Kevin McCarthy si rifiuta di rispettare la citazione del 6 gennaio della Commissione così com’è e presenta richieste

L’avvocato di McCarthy, Elliot S.

L’argomentazione del leader repubblicano secondo cui la commissione non è legale o costituzionalmente valida rispecchia quella di un certo numero di persone prese di mira per citazione in giudizio che hanno tentato di fare una pretesa legale di non aver bisogno di conformarsi. I giudici hanno respinto questa argomentazione.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Tim Kelly ha affermato in un recente caso relativo alla richiesta della commissione di documenti da parte del Comitato nazionale repubblicano e di uno dei suoi fornitori, che la richiesta rientrava nel suo ambito legislativo.

Oltre a McCarthy, il comitato ha convocato altri quattro membri repubblicani della Camera dei rappresentanti: rappresentanti del Partito Repubblicano; Jim Jordan dall’Ohio, Andy Biggs dell’Arizona, Moe Brooks dell’Alabama e Scott Perry della Pennsylvania. Anche Jordan, Biggs e Perry hanno respinto le citazioni della commissione.

“McCarthy e altri membri che hanno ricevuto citazioni in giudizio si nascondono dietro false argomentazioni e richieste infondate di trattamento speciale”, ha affermato venerdì il portavoce del comitato Tim Mulvey in una dichiarazione.

“Le rivendicazioni contro la composizione della Commissione ristretta e la legittimità delle sue citazioni in giudizio sono ripetutamente fallite nei tribunali. La Commissione ristretta ha interrogato più di mille persone e la stragrande maggioranza dei testimoni convocati ha rispettato la legge”, ha affermato Mulvey , aggiungendo che il presidente della commissione risponderà formalmente: “Nei prossimi giorni” su coloro che non si sono conformati.

Nella lettera, Burke si è concentrato specificamente sulla formazione del comitato, sostenendo che era di natura partigiana e non aveva il contributo necessario dai repubblicani della Camera per emettere citazioni in giudizio ai membri del Congresso.

Mentre la presidente della Camera Nancy Pelosi ha rifiutato la scelta di McCarthy di far parte del comitato della Giordania e del rappresentante repubblicano Jim Banks dell’Indiana, avrebbe accettato le altre tre scelte per il leader repubblicano. Invece, McCarthy Ritira il resto dei membri proposti di considerazione. Pelosi alla fine scelse i rappresentanti repubblicani Liz Cheney del Wyoming e Adam Kinzinger dell’Illinois per far parte del comitato.

Restringendo il focus investigativo della commissione, Burke ha accusato la commissione di aver utilizzato il governo federale per “attaccare percepiti rivali politici” e ha avvertito che le sue azioni potrebbero “aprire il vaso di Pandora e infliggere a questa istituzione indagini di parte”.

READ  Il marito va a lavorare, la moglie ha un rapporto intimo con il padre del marito a casa

McCarthy, ha detto, non aveva nuove informazioni da presentare alla commissione e ha suggerito alla commissione di chiedere a Cheney, che ha servito come presidente della convention repubblicana durante il periodo di tempo in cui la commissione vuole discutere con McCarthy, se vuole maggiori informazioni sulla Camera dirigenza repubblicana. .

McCarthy e Cheney sono diventati apertamente rivali politici quando il leader repubblicano ha sostenuto una campagna per estromettere il leader repubblicano del Wyoming dalla sua posizione di leadership perché era stata apparentemente criticata. L’ex presidente Donald Trump Il ruolo che ha giocato nell’attacco.

L’avvocato di McCarthy nella lettera è anche arrivato al punto di dire che alcuni membri del comitato stavano esagerando l’affermazione di agire come forze dell’ordine. La commissione è stata chiara sul fatto che il suo ruolo non è quello di perseguire alcun reato, ma semplicemente di deferire eventuali reati rivelati dalle sue indagini, se del caso, al Ministero della Giustizia.

“Nella composizione, nella condotta, nei comunicati stampa, nelle dichiarazioni pubbliche, nelle interviste e nella corrispondenza, è chiaro che il Comitato Ristretto non agisce entro i confini di alcuno scopo legislativo”, ha scritto Burke. “Il suo unico obiettivo sembra essere cercare di segnare punti politici o danneggiare i suoi oppositori politici, agendo come il Comitato per la campagna del Congresso democratico un giorno e il Dipartimento di giustizia il prossimo”.

Burke ha offerto a McCarthy le richieste che voleva soddisfare prima di pensare a come procedere con la citazione. Questi includono: definire le materie e i documenti che il comitato intende utilizzare nel deposito, fornire motivazioni legali e costituzionali per entrambi, designare un membro di minoranza precedentemente consultato per emettere citazioni in giudizio ai legislatori repubblicani e chi il membro di minoranza di spicco sarà consigliere nel deposito, e limitando qualsiasi deposito a un’ora per lato, alternando avvocati di minoranza e di maggioranza.

READ  Zelensky afferma che quasi 400 strutture sanitarie sono state distrutte o danneggiate dalle forze russe

Nella sua lettera iniziale a McCarthy a gennaio in cerca della sua collaborazione volontaria, il comitato ha chiarito che voleva interrogarlo sulle sue comunicazioni con Trump, il personale della Casa Bianca e altri nella settimana successiva all’attacco del 6 gennaio, “in particolare per quanto riguarda lo stato del presidente Trump della mente in quel momento».

Il panel voleva anche capire come i commenti pubblici di McCarthy dopo l’attacco fossero cambiati nel tempo dal criticare Trump alla difesa e si chiedeva se Trump lo avesse fatto pressioni affinché cambiasse tono quando si sono incontrati alla fine di gennaio 2021.

Dopo la lettera del comitato a McCarthy, una nuova registrazione audio ha rivelato che nei giorni successivi alla ribellione, il leader della minoranza ha pensato di chiedere a Trump di dimettersi. L’audio ha anche rivelato che McCarthy ha detto ai legislatori repubblicani in una teleconferenza privata che Trump aveva ammesso di essere responsabile dell’attacco mortale.

Il comitato ha contattato per la prima volta la Giordania, uno dei più forti alleati di Trump a Capitol Hill, a dicembre per saperne di più sui contatti che ha avuto con Trump il 6 gennaio e con gli alleati di Trump che erano stati di stanza nella stanza della guerra del Willard Hotel nei giorni precedenti Quello. per attaccare.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli venerdì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.