Il ministro degli Esteri giapponese esorta la Cina a liberare il suo cittadino imprigionato | Notizia

Il ministro degli Esteri giapponese esorta la Cina a liberare il suo cittadino imprigionato |  Notizia

Una protesta diplomatica per la recente detenzione di un dipendente di un’azienda farmaceutica ha segnato la prima visita di un ministro degli Esteri giapponese a Pechino in più di tre anni.

Il ministro degli Esteri giapponese Yoshimasa Hayashi ha incontrato il suo omologo cinese a Pechino e ha esortato il governo locale a rilasciare immediatamente un cittadino giapponese imprigionato.

L’incontro di domenica di Hayashi con Qin Gang è stata la prima visita di un ministro degli Esteri giapponese a Pechino in più di tre anni, mentre le due potenze asiatiche rivali cercano un terreno comune in un momento di accresciute tensioni regionali.

Un portavoce del produttore di farmaci ha dichiarato una settimana fa che un dipendente di Astellas Pharma era stato arrestato in Cina per motivi sconosciuti.

Il Ministero degli Affari Esteri giapponese ha dichiarato che cinque cittadini giapponesi sono attualmente detenuti in Cina, due dei quali sono già stati processati e condannati.

“Ho presentato una protesta contro la recente detenzione di un giapponese a Pechino e ho rafforzato la nostra posizione su questo problema, compreso il rilascio anticipato di questo cittadino”, ha detto Hayashi ai giornalisti.

Chen ha risposto che la Cina “se ne occuperà [the case] Secondo la legge”, ha detto una lettura della riunione del ministero degli Esteri cinese.

Hayashi ha affermato che il Giappone cerca trasparenza sulle procedure legali relative agli arresti e ha chiesto alla Cina di garantire un ambiente di lavoro equo e sicuro. Non ha approfondito la risposta della Cina.

“Questo è accaduto quando il governo cinese sta cercando di promuovere gli investimenti giapponesi in Cina, e lì vediamo una discrepanza”, ha detto domenica ai giornalisti Yukiko Okano, vice addetto stampa del ministero degli Esteri giapponese, aggiungendo che il punto è stato sollevato da Hayashi durante il suo incontri. a Pechino.

READ  Impronte del mondo 2020 - Maha MTB

Il ministro ha anche trasmesso le profonde preoccupazioni di Tokyo per l’aumento dell’attività militare della Cina, compresa la sua cooperazione con la Russia e la sua presenza navale nel Mar Cinese Orientale.

“Entrambi abbiamo sottolineato l’importanza di continuare il dialogo su questioni, compresa la sicurezza nazionale”, ha detto Hayashi.

Hayashi ha detto di aver parlato con Chen dell'”importanza di garantire la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan”. Pechino ha affermato che Chen ha avvertito il Giappone “di non interferire nella questione di Taiwan o di minare in alcun modo la sovranità della Cina”, sottolineando che Taiwan è “il fulcro degli interessi fondamentali della Cina”.

“La posizione del Giappone non è cambiata, non con questa osservazione, non negli ultimi anni”, ha detto Okano quando gli è stato chiesto di commentare il resoconto di Pechino.

Sono aumentate le tensioni su Taiwan, che Pechino rivendica come propria. La Cina non ha mai rinunciato all’uso della forza per portare Taiwan sotto il suo controllo. Il governo democraticamente eletto di Taipei respinge le affermazioni di Pechino e afferma che solo il popolo di Taiwan può decidere del suo futuro.

Il Giappone ha anche presentato una denuncia diplomatica ad agosto dopo che cinque missili balistici lanciati dall’esercito cinese sono atterrati nella zona economica esclusiva del Giappone vicino alle isole contese note come Senkaku in Giappone e Diaoyu in Cina.

Nuove restrizioni

Venerdì, Tokyo ha annunciato restrizioni all’esportazione di apparecchiature per la produzione di semiconduttori, dopo gli Stati Uniti. Chen ha avvertito il suo omologo “di non recitare la parte del complice del lascivo”.

READ  Migliaia di persone erano senza elettricità dopo che le tempeste hanno colpito gli Stati Uniti meridionali

Le restrizioni coincidono con azioni simili da parte di Stati Uniti e Paesi Bassi volte a limitare la capacità della Cina di produrre chip avanzati.

Hayashi ha detto ai giornalisti che le restrizioni “non prendono di mira nessun paese specifico”.

Nonostante le loro divergenze, ha detto Hayashi, Cina e Giappone hanno deciso di riprendere i colloqui con la Corea del Sud, definendo l’accordo un “risultato importante” dal suo incontro con Chen.

“Abbiamo concordato di continuare a comunicare strettamente a vari livelli, anche a livello di ministri degli Esteri e leadership”, ha affermato Hayashi.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il presidente cinese Xi Jinping si sono incontrati a margine del vertice di cooperazione economica Asia-Pacifico a novembre, il primo incontro tra i leader dei due paesi in quasi tre anni.

L’ultimo ministro degli Esteri giapponese a visitare la Cina è stato il predecessore di Hayashi, Toshimitsu Motegi, nel 2019, prima che la Cina imponesse rigide restrizioni alla diffusione dell’epidemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *