Mantova, Italia, per un Museo Ebraico presso il luogo di sepoltura dei maestri cabalisti del XVII secolo

Un’armeria trascurata a Mantova, in Italia, diventerà una “casa della memoria” per far luce sulla storia ebraica della città. (Giovanni Vigna via JTA.org)

di Giovanni Vigna

MANTOVA, Italia – Dopo anni di dispute, i funzionari locali e il gruppo ombrello ebraico italiano hanno raggiunto un accordo per convertire un’armeria costruita su un secolare cimitero ebraico nel museo “Casa della Memoria”.

Il Cimitero Ebraico di San Nicolò si trova a Mantova, un piccolo comune del nord Italia nella Pianura Padana con una storia ebraica che risale al XII secolo. La tomba fu costruita nel 1442 con il benestare della nobile famiglia dei Gonzaga, che governò Mantova nel Rinascimento. Ha servito i bisogni della piccola comunità ebraica locale fino al XVIII secolo e si crede che sia il luogo di riposo di almeno due famosi cabalisti italiani: il rabbino Menachem Azaria da Fano e Moshe Zakuto.

Ricevi la newsletter degli ebrei via e-mail e non perdere le nostre notizie più importanti
Non condividiamo dati con venditori esterni.

Registrazione gratuita

Durante l’Olocausto, i nazisti trasformarono l’area in un campo di concentramento temporaneo. Successivamente cadde sotto l’autorità dell’esercito italiano prima di essere consegnato ai capi locali di Mantova.

Ora il cimitero è ricoperto da erba e arbusti incolti e circondato da cinque bui bunker del XX secolo caduti in rovina.

Il comune ha pianificato per anni di rinnovare l’area, ma un gruppo di rabbini, alcuni dei quali sono affiliati alla Conferenza Rabbinica Centrale degli Stati Uniti e del Canada – un’unione di gruppi ultra-ortodossi che mirano a preservare i cimiteri ebraici in tutto il mondo — sosteneva che il progetto avrebbe distrutto il cimitero e la sua sporcizia. Si scontrarono non solo con i vertici comunali locali, ma anche con Emmanuel Collorny, capo della comunità ebraica di Mantova, che credeva di ostacolare il processo per motivi religiosi non necessari.

READ  "Sono nato e cresciuto nel nord della Moldova, dove si cucina bene e molto".

Una delle persone con cui i vertici di Mantova negoziarono fu il rabbino Cesekia Kalmanovich, che servì come delegato del gruppo della Confederazione delle Comunità Ebraiche Italiane, o UCEI. Ha anche la doppia cittadinanza americana e israeliana ed è stato arrestato in Israele nel 2012 Tentativo di rubare ossa da un sito archeologico fuori Gerusalemme.

Un nuovo piano di fattibilità, concordato tra i funzionari comunali e l’UCEI, ha disposto la ristrutturazione dei depositi in modo da non manomettere il suolo. Tutte le superfici pedonabili e le catene edilizie – tra cui un eco-lodge e un centro per disabili – saranno sollevate da terra. Il cimitero sarà recintato.

La Casa della Memoria, che farà luce sulla storia degli ebrei della zona, sarà ospitata in un’armeria di epoca asburgica sul sito.

Una vista all’interno di uno dei magazzini abbandonati sul sito. (Giovanni Vigna via JTA.org)

“Volevamo in tutti i modi trovare una soluzione per riqualificare il quartiere dopo decenni di degrado e abbandono, rispettando la storia del luogo che è fortemente segnata da una dimensione religiosa”, ha affermato Andrea Morari, consulente urbanistico del Comune. “Il confronto costante ci ha portato a disegnare un progetto migliore e culturalmente più ricco del primo. È necessario ripristinare finalmente una zona meravigliosa della città”.

Il progetto, finanziato con 6,5 milioni di euro dal governo italiano, partirà a marzo e sarà completato entro il 2024.

Kalmanovich non ha commentato l’accordo. Kolorny ha ribadito la sua critica ai rabbini ortodossi che si erano inseriti nel dibattito dall’esterno della comunità.

Ha detto alla Jewish Telegraph Agency: “Sono felice che i negoziati siano finiti – quello che mi preoccupa è l’intervento dei rabbini che hanno ipotizzato che il progetto debba essere modificato”. “I progettisti hanno dovuto pazientemente soddisfare le affermazioni di Kalmanowitz. I rabbini vogliono far rispettare la legge ebraica, che non ha nulla a che fare con le leggi italiane”.

READ  Cosa hanno cercato i rumeni su Internet nel 2020. Le 23 principali ricerche su Google

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.