Il principale quotidiano indipendente russo ha sospeso le operazioni dopo gli avvertimenti delle autorità

Il quotidiano russo Novaya Gazeta, il cui editore era Dmitry Muratov A Vincitore del Premio Nobel per la Pace lo scorso annoLunedì, ha dichiarato che avrebbe sospeso le sue attività online e di stampa fino alla fine delle “operazioni speciali” russe in Ucraina.

Il quotidiano investigativo, che ha già rimosso dal suo sito web materiale sull’azione militare russa in Ucraina in conformità con la nuova legge sui media, ha affermato di aver ricevuto lunedì un altro avvertimento dall’organizzazione statale di comunicazione Roskomnadzor in merito alla sua segnalazione, che lo ha spinto a cessare le operazioni.

“Stiamo sospendendo la pubblicazione del giornale sul nostro sito Web, sui social network e sulla stampa fino alla fine dell'”operazione speciale sul territorio ucraino”, ha scritto il quotidiano sul suo sito web.

In una lettera separata ai lettori, Muratov e i suoi giornalisti hanno affermato che la decisione di interrompere le loro attività è stata difficile ma necessaria.

“Non c’è altra scelta”, diceva la nota. “Per noi, e lo so, per te, è una decisione orribile e difficile”.

Roskomnadzor non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Nei commenti pubblicati dalle agenzie di stampa russe, l’autorità ha affermato di aver emesso un secondo avvertimento a Novaya Gazeta per non aver identificato correttamente un’organizzazione che le autorità considerano un “agente straniero” nelle sue pubblicazioni.

soppressione delle testate giornalistiche

La pressione sui media liberali russi è aumentata da quando Mosca ha inviato truppe in Ucraina il mese scorso, con la maggior parte dei principali media e organizzazioni controllate dallo stato che si attengono strettamente al linguaggio usato dal Cremlino per descrivere il conflitto.

READ  La testimonianza contro Derek Chauvin ha rivelato una crepa nel "Muro Blu", ma gli esperti dicono che deve venire giù

L’annuncio di Novaya Gazeta arriva sulla scia della chiusura di questo mese della stazione radio Ekho Moskvy, che era una delle poche voci liberali rimaste nei media russi. Le autorità hanno anche bloccato i siti web di diversi organi di informazione, tra cui BBC, Voice of America e Radio Free Europe/Radio Liberty.

Muratov, sinistra, e il giornalista Yevgeny Buntman in diretta sulla stazione radio Ekho Moskvy (Eco di Mosca) a Mosca nell’ottobre 2021. Ekho Moskvy è stata una delle poche voci liberali rimaste nei media russi quando ha chiuso questo mese. (Alexander Zemlianchenko / agenzia di stampa)

Lunedì, il ministero della Giustizia ha aggiunto il quotidiano tedesco Deutsche Welle a un elenco di organizzazioni mediatiche designate come agenti stranieri.

I lettori di Novaya Gazeta e gli attivisti anti-Cremlino si sono lamentati del fatto che il giornale non potesse più funzionare nell’attuale ambiente dei media russi.

“Vorrei davvero che Roskomnadzor interrompesse il suo lavoro”, ha scritto su Twitter il team dell’attivista politico incarcerato Andrei Pivovarov.

Il consigliere presidenziale ucraino, Mykhailo Podolak, che sta guidando i negoziati di pace con Mosca, ha scritto su Twitter che la perdita della Novaya Gazeta ha reso la Russia un paese “senza media… senza dibattito, senza competizione politica, senza un parlamento al completo”.

“Questo è il motivo per cui i russi non vedono, sentono o percepiscono nulla”, ha scritto Podolak. “Non importa in che lingua parli loro.”

Istituita dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica, Novaya Gazeta ei suoi giornalisti sono stati oggetto per anni di intimidazioni e attacchi a causa di indagini su violazioni dei diritti e corruzione.

Nella scelta del premio Nobel lo scorso ottobre, Muratov ha detto di averlo dedicato alla memoria di sei giornalisti del suo giornale che sono stati assassinati per il loro lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.