I talebani controllano l’aeroporto di Kabul dopo il ritiro degli Stati Uniti

I talebani hanno preso il pieno controllo dell’aeroporto internazionale di Kabul, martedì, dopo che l’ultimo aereo americano ha lasciato la sua pista, segnando la fine della più lunga guerra degli Stati Uniti.

Veicoli che trasportavano combattenti talebani correvano avanti e indietro lungo l’unica pista dell’aeroporto internazionale Hamid Karzai sul lato nord dell’esercito. Prima dell’alba, combattenti talebani pesantemente armati hanno marciato attraverso gli hangar, superando alcuni dei sette elicotteri CH-46 che il Dipartimento di Stato aveva utilizzato per le evacuazioni prima di renderli non volabili.

I leader talebani hanno quindi marciato simbolicamente attraverso la tribuna, annunciando la loro vittoria mentre erano circondati dai combattenti dell’Unità d’élite di Badri.

“Il mondo avrebbe dovuto imparare una lezione e questo è un momento interessante di vittoria”, ha detto il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid in una trasmissione in diretta postata da uno dei militanti.

Mujahid si è rivolto anche al raduno dei membri dell’unità Badri. “Spero che tu stia molto attento nel trattare con la nazione”, ha detto. “La nostra nazione ha subito guerre e invasioni e la gente non ha più tolleranza”.

I combattenti talebani ispezionano le attrezzature lasciate martedì dopo che le forze armate statunitensi hanno completato il loro ritiro dall’aeroporto di Kabul. (Marcus Yam/Los Angeles Times/Getty Images)

Alla fine delle sue dichiarazioni, i combattenti di Badri hanno gridato: Dio è grande!

In seguito, parlando con Al Jazeera in arabo sull’asfalto, Mujahid ha rifiutato la presenza di un governo di transizione e ha insistito sul fatto che Kabul fosse ancora al sicuro.

“Ci sarà sicurezza a Kabul e la gente non dovrebbe preoccuparsi”, ha detto.

In un’altra intervista alla tv di stato afghana, Mujahid ha parlato anche della ripresa delle operazioni all’aeroporto, che resta una via d’uscita importante per chi vuole lasciare il Paese.

“Il nostro team tecnico verificherà le esigenze tecniche e logistiche dell’aeroporto”, ha affermato. “Se fossimo in grado di riparare tutto da soli, non avremmo bisogno di alcun aiuto. Se è necessaria assistenza tecnica o logistica per riparare il danno, potremmo chiedere aiuto al Qatar o alla Turchia”.

L’attrezzatura è stata disabilitata dagli Stati Uniti

Non è entrato nei dettagli di ciò che è stato distrutto. Il generale dei marine Frank McKenzie, capo del comando centrale dell’esercito americano, ha affermato in precedenza che le truppe avevano “disarmato” il sistema in modo che non potesse più essere utilizzato. I funzionari hanno affermato che le forze armate non hanno fatto esplodere l’attrezzatura per assicurarsi che fosse lasciata operativa per i voli futuri, una volta ricominciata. Inoltre, McKenzie ha affermato che gli Stati Uniti hanno anche disabilitato 27 Humvee e 73 aerei in modo che non possano essere riutilizzati.

I combattenti talebani hanno alzato le loro bandiere bianche sulle barricate dell’aeroporto, mentre altri hanno sorvegliato la parte civile dell’aeroporto. All’interno dell’edificio, decine di borse e bagagli sono stati lasciati sparsi sul pavimento, apparentemente lasciati nel caos. Sparsi anche vestiti e scarpe. Un poster di Ahmad Shah Massoud, famoso combattente anti-talebano, è stato distrutto.

“L’Afghanistan è finalmente libero”, ha detto Hekmullah Wasiq, un altro funzionario talebano. “La parte militare e civile è con noi ed è al comando. Speriamo di annunciare il nostro governo. Tutto è pacifico. Tutto è al sicuro”, ha aggiunto.

Gli afgani aspettano per ore in lunghe file per cercare di prelevare denaro, davanti a una banca a Kabul lunedì. I talebani hanno fissato prelievi settimanali di 200 dollari. (Khawaja Tawfiq Siddiqui/The Associated Press)

Al-Wathiq ha anche esortato le persone a tornare al lavoro e ha rinnovato l’impegno dei talebani a concedere un’amnistia generale. “La gente deve essere paziente”, ha detto. “Piano piano riporteremo tutto alla normalità. Ci vorrà un po’ di tempo”.

“Abbiamo sconfitto gli americani”

L’aeroporto ha assistito a scene caotiche e mortali da quando i talebani hanno attaccato l’Afghanistan e catturato Kabul il 15 agosto. Migliaia di afgani hanno circondato l’aeroporto, alcuni dei quali sono morti dopo essere stati disperatamente bloccati sul lato di un aereo cargo C-17 dell’esercito americano. E la scorsa settimana, un attacco suicida dell’ISIS a un gate dell’aeroporto ha ucciso almeno 169 afgani e 13 soldati statunitensi.

