La Comunità Italo-Canadese riceverà a maggio le scuse ufficiali per gli errori della Seconda Guerra Mondiale – RCI

Prigionieri del campo 33 a Betawa, Ontario durante la seconda guerra mondiale. Mercoledì, il primo ministro Justin Trudeau ha annunciato che il mese prossimo il governo federale rilascerà scuse formali alla comunità italo-canadese per il modo in cui è stata trattata durante la guerra. (Betawawa Heritage Village)

Il Canada chiederà ufficialmente scusa al paese La Comunità Italo Canadese Circa il modo in cui è stato gestito durante la seconda guerra mondiale quando Circa 31.000 italocanadesi furono dichiarati stranieri nemici 600 uomini italo-canadesi furono inviati a Campi di concentramento.

“Sono orgoglioso di alzarmi in piedi e dire che il nostro governo correggerà questi errori con le scuse ufficiali a maggio”, ha detto ieri alla Camera dei Comuni il primo ministro Justin Trudeau in risposta a una domanda del rappresentante liberale Angelo Iacono. Notando che i canadesi di origine italiana “hanno a che fare con persistenti discriminazioni legate agli errori commessi dai nostri governi in passato che continuano ancora oggi”.

Un documentario del 2017 del CBC Doc Project ha narrato la storia di uno di questi detenuti, Francesco Scapatura, che è stato trasportato dalla sua casa a North Bay, Ontario. Nel 1940 in un campo di concentramento a Betawa. Ont. Fu trattenuto lì con il fratello Vincenzo, il genero Carmine e più di 500 altri uomini. Il documentario Angela è una nipote di Francesco Scapatura.

Puoi accedervi qui:

(Foto: per gentile concessione della famiglia Scapatura)

Questo annuncio ha segnato la seconda volta che il governo canadese ha tentato di modificare il proprio comportamento durante la seconda guerra mondiale.

Nel 1988, il governo del primo ministro conservatore Brian Mulroney si scusò formalmente e offrì 300 milioni di dollari a titolo di risarcimento ai canadesi giapponesi, 22.000 dei quali furono arrestati nei campi.

Trudeau non ha menzionato mercoledì se ci sarà un risarcimento con le scuse ufficiali, che “renderanno omaggio alle famiglie di ciascuno dei 600 detenuti come atto di rispetto e ammissione di ingiustizia”, ​​secondo il comunicato stampa del governo.

“Durante la seconda guerra mondiale, centinaia di italocanadesi sono stati arrestati per il semplice motivo che sono di origine italiana”, ha detto Iacono alla Camera dei Comuni.

“I padri sono stati allontanati dalle loro case, lasciando i figli senza i padri in molti casi e le famiglie senza paga per mettere il cibo sulle loro tavole. La vita, le professioni, gli affari e la reputazione sono state interrotte e danneggiate, ma nessuno è stato trattenuto. responsabile.

“Gli italocanadesi convivono con questi ricordi da tanti anni e meritano di essere chiusi”.

Una dichiarazione congiunta di dieci deputati italo-canadesi in Parlamento, tra cui il ministro della Giustizia David Lamty e il ministro dell’immigrazione Marco Mendesino, ha affermato che molti residenti hanno subito danni irreversibili.

“Forse erano italiani per eredità, ma prima erano canadesi. Noi, come membri del Parlamento italiano, ringraziamo i membri che ci hanno preceduto che hanno attirato l’attenzione su questa ingiustizia e hanno contribuito a portare queste scuse a queste famiglie nelle nostre comunità italo-canadesi . “

Circa 1,6 milioni di canadesi di origine italiana vivono in Canada.

È una delle più grandi comunità italiane nel mondo.

File da The Canadian Press, CBC News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *