Il governatore di New York Kathy Hochul pone il veto al divieto delle clausole di non concorrenza

Il governatore di New York Kathy Hochul pone il veto al divieto delle clausole di non concorrenza

6:10 di lunedì 25 dicembre 2023

Hochul. Foto: Lev Radin/Shutterstock

I lavoratori che vivono a New York e che intendono cambiare carriera non lo hanno pianificato, Kathy Hochul. Tuttavia, la legislatura statale controllata dai democratici ha approvato il divieto di clausole di non concorrenza nei contratti di lavoro Il suo governatore controllato da Wall Street ha posto il veto.

Negli ultimi anni gli accordi di non concorrenza si sono moltiplicati in tutta l’economia: secondo alcuni sondaggi, tra il 18% e il 45% dei lavoratori del settore privato potrebbero rispettarli. I critici sostengono che le disposizioni restrittive impediscono la libera circolazione della manodopera e impongono un onere ingiusto su una costellazione di lavoratori, in particolare quelli che svolgono lavori a basso salario e poco qualificati.

I governi hanno risposto allo stesso modo. Circa la metà degli stati americani hanno imposto rigide restrizioni alle clausole di non concorrenza, e alcuni stati, come il Minnesota e la California, le hanno vietate del tutto. Sotto la presidenza Biden, la Federal Trade Commission sta esplorando un divieto nazionale per le aziende che richiedono ai lavoratori di firmare accordi.

La California ha vietato la non concorrenza nel 19° secolo.

La cosa più interessante è che Hochul afferma chiaramente che la ragione per cui si oppone a questa legge è costringere i lavoratori del settore finanziario a restare al lavoro. Quasi ogni altro tipo di politico potrebbe simboleggiarlo in un modo o nell’altro in termini di libertà, scelta, diritti, crescita economica o in qualche altro modo per farlo sembrare una buona notizia a qualcuno. chiunque. Ma è felice di sottolineare che questo è ciò che Wall Street vuole fare; È letteralmente come Notizie Bloomberg La storia era menzionata nel titolo.

READ  George Floyd: Il capo della polizia di Minneapolis dovrebbe testimoniare all'inizio della seconda settimana del processo di Derek Chauvin

Non c'è da stupirsi che abbia quasi perso contro un candidato repubblicano di estrema destra in uno degli stati più liberali d'America. Il suo collegio elettorale è costituito da società esclusive e il suo unico fascino sugli esseri umani è la loro paura di ciò che potrebbe sostituirle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *