Il giovane designer Yukon Casca sta facendo parlare di sé ad una sfilata di moda in Italia

Il giovane designer Yukon Casca sta facendo parlare di sé ad una sfilata di moda in Italia

La designer di Yukon Natasha Peter, al centro, indossa un abito blu e nero, mentre alcune modelle indossano le sue creazioni Kaska Dena Designs, alla Settimana della Moda di Milano. (Inserito da Natasha Peter – Credito immagine)

Avviare un'attività in proprio può essere difficile e Natasha Peter si è recentemente chiesta se fosse giunto il momento di rinunciare alla sua impresa, Kaska Dena Designs.

“Dall'inizio dell'anno, ho davvero pensato di smettere”, ha detto.

“Sai come vanno gli affari, ci sono molti alti e bassi.”

Ma questa settimana, le cose sono andate sicuramente bene per Peter, e ora potrebbe mettere da parte ogni pensiero di smettere.

La stilista indigena, originaria della piccola comunità dello Yukon di Ross River, ha visto una collezione dei suoi lavori esposta questa settimana sulla passerella della settimana della moda di Milano in Italia.

“È stata un'esperienza straordinaria e l'eccitazione era davvero surreale”, ha detto Peter a CBC News da Milano all'inizio di questa settimana.

“Sembra che tutto sia successo così in fretta. E ora sono seduto nella mia stanza a pensare: 'Wow, non posso credere di essere arrivato così lontano con la mia piccola attività che ho costruito sul tavolo della mia cucina.'

La stilista Yukon Natasha Peter alla settimana della moda di Milano.La stilista Yukon Natasha Peter alla settimana della moda di Milano.

La stilista Yukon Natasha Peter alla settimana della moda di Milano.

“L'eccitazione era così surreale”, ha detto Peter. (Inviato da Natasha Peter)

Peter ha detto che gli organizzatori dell'evento hanno visto il suo lavoro sui social media e l'hanno contattata per invitarla a Milano.

“Pensavo di sicuro che mi avrebbero preso in giro”, ha detto. “Ho parlato dell'argomento con alcune delle mie fonti attendibili e ho anche fatto delle ricerche su di loro, e ho scoperto che erano piuttosto legittime.”

READ  I 5 articoli indispensabili in una cucina

Peter ha detto che gli organizzatori dell'evento sono rimasti colpiti dal modo in cui i suoi gioielli e i suoi modelli di abbigliamento riflettevano e celebravano la sua eredità di Casca Dina. Ha chiamato il gruppo di Milano in onore di Dina, che ha chiamato in onore di sua nonna Tootsie Charlie – “Gookin the North”.

“Mia nonna è morta cinque anni fa e la stimo ancora molto e apprezzo tutte le cose che ci ha trasmesso nel corso degli anni”, ha detto Peter.

Peter ha ricordato come lei stesse ancora lavorando sodo qualche settimana prima di partire per l'Italia, realizzando i pezzi finali che avrebbero fatto parte della collezione.

“Non sapevo cosa fare. Quindi ho messo insieme i pezzi in modo casuale e il risultato è stato perfetto. Ne ero molto orgogliosa”, ha detto.

“E io, sai, ho sentito la presenza di mia nonna durante tutto questo viaggio, e ne sono davvero grato.”

La modella canadese Camellia Fokey indossa un abito Kaska Dena Designs, alla settimana della moda di Milano nel febbraio 2024.La modella canadese Camellia Fokey indossa un abito Kaska Dena Designs, alla settimana della moda di Milano nel febbraio 2024.

La modella canadese Camellia Fokey indossa un abito Kaska Dena Designs, alla settimana della moda di Milano nel febbraio 2024.

La modella canadese Camellia Fokey indossa un abito e una collana Kaska Dena Designs alla settimana della moda di Milano. (Settimana della Moda di Milano 2024)

Per Peter, la settimana della moda di Milano è stata un'opportunità non solo per mostrare lei e il suo lavoro, ma anche per condividere i riflettori con gli altri.

Ha viaggiato in Italia con tre modelle di Casca, dello Yukon, che indosseranno le sue creazioni in passerella. Peter ha anche collaborato con due anziani di Casca la cui arte è inclusa come parte della sua offerta: Dennis Shorty e Benny Lowe.

READ  Made in Italy: questo libro è il prodotto del vero amore

“Collaborare con Natasha è stato fantastico”, ha detto Shorty, artista visivo e musicista di Ross River. “Sono molto grato.”

La compagna di Shorty, Jenny Shorty, ha detto di conoscere Peter da molto tempo e di essere “molto colpita” dal suo lavoro e dal modo in cui onora i suoi anziani e antenati attraverso le sue creazioni.

“Mostra a tutte le ragazze, come la sua bambina e le altre ragazze della comunità, che potete farcela. E siamo tutte orgogliose di lei”, ha detto Jenny.

Mostrare il lavoro di Dennis e Penny Lowe a Milano è una dichiarazione potente, ha detto Jenny.

“Dimostra semplicemente che tipo di spirito rispettoso e bello ha, e che include persone anziane che sono ancora vive e fanno opere d'arte, creano queste cose e non sono mai state riconosciute prima nelle loro vite, non su questa larga scala”, lei disse.

Un'accoglienza calorosa e qualche pizza discutibile

Peter, ora tornato a casa a Whitehorse, ha detto che era molto nervosa prima di andare a Milano e si chiedeva se le sue creazioni avrebbero fatto la stessa impressione in passerella come hanno fatto online. Si scopre che non aveva nulla di cui preoccuparsi.

“Tutti venivano da me, si congratulavano con me e mi dicevano quanto amavano la mia collezione”, ha ricordato. “Molte altre modelle mi chiedevano se avevo più pezzi da mostrare”.

“E non potevo dire di sì, lo volevo davvero, ma non potevo perché avevo solo così tanto!”

Kaska Dena Designs della designer Yukon, Natasha Peter, è stato presentato alla settimana della moda di Milano nel febbraio 2024.Kaska Dena Designs della designer Yukon, Natasha Peter, è stato presentato alla settimana della moda di Milano nel febbraio 2024.

Kaska Dena Designs della designer Yukon, Natasha Peter, è stato presentato alla settimana della moda di Milano nel febbraio 2024.

Alcuni dei progetti della collezione Kaska Dena a Milano. Peter ha intitolato la collezione in onore di Dina, che ha chiamato sua nonna, Tootsie Charlie, “la Gokin del Nord”. (Natascia Pietro)

READ  Una donna in Italia muore cadendo dopo essere scivolata dalla cintura di sicurezza della Zipline

Ha anche potuto godersi alcuni dei luoghi e dei sapori dell'Italia, inclusa una visita al Lago di Como dove voleva mangiare della vera pizza italiana. Non era proprio quello che mi aspettavo.

“All'inizio ho sbagliato il mio ordine e ho finito per ordinare una pizza con del pesce sopra. Era ricoperta di formaggio e non l'ho visto. Ne ho dato un grosso morso – oh, non lo vedo”, ha detto “Non credo che lo farò di nuovo.”

“Era diverso. Penso che a loro piaccia la pizza di pesce.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *