Piogge più abbondanti e rischio allagamenti in arrivo per alcune parti d’Italia

Piogge più abbondanti e rischio allagamenti in arrivo per alcune parti d’Italia

Un nuovo sistema di bassa pressione, denominato Tempesta Nino, sta avanzando verso l’Italia: tra oggi e domani porterà altre ondate di pioggia e temporali in molte regioni d’Italia, insieme alle isole Sardegna e Corsica oltre alla Costa Azzurra.

Dopo che alcune parti del nord Italia hanno sperimentato le condizioni meteorologiche più avverse della memoria recente, le forti piogge hanno causato inondazioni nella regione Emilia-Romagna del nord Italia. Una nuova depressione si è formata al largo della costa tunisina nel Mediterraneo occidentale e si sta dirigendo verso l’Italia che riporterà forti piogge in molte parti; Anche se per l’Emilia-Romagna allagata, fortunatamente, le precipitazioni saranno più leggere di quanto non siano state di recente.

Sembra che l’obiettivo principale delle forti piogge questa volta sarà nell’Italia nord-occidentale, poiché l’aria calda e umida viene spinta a nord da un sistema di bassa pressione sulle montagne dell’Italia nord-occidentale e nel sud-ovest delle Alpi, causando forti quantità di pioggia nel corso delle 48 ore successive. Ciò potrebbe portare a piene improvvise localizzate, mentre enormi quantità di acqua nel bacino del Po, il fiume più grande d’Italia, potrebbero causare inondazioni più gravi nelle pianure alluvionali del nord Italia.

Con più pioggia probabile nella regione Emilia-Romagna colpita dall’alluvione nei prossimi giorni e livelli dei fiumi ancora in fase di piena, è ancora in vigore un allarme rosso critico per ulteriori allagamenti, e questa è una traduzione dell’attuale allerta nel Centro -Regione della regione orientale:

Per venerdì 19 maggio sono previste deboli precipitazioni nella regione centro-occidentale. L’alluvione già in atto estesa ai tratti vallivi di tutti i corsi d’acqua del settore centro-orientale della regione, con golene occupate e argini interessati, dovrebbe iniziare un graduale declino. Dal punto di vista della rilevanza idrogeologica, saranno possibili dissesti diffusi nelle regioni montane/montane centro-orientali della regione dove permarranno condizioni favorevoli allo sviluppo di movimenti franosi per scivolamento e colata lungo versanti caratterizzati da condizioni idrogeologiche fragili e per ad aggravare i numerosi smottamenti già attivatisi a seguito di piogge nei giorni scorsi. Inoltre, locali frane saranno possibili nelle aree montane/collinari occidentali.

L’importanza idraulica e idrogeologica della selvicoltura rossa a Bologna e in Romania è dovuta alla selvicoltura già presente nell’area.

Tredici persone sono state uccise finora nella regione settentrionale italiana dell’Emilia-Romagna, dove 21 fiumi hanno rotto gli argini e hanno inviato grandi quantità di acqua sulle terre circostanti. L’epicentro della recente tempesta Minerva, che ha portato allagamenti catastrofici, è stato nel nord Adriatico lungo la costa dell’Emilia-Romagna (vicino a Ravenna) dove in poche ore sono caduti oltre 50 cm di pioggia e sono state evacuate 14.000 persone. Il livello dell’acqua è salito di oltre un metro a Faenza e Cesena, e il centro di Bologna è stato allagato. Chiuse anche autostrade e ferrovie.

READ  Simply Italian Great Wines tornerà a settembre

In due giorni, l’equivalente di 6 mesi di precipitazioni è caduto in 36 ore. I danni causati dalle inondazioni sono stimati in diversi miliardi di euro. Il miglioramento del tempo di ieri ha causato l’abbassamento di alcuni fiumi e alcune persone sono potute tornare a casa. Ma con più pioggia prevista, i livelli dei fiumi potrebbero facilmente salire di nuovo e causare più inondazioni.

Inondazioni e smottamenti hanno anche causato il caos in Croazia, Bosnia e Slovenia, a causa dello stesso sistema di bassa pressione sul mare Adriatico che ha portato piogge prolungate all’inizio di questa settimana.

Tempesta Minerva all’inizio di questa settimana, che ha portato inondazioni catastrofiche in Emilia-Romagna:

Bassa quota intrappolata sul Mediterraneo centrale all’inizio di questa settimana bloccando i massimi su entrambi i lati:

La ragione alla base del recente e attuale attacco di tempo instabile sul Mediterraneo centrale è un minimo superiore che si è bloccato e che si muove lentamente sull’Europa centrale e meridionale tra un massimo bloccato sull’Oceano Atlantico settentrionale e un massimo massimo minimo sull’Europa orientale e occidentale Russia. La depressione superiore sembra spostarsi a sud-ovest verso la Spagna meridionale e il Marocco durante il fine settimana, ma mentre si ritira, attirerà aria calda, umida e instabile a nord verso l’Italia, portando più pioggia, ma questa volta l’attenzione è sull’Italia nordoccidentale.

Le recenti inondazioni nel nord Italia rischiano di essere aggravate dai precedenti mesi di siccità nelle aree colpite dall’alluvione. I terreni asciutti e induriti riducono la loro capacità di assorbire e immagazzinare l’acqua dalla pioggia, il che porta a un aumento del deflusso quando piove molto, il che provoca l’innalzamento dei fiumi e i fiumi che hanno maggiori probabilità di rompere gli argini.

READ  Guarda due Ferrari in corsa volare in aria e schiantarsi contro il recinto della villa italiana

Queste fluttuazioni tra siccità e forti piogge sono caratteristiche del cambiamento climatico e questi estremi stanno diventando più comuni in tutta l’Europa meridionale. L’Italia, la Spagna e il Portogallo sono diventati certamente più soggetti a caldo estremo e siccità, mentre gli eventi di inondazioni improvvise sono diventati comuni vicino al Mediterraneo. L’aria più calda può trattenere più acqua, quindi una temperatura più alta può significare forti piogge quando colpiscono i temporali, aumentando la possibilità di inondazioni improvvise. Anche il Mar Mediterraneo è diventato più caldo negli ultimi anni, il che ha aumentato il rischio di forti piogge nelle zone costiere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *