Sport o spettacolo? Il caos a Melbourne evidenzia l’eterna lotta della F1

Sport o spettacolo?  Il caos a Melbourne evidenzia l’eterna lotta della F1

L’eterna lotta della Formula 1 per cavalcare il confine tra sport e intrattenimento è tornata con un vero e proprio calcio negli ultimi giri del Gran Premio d’Australia 2023 di domenica.

La safety car di Kevin Magnussen a fine gara con il suo viaggio verso il muro esterno della curva 2 si è presto trasformata in una fermata completa con bandiera rossa, con grande incredulità dei piloti, che si aspettavano completamente l’arrivo della safety car.

L’interruzione della gara ha consentito ai fan di godersi più giri della gara rispetto a una ripetizione del Gran Premio d’Italia dello scorso anno, ma la carneficina alla curva 1 alla ripartenza ha messo fine alle speranze di una battaglia a doppio senso tra Max Verstappen e Lewis Hamilton per la vittoria.

Per saperne di più: Stipendi dei piloti di F1: quanto guadagnano Hamilton, Verstappen e compagni di squadra?

L’amministratore delegato della Formula 1 Stefano Domenicali ha recentemente parlato di ridurre le sessioni di prove libere dello sport per migliorare lo spettacolo per i fan in vista del fine settimana del Gran Premio. Tuttavia, l’esito negativo di questa gara dimostra che le buone intenzioni non portano necessariamente a buoni risultati.

Domenicali ha parlato di limitare le sessioni di prove libere

La confusione regnava nel periodo di massimo splendore di Melbourne

Ho seguito lo sport per oltre un quarto di secolo eppure io, come i team e i piloti nella corsia dei box, non avevo idea di cosa stesse succedendo durante il secondo pit stop del Gran Premio d’Australia ed ero frustrato dal fatto che la gara il regista l’aveva fermato.

L’effetto farfalla di Michael Massey che sbatte le ali del direttore di gara alla finale di Abu Dhabi 2021 continua a influenzare lo sport oggi. Le critiche su come la gara ora si conclude hanno portato all’arrivo della safety car di Monza lo scorso anno e al tentativo dell’Australia di finire lo sprint di due giri.

READ  Italia vs Svizzera: la squadra di Roberto Mancini può arrivare agli ottavi con una vittoria

Anche se posso vedere l’utilità di fermare la gara per uno spettatore sugli spalti sperando in un arrivo sull’asfalto, la safety car avrebbe ripulito il relitto di Magnussen se avesse concluso prematuramente la sua gara dozzine di giri prima. La bandiera rossa è volata perché era in ritardo nella gara, che è uno spettacolo più che uno sport.

Invece, il desiderio di mettere in scena uno spettacolo per il pubblico e per i telespettatori ha aggiunto alla F1 un elemento di lotteria, con anche i partecipanti che aspettano informazioni sugli schermi per conoscere i loro prossimi passi.

Anche se non ho familiarità con i giudizi ambigui come lo erano gli uomini e le donne sul muretto dei box, altrettanto ignorante della bandiera rossa finale e dell’improvvisa decisione di fermarmi è stata causata da Magnussen quanto lo ero io.

Immagina se un calciatore si infortuna nei minuti di recupero di una partita in cui la squadra non ha altre potenziali sostituzioni. Ora immagina i restanti 21 giocatori in attesa di vedere se l’arbitro vuole concedere un’occasione in più a causa di una controversa finale di Champion’s League di due anni fa in cui solo una squadra aveva 10 uomini in campo.

La F1, come tutti gli sport, dovrebbe essere autentica

È qui che sembriamo essere con la F1 come una forza che cerca di mantenere l’interesse degli spettatori assicurando che le condizioni siano mature per il dramma piuttosto che offrire uno sport autentico che potrebbe produrre momenti emozionanti a sé stante.

Per continuare l’analogia con il calcio, cercando di creare un rigore siamo in qualche modo finiti in quello che sembrava un pareggio perso per 1-1 mentre i 12 piloti rimanenti strisciavano oltre la linea senza possibilità di sorpasso.

READ  Guirlande d'Honneur è un'opera di cinema cinematografico

Un’ora fa mi stavo godendo uno dei Gran Premi d’Australia più divertenti degli ultimi anni; Non era un classico di tutti i tempi, ma era molto meglio del 90% delle slot di cautela australiane mattutine a cui sono abituato all’Albert Park.

Tuttavia, quando finalmente è volata la bandiera a scacchi, mi sono chiesto perché avessi aspettato così tanto per vedere il pilota della safety car Bernd Maylander condurre l’ultimo giro.

Il mio detto preferito sulla F1 è che è “uno sport in cui può succedere di tutto, e di solito non succede”.

Quando riesco a vedere i fili che tirano i pezzi in luoghi fabbricati, è allora che la F1 si avventura un po’ troppo in là nella scena.

Come centinaia di milioni di altri fan, sono ancora qui dopo anni passati a guardare uno sport con regole fisse in cui l’incredibile può accadere naturalmente in un dato fine settimana – ecco cos’è lo sport, ecco perché lo guardo, ed è qui che devi torna indietro Formula Uno.

Per saperne di più: Team Principal F1: chi sono gli uomini al comando nel 2023?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *