chrysanti, Vaccine and Media Awareness. Barra dei virus | Caffè Gramellini

Yuki Tsunoda, Alpha Toure

foto dalla fotografia: foto di sport motoristici

Tsunoda ammette che la sua disciplina e concentrazione in questa stagione avrebbero potuto essere migliori prima di trasferirsi in Italia, avendo precedentemente trascorso il suo tempo tra gli eventi nel Regno Unito allenandosi e giocando ai videogiochi.

Ora è stato in grado di parlare regolarmente con i suoi ingegneri in officina, il che lo ha reso molto più calmo con l’avvicinarsi dei fine settimana.

Ultimamente sto cercando di spendere di più [time] Alla gara che ovviamente devo fare prima della stagione”.

“Ma, come ho detto, passo più tempo con gli ingegneri e lavoro insieme, analizzando la gara, la gara precedente o preparandomi per la prossima gara, quindi andava bene.

“E mi sono sentito decisamente più rilassato prima di venerdì, perché tutto è pronto. E stiamo già parlando prima che io scenda in pista.

“Prima di trasferirmi in Italia giocavo ai videogiochi e ovviamente mi allenavo, ma passavo la maggior parte del tempo davanti allo schermo.

“Non mi stavo prendendo il tempo per pensare alla gara o, sai, pensare alla prossima gara.

“Recentemente, sì, sto cercando di pensare di più alla gara ed è per questo che abbiamo trovato due cose diverse, due problemi delle gare precedenti, e renderlo migliore per la prossima gara.

“Quindi mi sento un buon passo fuori da ogni gara. Quindi sì, avevo sicuramente bisogno di una disciplina un po’ più forte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.