Ma martedì, dopo una notte che ha visto i talebani sparare vittoriosi in aria, le guardie di turno sono rimaste deluse per curiosità e per chi ancora sperava in qualche modo di prendere l’aereo.

“Dopo 20 anni abbiamo sconfitto gli americani”, ha detto Muhammad Islam, una guardia talebana all’aeroporto della provincia di Logar, con in mano un kalashnikov. Se ne sono andati e ora il nostro Paese è libero”.

“È chiaro cosa vogliamo. Vogliamo la sharia (legge islamica) e pace e stabilità”, ha aggiunto.

Guarda | Afghani spaventati fuggono in Pakistan al termine delle evacuazioni:

Afgani terrorizzati fuggono in Pakistan mentre gli Stati Uniti completano il ritiro delle truppe

Un attacco di droni con vittime civili ha posto fine alla presenza statunitense in Afghanistan dopo 20 anni e la paura del potere dei talebani continua a spingere sempre più persone verso i confini dei paesi vicini. 2:43

Muhammad Naeem, portavoce dell’ufficio politico dei talebani in Qatar, ha elogiato la presa del potere in un video online all’inizio di martedì.

“Sia lodato Dio, tutti gli occupanti hanno completamente lasciato il nostro paese”, ha detto, congratulandosi con i combattenti, riferendosi a loro come i Mujaheddin. “Questa vittoria ci è stata data da Dio. È stato il risultato di vent’anni di sacrifici da parte dei Mujaheddin e dei loro capi. Molti Mujaheddin hanno sacrificato le loro vite”.

Zalmay Khalilzad, il rappresentante speciale degli Stati Uniti che ha supervisionato i colloqui dell’America con i talebani, ha scritto su Twitter che “gli afgani stanno affrontando un momento di decisione e opportunità” dopo il ritiro.

“Il futuro del loro paese è nelle loro mani. Sceglieranno la propria strada con piena sovranità”, ha scritto. Questa è anche l’occasione per porre fine alla loro guerra”.

Ma i talebani devono affrontare quella che potrebbe essere una serie di gravi crisi quando avranno il pieno controllo del governo. La maggior parte dei miliardi di dollari che l’Afghanistan detiene nelle riserve estere è ora congelata in America, mettendo sotto pressione la sua valuta afgana, ora svalutata. Le banche hanno implementato i controlli sui prelievi, temendo che i loro depositi avrebbero incontrato incertezza. I funzionari pubblici in tutto il paese affermano di non essere stati pagati da mesi.

Martedì prima dell’alba, combattenti talebani armati hanno marciato attraverso gli hangar a fianco dei militari. I leader talebani hanno poi marciato simbolicamente attraverso la tribuna, dichiarando la loro vittoria. (Marcus Yam/Los Angeles Times/Getty Images)

C’è ancora una carenza di attrezzature mediche, mentre migliaia di persone che sono fuggite dall’avanzata talebana vivono ancora in condizioni squallide. La grave siccità ha anche tagliato l’approvvigionamento alimentare del paese, rendendo le sue importazioni più importanti e aumentando il rischio che le persone soffrano la fame.

Durante l’evacuazione, le forze statunitensi hanno aiutato a evacuare più di 120.000 cittadini americani, stranieri e afgani, secondo la Casa Bianca, rendendolo il più grande ponte aereo nella storia militare degli Stati Uniti. Anche le forze della coalizione hanno evacuato i propri cittadini e gli afgani. Ma per tutti coloro che sono usciti, i paesi stranieri e gli Stati Uniti hanno ammesso di non aver evacuato tutti coloro che volevano andarsene.

Al cancello est dell’aeroporto, alcuni afgani stanno ancora tentando la fortuna all’imbarco nella speranza di prendere un volo. Tuttavia, finora, le compagnie aeree commerciali non volano sull’aeroporto e non è ancora chiaro chi gestirà lo spazio aereo del Paese. Al momento della partenza, l’esercito americano ha avvertito i piloti che l’aeroporto era “non controllato” e “non esiste alcun controllo del traffico aereo o servizio aeroportuale”.

Molti di coloro che hanno cercato di raggiungere l’aeroporto provenivano dalla provincia di Kandahar, la roccaforte talebana nel sud dell’Afghanistan che ha visto alcuni dei combattimenti più feroci della guerra. Uno degli uomini, il governo di Dio, come molti afgani, aveva un nome e portava documenti che, a suo dire, mostravano che lavorava come traduttore.

Hikmatullah ha detto che ha aspettato quattro giorni per avere la possibilità di andarsene.

“Ma ora non so quali opportunità ho”, ha detto.

READ  15 edifici mancanti, appesi sul bordo di un cratere dopo una frana in Norvegia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *