I commissari di Formula 1 respingono il ricorso alla sanzione della Ferrari

I commissari di Formula 1 respingono il ricorso alla sanzione della Ferrari

immagine: riprese

I commissari di Formula 1 hanno respinto una petizione della Ferrari per rivedere la penalità che ha fatto scendere Carlos Sainz dal quarto al 12° posto al Gran Premio d’Australia di questo mese.

I quattro arbitri hanno confermato la loro decisione originale dopo un incontro virtuale martedì per valutare se la questione dovesse essere rivista.

La Ferrari aveva bisogno di introdurre un “nuovo elemento significativo e rilevante” ma dopo aver esaminato i dati di telemetria e le dichiarazioni dei testimoni, i funzionari hanno stabilito che il team italiano non era riuscito a farlo.

“Non vi è alcun elemento nuovo significativo e rilevante che non fosse disponibile per le parti che chiedevano il riesame al momento della relativa decisione. La petizione è stata quindi respinta”, hanno affermato.

Sainz è stato ritenuto “pienamente responsabile” della collisione alla prima curva con Fernando Alonso dell’Aston Martin, che è arrivato terzo, all’ultima tripla ripartenza con bandiera rossa della gara.

Il ferrarista, penalizzato durante la gara senza udienza, disse all’epoca che si trattava di “la punizione più ingiusta che abbia mai visto”.

Il calo ha significato che la Ferrari, la squadra più anziana e di maggior successo dello sport, è stata pareggiata al terzo round della stagione dopo che Charles Leclerc si è ritirato nel primo giro.

“È molto deludente che la FIA non ci abbia dato il diritto di rivedere”, ha detto Sainz.

Cinguettio

.

“Due settimane dopo, penso ancora che la punizione sia molto sproporzionata e penso che avrebbe dovuto essere rivista almeno sulla base delle prove e del ragionamento che abbiamo presentato.

READ  Livigno World Rising Festival 2024

“Dobbiamo continuare a lavorare insieme per migliorare alcune cose per il futuro. La costanza e il processo decisionale sono un tema caldo da diverse stagioni ormai e dobbiamo essere più visibili per il bene del nostro sport”.

decisione in gara

I commissari, che hanno sentito il presidente della Ferrari Fred Vasseur e Sainz e il direttore di gara Laurent Mikis, hanno detto che la decisione è stata presa in gara perché ritenevano chiaro chi fosse la colpa.

Hanno trovato i dati di telemetria forniti “ambigui nella migliore delle ipotesi” e hanno ritenuto che in realtà supportassero la loro decisione di dare la colpa interamente a Sainz.

Lo spagnolo aveva detto che doveva frenare più forte perché le sue gomme erano fredde, e un lento giro in formazione ha contribuito al problema, così come il sole negli occhi.

I commissari hanno affermato che tutti i piloti devono adattarsi alle condizioni della pista e delle gomme.

“La ragione impone che la posizione del sole influenzerebbe in modo simile altri piloti. Non è un motivo valido per evitare una penalità per collisione”, hanno detto.

La Ferrari si è detta delusa dal risultato e ha ritenuto di aver fornito elementi nuovi abbastanza importanti “in particolare nel contesto delle circostanze speciali e delle molteplici cadute che si sono verificate durante la ripartenza finale.

“Ora non vediamo l’ora di avviare discussioni più ampie con la FIA, la F1 e tutti i team al fine di migliorare ulteriormente il monitoraggio del nostro sport…”

– Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *