Il presidente di FSI afferma che i marchi “Made in Italy” hanno bisogno di dimensioni per sopravvivere

Fotografo: Marco Bertorello / AFP / Getty Images

Le aziende di moda italiane devono rafforzare le loro strutture di capitale e molte dovrebbero cercare di unire le forze per competere in futuro. Maurizio Tamagnini, CEO della società di private equity FSI, che possiede una partecipazione in Missoni SpA, in un’intervista.

“La pandemia sta rendendo tutto chiaro: la dimensione, unita alla diversificazione dei prodotti e dei mercati, non è più un lusso, è un must”, ha detto Tamagnini, il cui management la controlla, è partecipata al 39% dallo Stato prestatore. Depositi e Prestiti SpA.

Tamagnini ha affermato in un’intervista che le piccole imprese del lusso sono impantanate in un ciclo di “minori flussi di cassa, minori entrate e più lenta crescita internazionale”. “Il valore del marchio non è nulla se non c’è sostenibilità economica”.

Come una mappa stradale per uscire da questa impasse, ha sottolineato Tamagnini Acquisizione da parte di Moncler SpA a dicembre di Stone Island, rivale dell’abbigliamento sportivo di fascia alta.

“I manager dovrebbero seguire il percorso intrapreso da Remo Rovinj Moncler con Stone Island”, ha detto Tamagnini. I marchi italiani “devono mettere al primo posto la sostenibilità finanziaria a lungo termine delle loro aziende ed essere pronti a sacrificare il controllo delle poste in gioco”.

Un grido di risveglio

I numeri di vendita durante una pandemia possono concentrarsi sul cervello. Secondo la lobby imprenditoriale di Confindustria Moda, i ricavi totali nel 2020 per le aziende italiane del tessile, della moda e degli accessori dovrebbero diminuire di quasi il 30%, con una perdita di quasi 30 miliardi di euro.

READ  Ryan Tobredi si scusa da RTÉ dopo aver detto che l'Italia non dovrebbe essere nel Sei Nazioni perché non è abbastanza buona.

“Il campanello d’allarme per le aziende italiane arriverà con i rapporti finanziari per il 2020”, ha detto Tamagnini.

Anche se da allora la speculazione ha imperversato sulle più grandi società di lusso indipendenti in Italia Salvatore Ferragamo SpA ha scosso il suo consiglio Il 20 gennaio, Tamagnini ha detto di non vedere spazio per scambi in cui “qualcuno vince un altro”, suggerendo che il modello di Moncler all’apertura raggiungere Più potenziali stakeholder possono lavorare meglio.

“Ci sono molte aziende in Italia con un fatturato annuo compreso tra 500 milioni e un miliardo di euro che possono partecipare a questo processo”, ha detto Tamagnini. FSI gestisce il fondo di private equity FSI I, con circa 1,4 miliardi di euro ($ 1,7 miliardi) di capitale raccolto fino ad oggi. Possiede il 41% della casa di moda italiana Missoni.

Mentre Tamagnini ha riconosciuto che un progetto del 2013 per costruire una “casa comune” per mettere in comune partecipazioni di minoranza nei principali marchi di lusso italiani è stato un fallimento, ha detto che potrebbe prendere in considerazione l’adesione “se a un certo punto un altro operatore riesce ad attrarre il meglio del Made in Italy sotto un tetto. “”.

Nel frattempo, ha affermato che FSI si sta concentrando sul rilancio di Missoni e sull’aiutare il management a investire nell’espansione digitale e internazionale, con una possibile quotazione in borsa in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *