Il calcio europeo si prepara a dare una scossa mentre Juventus, Arsenal e altri grandi club affrontano la prossima stagione fuori dai riflettori

Un’altra settimana. Dopo di che, la maggior parte dei club in Europa finalmente riprende fiato dopo una stagione in cui sono stati il ​​club più concentrato e faticoso di sempre.

Ci sono segnali promettenti che il calcio non dovrà ancora una volta imballare rigorosamente i suoi programmi di fronte alla pandemia. Ma dovrà premere in un’altra competizione UEFA.

Da luglio preparatevi alla prima Europa Conference League, che verrà provata nei prossimi tre anni, e dalle qualificazioni alla fase finale, pronta ad ospitare 176 squadre. La UEFA aveva effettivamente inventato il Tier 3 per rimanere sotto la UEFA Champions League e la European League.

È ad ampio raggio, progettato per offrire potenziali tornei nelle competizioni europee per i club di paesi più piccoli e meno conosciuti. Ma questo vale anche per quelli dei tornei più grandi che non hanno ancora raggiunto il livello di qualificazione per i tornei più prestigiosi. Alcuni prenderanno in giro la Conference League (ECL) e le loro valutazioni TV in fase iniziale potrebbero non aumentare, ma dai un’occhiata ai criteri di qualificazione ECL e puoi guardare alcune trame potenziali interessanti.

Che dire del Fenerbahce Mesut Ozil contro l’Arsenal ad agosto? Questo è un programma ECL per quanto ragionevole possa sembrare. Il Fenerbahce, che non ha brillato tanto quanto sperava di acquistare Ozil dall’Arsenal a gennaio, è arrivato terzo nella Super League turca, che lo alimenta nella Conference League della prossima stagione. Oppure succede a meno che il Beşiktaş, il campione turco, non vinca la finale di Coppa di Turchia martedì sera contro l’Antalya Sport, che priverà Antalya Sport di un posto nella European League e rafforzerà efficacemente il Fenerbahce nei turni di qualificazione della European League.

READ  I media italiani hanno detto che il Liverpool è interessato ad attaccarlo in Serie A 6'3

Complesso? È sempre il turno dall’Europa, soprattutto in Premier League, dove l’Arsenal è uno dei pochi club che, a due partite dalla fine, potrebbe ancora finire in una delle due diverse competizioni UEFA o niente al lancio. Il settimo posto sarà probabilmente sponsorizzato dal premier attore inglese in Premier League, anche se ciò dipende sia dal Chelsea che dal Leicester City in ultima analisi, almeno tra i primi cinque.

Questa coppia aspira al meglio, e attualmente occupa il terzo e il quarto posto, due posti che portano alla Champions League. Ma nessuno di loro segnerà più punti nelle restanti partite di campionato: il Chelsea giocherà a Leicester martedì – un bel trucco nella lista delle partite per il Liverpool, che è quinto, solo un punto dietro il Chelsea e tre meno del Leicester.

L’Arsenal rischia di perdere completamente il calcio europeo. Reuters

Con Manchester City e Manchester United che si confermano solo al quarto posto in classifica, la competizione in Premier League per l’Europa nei prossimi sei giorni è intensa. L’Arsenal è al nono posto, ma atleticamente è in grado di scavalcare Everton, West Ham e Tottenham. Se l’Arsenal arriva all’edizione inaugurale di ECL, difficilmente può permettersi di essere deriso. È in gioco un record di orgoglio. L’Arsenal non inizia una stagione senza il calcio europeo dal 1995.

La Premier League può essere penalizzata in questo senso. Due anni fa, due squadre inglesi hanno raggiunto la finale di Champions League, Liverpool e Tottenham. Nessuno dei due inizierà, come avviene attualmente nel programma nazionale, la prossima Champions League. Il Chelsea, se perde contro il Manchester City in finale tra 11 giorni, rischia di non partecipare alla più grande competizione per club se esce anche dai primi quattro della Premier League.

“Guarda com’è difficile”, ha detto l’allenatore del City Pep Guardiola riguardo all’acquisizione annuale dell’inglese per i posti europei. “Negli ultimi nove o dieci anni, i campioni della Premier League inglese spesso non sono riusciti a qualificarsi per la Champions League dopo un anno”.

L'Atletico Madrid è a una vittoria dalla fine della doppietta di Barcellona e Real Madrid nel campionato spagnolo.  GT

L’Atletico Madrid è a una vittoria dalla fine della doppietta di Barcellona e Real Madrid nel campionato spagnolo. GT

Sarebbe ancora più sorprendente se fosse successo ai campioni d’Italia. Forse il nome più appariscente che sta per scivolare, e in modo imbarazzante, alla fase a gironi dell’Europa League 2021/22 è Juventus. Manca solo una partita di Serie A e il club che ha vinto nove degli ultimi campionati di Serie A è quinto. Mancano solo un punto a Milan e Napoli, ma se queste due vittorie domenica la Juventus perderà la Champions League.

La Juventus è stata eliminata categoricamente, dall’Inter, come campione d’Italia, in una stagione rivoluzionaria. In Portogallo, il monopolio di 18 anni del Benfica o del Porto è stato rotto dallo Sporting Lisbona. Nella Ligue 1, il Lille è un punto avanti rispetto al Paris Saint-Germain – campione di sette negli ultimi otto anni – con una partita rimanente. In Spagna, l’Atletico Madrid è una vittoria lungi dal boicottare una sequenza in cui Barcellona o Real Madrid hanno vinto la Liga 15 volte in 16 anni.

Tutto questo nell’anno 12 grandi club, tra cui Juventus e Arsenal, hanno firmato la separatista della Super League Europea. Il progetto è crollato rapidamente. Da allora, molti dei suoi firmatari hanno sentito che la vera gravità sportiva è la forza che ricorda a tutti loro che non è del tutto infallibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *