I quebecchesi ad Haiti si affrettano a raggiungere i loro cari e pianificano di aiutare dopo un forte terremoto

Le autorità haitiane affermano che la comunità haitiana di Montreal sta trattenendo il respiro mentre Haiti lotta con un forte terremoto ha ucciso centinaia di persone Ha lasciato centinaia di feriti e dispersi.

Il terremoto di magnitudo 7.2 ha colpito il sud-ovest di Haiti sabato mattina, a otto chilometri dalla città di Petite Trou-de-Niebes.

La città si trova a circa 150 chilometri da Port-au-Prince, la capitale del paese, che deve ancora riprendersi dal devastante terremoto del 2010 che ha ucciso circa 250.000 persone.

Marjorie Villefranche, un membro di spicco della comunità haitiana di Montreal, ha affermato che è stato difficile per molti cercare di raggiungere i propri cari a casa.

“Ovviamente siamo innamorati di ‘mai più'”, ha detto Villefranche, che gestisce La Maison d’Haïti, un centro di risorse senza scopo di lucro per la comunità haitiana della città.

“Per la comunità in Quebec, stiamo vivendo questo con un grande senso di impotenza. Siamo lontani dai nostri cari, siamo lontani dal paese, cercando di capire cosa sta succedendo”.

Villefranche e altri leader della comunità, tra cui Frantz Benjamin, un membro liberale dell’Assemblea nazionale del Quebec che rappresenta il Montreal’s Ride in Viau, hanno formato un’unità di crisi sabato nel tentativo di elaborare un piano per aiutare gli abitanti di Haiti e la comunità haitiana del Quebec.

In una conferenza stampa tenuta sabato sera presso l’ufficio del dipartimento di Viau, Villefranche ha affermato che l’unità di crisi chiede ai quebecchesi di aiutare a dirigere i loro aiuti finanziari verso la Croce Rossa canadese in Quebec, Medici senza frontiere e Medici senza frontiere.

READ  Il flusso di lava sta rallentando sull'isola spagnola, facendo temere che possa distruggere più case

“Secondo noi, queste sono le tre organizzazioni più in grado di intervenire in tempi di emergenza”, ha detto Villefranche, aggiungendo che altre indicazioni verranno comunicate quando sarà il momento di aiutare con la ricostruzione.

Sarà inoltre implementata una linea telefonica di emergenza per i quebecchesi che hanno domande su come aiutare o che hanno bisogno di aiuto per trovare risorse per il supporto emotivo e psicologico.

“Spero che ci sarà un aiuto organizzato che arriva rapidamente alla gente”, ha detto Villefranche. “Speriamo anche che la scossa di assestamento non sia così orribile come Port-au-Prince” nel 2010.

Parti coperte di un muro di un camion che è crollato durante un terremoto a Les Cayes, Haiti, sabato (Delot Jean/The Associated Press)

Haiti è impantanata in crisi umanitarie e politiche poco più di un mese dopo l’ingresso del presidente Jovenel Moses assassinato in casa sua.

Frantz Voltaire, documentarista di Montreal, conosce bene la regione sudoccidentale di Haiti. La sua famiglia viene da lì, anche se da allora la maggior parte della famiglia si è trasferita in altre zone.

Voltaire si è detto preoccupato che l’area fosse “un luogo molto appartato” con accesso limitato. Questo potrebbe rendere più difficile ottenere aiuto per chi è nel bisogno, ha detto.

“C’è solo una strada principale per raggiungere le grandi città”, ha detto.

“È importante per noi – e sto parlando della diaspora haitiana, persone di origine haitiana – è importante per noi mobilitare risorse nelle nostre comunità, ma penso anche che Canada e Quebec debbano aiutare perché questa è una situazione molto difficile. “

Frantz Voltaire, un documentarista di Montreal, ha affermato di essere preoccupato di aiutare a raggiungere i bisognosi a causa della natura isolata del sud-ovest del paese. (Franca Menica/CBC)

Il sindaco di Montreal Valerie Plante ha espresso la sua solidarietà al popolo di Haiti. Montreal parteciperà finanziariamente all’internazionale [aid] sforzi”, pubblicato su Twitter.

Anche il primo ministro del Quebec, François Legault, si è rivolto ai social media, esprimendo le sue condoglianze per le vittime del terremoto.

“I miei pensieri sono con il popolo haitiano che deve ancora una volta vivere con una tale tragedia”, ha scritto Legault su Twitter. “Tutti i quebecchesi sono con te.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *