Il capo della National Security Agency ha affermato che i funzionari statunitensi sono “molto concentrati” sulla possibilità di attacchi ransomware durante la guerra in Ucraina

Il ministro dell’Interno Priti Patel parla ai media fuori dall’ambasciata ucraina a Londra, in Inghilterra, il 6 marzo (Yui Mok/PA Images/Getty Images)

Il governo del Regno Unito è stato criticato per la sua risposta ai rifugiati ucraini, con il suo recente annuncio Regime familiare in Ucraina Il visto è descritto come complicato e lungo dalle persone che navigano nel sistema.

Secondo il programma, le persone possono presentare domanda per unirsi o accompagnare un familiare residente nel Regno Unito e, se ottengono un visto, possono vivere, lavorare e studiare nel Regno Unito e avere accesso a fondi pubblici.

Ad alcuni rifugiati che sono arrivati ​​nella città portuale francese di Calais nella speranza di recarsi nel Regno Unito viene ora chiesto di recarsi agli appuntamenti a Parigi oa Bruxelles, entrambi a più di 100 miglia di distanza, nell’ambito di una procedura amministrativa.

Alla domanda sul perché non ci sia un centro di elaborazione a Calais, il ministro dell’Interno Priti Patel ha affermato che il governo sta allestendo un centro lontano dal porto per evitare di creare “punti di arresto”.

Il Lo ha detto lunedì il ministero dell’Interno britannico Ha rilasciato 300 visti nell’ambito del suo programma familiare ucraino, su 8900 domande presentate e 17.700 avviate.

Sabato scorso, il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin ha scritto al suo omologo britannico Patel in una lettera ottenuta dalla CNN: “[Taking] Data la difficile situazione di queste persone, questa risposta sembra del tutto inappropriata e disumana”.

D’altra parte, l’Unione EuropeaDirettiva sulla protezione temporaneaAnnunciato il 2 marzo, le persone provenienti dall’Ucraina possono entrare nel blocco senza visto e scegliere individualmente in quale paese andare.Le persone idonee riceveranno uno status protettivo simile allo status di rifugiato, in qualsiasi paese dell’UE per un periodo di revisione di un anno.

READ  L'Unione europea ha annunciato un terzo pacchetto di sanzioni alla Bielorussia

La Germania, ad esempio, ha dichiarato martedì che più di 64.000 rifugiati dall’Ucraina erano arrivati ​​dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio. Un portavoce del ministero dell’Interno ha detto che il numero potrebbe essere molto più alto perché non ci sono controlli alle frontiere. Il ministro per la cittadinanza Marlene Schiappa ha affermato che finora sono arrivati ​​in Francia circa 5.000 ucraini, con altri che arrivano ogni giorno.

Ulteriori segnalazioni di Benjamin Brown e Niamh Kennedy della CNN a Londra, Nadine Schmidt a Berlino, Joseph Attaman, Xiaofei Shaw e Anael Jonah a Parigi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.