Il mondo dei miliardari a Little Italy

Nel mondo miliardario di ‘Little Italy’

Kileken si appoggiò alla colonna di metallo che reggeva l’insegna intrigante: Billionaire Resort and Retreat. I suoi occhi erano puntati sulle onde che colpivano la spiaggia sabbiosa sotto l’insegna. Teneva in mano una fionda e con essa respingeva i fastidiosi corvi domestici indiani che avevano l’abitudine di interrompere i commensali nelle vicinanze.

“Kajiadu Kominicha? Kileken potrebbe aver lavorato negli stabilimenti più lussuosi lungo la costa del Kenya, ma tutto ciò che voleva sapere era se le mucche nella sua casa di campagna avrebbero avuto abbastanza foraggio.

Rispondo affermativamente. Scuote semplicemente la testa e si catapulta di nuovo. Alcuni corvi si disperdono in delirio. Solo un altro giorno nell’ufficio di Kileken.

Sono passati quasi cinque anni da quando ho visitato Malindi e, come molti centri urbani in Kenya, le prime impressioni sulla città sono state scarse.

venditori ambulanti, boda boda, affari. All’epoca, un mio amico mi suggerì di provare il “lato italiano” di Malindi, l’area benestante a sud di Malindi che si estende lungo l’Oceano Indiano ed è costellata di splendide ville, la maggior parte delle quali di proprietà di ricchi italiani.

Tuttavia, nessuno di questi ha una storia così ricca come la creazione di Falvio Briatore che iniziò con la sua casa a Lion in the Sun che, insieme alle ville di lusso, costituisce il Billionaire Resort and Retreat.

Briatore ama le cose belle della vita e il nome che ha scelto per questo esclusivo gruppo di settori dell’ospitalità e del tempo libero incarna questo spirito.

Una volta ha detto del marchio Billionaire: “Anche se sei un po’ altezzoso… è un nome che non dimentichi”.

READ  L'Italia conquista l'UNESCO con il 'magico' rituale del caffè espresso

Il Resort Malindi si unisce agli altri suoi capolavori tra cui il miliardario Dubai, i cui sponsor famosi includono celebrità internazionali come Cristiano Ronaldo, Kim Kardashian e Floyd Mayweather, avendo presentato in passato Will e Jaden Smith.

Non ho mai avuto l’onore di incontrare un miliardario italiano. Il mio amico Kileken, un corvi indiano e fionda, è un uomo di poche parole e ha detto solo che il suo capo è un “bravo ragazzo”.

Flavio Briatore, come molti imprenditori di successo, ha avuto un inizio umile. Non era figlio di privilegi. I suoi genitori a Verzuolo, vicino a Cuneo, in Italia, erano insegnanti di scuola elementare.

Dopo aver conseguito il diploma di maturità scientifica in Geometra, ha iniziato a lavorare come agente assicurativo prima di trasferirsi a Cuneo nel 1974 dove ha lavorato come amministratore delegato di Conafi, società controllata di Borsa Italiana.

L’imprenditore in erba ha intrapreso un progetto immobiliare in Sardegna, Isola Rossa, un complesso turistico-ricettivo che ha venduto un anno dopo a un imprenditore locale.

L’anno successivo Briatore diventa socio e fondatore di Cuneo Leasing, che diventa la più grande società di leasing in Italia prima di essere acquisita dal Gruppo De Benedetti.

Due anni dopo, Briatore è stato nominato amministratore delegato della Commander Paramati Paints, diventando la persona più giovane a ricoprire tale posizione per una società italiana quotata non a conduzione familiare.

Successivamente, a Milano, Briatore incontra l’imprenditore Luciano Benetton, che poi avrà un ruolo di primo piano nella carriera di Briatore.

Nel mondo miliardario di ‘Little Italy’

Alla fine degli anni ’80, Briatore partecipò alla sua prima gara di Formula 1 al Gran Premio d’Australia. A causa del suo amore per lo sport, Briatore è stato assunto dalla Benetton come direttore commerciale della scuderia di Formula 1 con sede in Inghilterra, la Benetton Formula One.

READ  8 luoghi storici d'Italia che ti porteranno indietro nel tempo

In qualità di amministratore delegato, ha deciso di trasformare Benetton Formula in una squadra competitiva introducendo uno stile di gestione unico e innovativo.

Credeva che la F1 non fosse solo uno sport ma anche uno spettacolo e un business, con il marketing e la comunicazione come elementi chiave per attrarre e assicurarsi sponsor facoltosi e partner prestigiosi.

Fu Briatore a strappare al Team Jordan il giovane pilota Michael Schumacher e a costruire la squadra attorno al talentuoso tedesco, che poi vinse il Campionato Piloti nel 1994. Nel 1995, la squadra ebbe un doppio successo, con Schumacher che vinse il Campionato Mondiale Piloti e la Benetton Formula vince il Campionato Mondiale Costruttori. .

L’amore dell’italiano per questo sport è stato dimostrato anche nel 2006 quando ha acquistato la squadra di calcio inglese del Queens Park Rangers con Bernie Ecclestone.

Il duo ha poi venduto il club nel 2011, dopo le prime tre partite di Premier League, all’uomo d’affari malese Tony Fernandes.

Nel 1998 Briatore ha aperto una discoteca in Costa Smeralda, antesignana del marchio miliardario. È stato salutato come il comodino preferito dai ricchi ed è diventato un marchio famoso in tutto il mondo sinonimo di glamour e intrattenimento di qualità.

Oggi, Zee è una società globale di servizi di lusso che comprende discoteche, ristoranti, stabilimenti balneari, hotel e resort, con Malindi che sventola la bandiera del marchio della regione.

Qui, i ricchi e famosi, i sobri e gli introversi hanno un assaggio della vita su Main Street. E qui, Kileken continua a far oscillare la sua fionda. Non più preoccupato per la pioggia a Kajiado.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.