Il Montenegro va alle urne mentre il presidente cerca la rielezione | Notizie elettorali

Il Montenegro va alle urne mentre il presidente cerca la rielezione |  Notizie elettorali

Se nessun candidato alla presidenza riceve più del 50% dei voti, il mese prossimo si svolgerà un secondo turno di votazioni.

I montenegrini hanno votato in un’elezione presidenziale segnata da disordini politici e incertezza sul fatto che il piccolo membro della NATO nei Balcani abbandonerà la sua candidatura per aderire all’Unione Europea o cercherà invece migliori relazioni con Serbia e Russia.

I seggi elettorali in Montenegro sono stati aperti domenica alle 7:00 (06:00 GMT) e chiusi alle 20:00 (19:00 GMT). I primi risultati non ufficiali dei sondaggisti, basati su un campione di elettori, sono attesi tra circa due ore.

Se nessun candidato riceve più del 50% dei voti, il 2 aprile è previsto un secondo turno di votazioni tra i primi due.

Gli analisti prevedono che il primo turno delle elezioni presidenziali non produrrà un chiaro vincitore e che l’attuale Milo Djukanovic, 61 anni, dovrà affrontare uno dei numerosi sfidanti in un ballottaggio.

L’attuale presidente filo-occidentale Djukanovic ha ricoperto per 33 anni incarichi politici di primo piano nel Paese e cerca un altro mandato di cinque anni.

Sebbene la presidenza sia in gran parte cerimoniale in Montenegro, i sondaggi sono visti come un importante indicatore del sentimento popolare in vista delle elezioni parlamentari previste per l’11 giugno.

“Non ho intenzione di perdere queste elezioni e mi aspetto di guidare il mio partito nel voto parlamentare”, ha detto Djukanovic dopo aver espresso il suo voto. “Penso che ci sarà un ballottaggio… e che avremo un duello leale. Sono convinto della mia superiorità”.

Gli oppositori di Djukanovic includono Andrija Mandic, leader del Fronte democratico filo-serbo e filo-russo, l’economista Yakov Milatovic del neonato gruppo Europe Now e l’ex portavoce del parlamento Alexa Bekic.

READ  Ginocchio più morbido del riso all'uovo fritto! Lo zio Roger si scusa per aver eliminato con urgenza il film controverso | E-sport新 头壳 Newtalk
Jakov Milatović del neonato gruppo Europe Now esprime il suo voto a Podgorica, in Montenegro [Risto Bozovic/AP Photo]

Gli osservatori affermano che Milatović, che ha servito nel governo eletto dopo le elezioni parlamentari del 2020 ma successivamente separato dalla coalizione di governo, potrebbe avere le migliori possibilità di entrare in un ballottaggio contro Djukanovic.

Milatović ha accusato Djukanovic e il suo partito di corruzione, affermando che l’eventuale rimozione del presidente dal potere era necessaria affinché il Montenegro andasse avanti.

Dopo aver espresso il suo voto, Mandić ha detto ai giornalisti che se vincesse, la sua presidenza creerebbe “una politica di riconciliazione incentrata su tutti i cittadini che condurrà una potente guerra contro la corruzione e la criminalità organizzata”.

Djukanovic e il suo Partito socialdemocratico (DPS) hanno portato il Montenegro all’indipendenza dalla Serbia nel 2006 e hanno sfidato la Russia ad aderire alla NATO nel 2017. Un’alleanza dominata da partiti che cercano legami più stretti con Serbia e Russia ha estromesso il DPS dal potere nel 2020.

Tuttavia, la nuova coalizione di governo è presto precipitata nel caos, bloccando il percorso del Montenegro verso l’Unione europea e creando una situazione di stallo politico. L’ultimo governo è caduto in agosto con un voto di sfiducia, ma è stato tenuto al potere per mesi da una situazione di stallo.

Djokanovic ha subito un forte calo di popolarità. Gli oppositori accusano il presidente e il DPS di corruzione, legami con la criminalità organizzata e gestione del paese di 620.000 persone come loro feudo personale – accuse che Djukanovic e il suo partito negano.

Ora spera di ripristinare la fiducia tra i circa 540.000 elettori aventi diritto in Montenegro e contribuire a spianare la strada al ritorno al potere del suo partito.

READ  La testimonianza contro Derek Chauvin ha rivelato una crepa nel "Muro Blu", ma gli esperti dicono che deve venire giù

Djukanovic ha descritto le elezioni presidenziali come una scelta tra il Montenegro indipendente e un paese dominato dalle vicine Serbia e Russia.

“Solo pochi anni fa, nessuno avrebbe potuto immaginare che avremmo condotto ancora una volta una battaglia decisiva per la sopravvivenza del Montenegro”, ha detto ai suoi sostenitori. “Purtroppo, con il cambio di potere due anni e mezzo fa, l’orizzonte dei valori europei si è irresponsabilmente chiuso”.

Il leader del Fronte Democratico Andrija Mandic applaude durante una manifestazione pre-elettorale a Podgorica, in Montenegro [Risto Bozovic/AP Photo]

Il caos politico e le riforme bloccate in un paese a lungo considerato il prossimo in linea per l’adesione all’UE hanno preoccupato i funzionari dell’UE e degli Stati Uniti, che temono che la Russia stia cercando di fomentare disordini nei Balcani per distogliere l’attenzione dalla guerra in Ucraina.

I montenegrini rimangono profondamente divisi tra i sostenitori delle politiche di Djukanovic e coloro che si considerano serbi e vogliono che il Montenegro si allei con la Serbia e la Russia, paese slavo.

Mandić del partito Fronte democratico, che è stato accusato di essere parte di un tentativo di colpo di stato orchestrato dalla Russia nel 2016, ha cercato di presentarsi come una figura conciliante durante la campagna elettorale, affermando che il suo obiettivo principale come presidente sarà quello di colmare la divisione in Montenegro.

Il paese è entrato a far parte della NATO un anno dopo un fallito tentativo di colpo di stato che il governo ha attribuito ad agenti russi e nazionalisti serbi. Mosca ha respinto tali accuse come assurde.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina lo scorso anno, il Montenegro ha aderito alle sanzioni dell’UE contro la Russia. Il Cremlino ha inserito il Montenegro nella lista dei paesi ostili.

READ  Le Filippine accusano la Cina di aver sparato con idranti contro le sue imbarcazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *