Gran Premio d’Italia: “Max Verstappen sta scrivendo altra storia ma la Ferrari è la storia a Monza”

Gran Premio d’Italia: “Max Verstappen sta scrivendo altra storia ma la Ferrari è la storia a Monza”
I fan esultanti della Ferrari si sono radunati davanti al podio di Monza per celebrare il terzo posto di Carlos Sainz dietro al vincitore della gara Max Verstappen.

Max Verstappen aveva appena realizzato qualcosa senza precedenti nella storia della Formula 1, ma ai tifosi che si accalcavano ai box subito dopo il Gran Premio d’Italia non importava.

L’inno nazionale olandese suonava dopo la decima vittoria consecutiva del pilota della Red Bull, qualcosa che nessun pilota aveva mai ottenuto prima, ma è stato soffocato dai canti di “Carlos, Carlos, Carlos” dal basso.

Il destinatario di quegli applausi era accanto a Verstappen sul podio, godendosi l’atmosfera. Carlos Sainz non solo si è assicurato il suo primo podio dell’anno, ma lo ha fatto lottando come un leone. Se non era già amato dai tifosi, di certo lo era adesso.

Più di un’ora dopo, il tifo era ancora lì. Il compagno di squadra di Sainz, Charles Leclerc, è uscito dal circuito Ferrari, ha scavalcato il recinto dei detriti e ha trascorso un po’ di tempo firmando autografi e scattando selfie con i fan. Ora i canti erano “Charles, Charles, Charles”.

Nonostante la svolta di Verstappen, la Ferrari è stata la storia del weekend di Monza, ed è così che è piaciuto ai tifosi.

La Ferrari non ha vinto, ma ha prodotto la sua migliore prestazione in un anno difficile, con Sainz e Leclerc che hanno dato al vittorioso team Red Bull la battaglia più dura della stagione. Una volta che Verstappen e il compagno di squadra Sergio Perez sono finalmente passati al primo e al secondo posto, i due piloti Ferrari si sono girati l’uno contro l’altro mentre lottavano per il podio finale negli ultimi giri.

Si sono scagliati di tutto, fino all’ultimo giro, quando Leclerc ha tentato una mossa ‘falsa’ su Sainz alla curva 1, ed entrambi hanno chiuso le porte e sono usciti attraverso la via di fuga. “Alla fine eravamo entrambi entro i limiti del regolamento, io attaccavo e lui difendeva – ha detto Leclerc – Ci siamo divertiti un po’ alla fine, ma è finito tutto bene”.

“Carlos stava spingendo forte, stavo spingendo forte. Chico (Perez) stava spingendo forte. Stavamo tutti spingendo come un matto.”

“Era da molto tempo che non mi divertivo così tanto a correre. Erano tutti così vicini.”

Negli anni precedenti, la Ferrari avrebbe potuto annullare la lotta. Non era insolito per la squadra lasciare gareggiare i propri piloti, e certamente non era così difficile.

Ma il nuovo capo della squadra Frederic Vasseur, subentrato all’inizio dell’anno, sta cercando di spazzare Maranello con una nuova scopa. Il francese è un pilota e ha dato libero sfogo al suo istinto.

“È molto più facile commentare quando hai un lieto fine, ma è stato anche il modo migliore per ringraziare tutti e sostenere i Tifosi e così via”, ha detto Vasseur.

READ  Guanyu Zhou vuole un biennale, l'Alfa offre solo il 2022

“Non ero troppo a mio agio nel congelare qualcosa a cinque giri dalla fine. Mi fido di loro ma ho detto loro che non c’era assolutamente alcun rischio, l’idea di nessun rischio è sempre relativa. Ma sono molto orgoglioso della decisione e del lavoro svolto dalla squadra. Gli autisti di oggi.”

Ferrari “l’occasione della stagione”

Monza ha sempre un’atmosfera frenetica, ma in qualche modo questo fine settimana si è sentito ancora più febbrile.

All’Hotel De Ville, lungo la strada della pista, i tifosi si sono radunati a centinaia per festeggiare i due piloti che alloggiavano lì.

Sabato mattina, la collisione ha ritardato l’arrivo di Sainz e Leclerc in pista, dove avrebbero dovuto essere fotografati da una troupe di Hollywood che girava il nuovo film di Formula 1 di Brad Pitt.

Quando più tardi quel pomeriggio Sainz è emerso in vetta Al termine dell’emozionante sessione di qualifiche, Dopo tre scambi di mano negli ultimi secondi, la famosa vettura dell’Autodromo decollò.

Quella sera, il capo della squadra Red Bull Christian Horner ha detto che i canti fuori dall’Hotel de Ville si sono finalmente fermati intorno all’una di notte.

La Ferrari ha intuito un’opportunità a Monza e quest’anno la sua vettura è stata più competitiva su piste che richiedevano impostazioni a bassa potenza. La Monza è all’estremo limite e per l’occasione è stata prodotta una nuova ala posteriore e l’auto è stata subito rifinita per massimizzare la sua velocità in rettilineo.

Non solo, hanno introdotto nuovi motori su entrambe le vetture. I rivali sospettavano che anche loro avessero rilanciato più del solito, per quanto hanno osato, anche se Vasseur lo ha negato. Qualunque cosa fosse, ha funzionato. Le vetture, soprattutto Sainz, sono state veloci fin dall’inizio.

Quando si sono qualificati al primo e al terzo posto, la speranza era di poter superare Verstappen in gara e magari mettere in atto qualche strategia. Uno dei presidenti della squadra rivale l’ha vista come “l’opportunità della stagione per la Ferrari”.

Alla fine, Leclerc non è riuscito a superare Verstappen per il secondo posto in partenza, e Sainz è riuscito a superarlo solo in tempo per tenere a bada la Red Bull. Ma il vantaggio era assicurato e Sainz ha iniziato una delle corse della sua vita.

Ci sono voluti 15 giri, ma alla fine Verstappen ha rotto la sua resistenza. Tutto ciò di cui Verstappen aveva bisogno era una piccola chiusura nella prima curva. Ha avuto una svolta migliore alla seconda curva e il comando era suo.

READ  Perché Cristiano Ronaldo è negli occhi degli assassini dei colossi italiani mentre continuano la loro corsa alla Coppa del Mondo

Tuttavia, la battaglia di Sainz era appena iniziata. Adesso ha Leclerc alle calcagna. Successivamente, quando Perez ha superato la seconda Ferrari, Sainz ha lottato duramente con il messicano. Quando ancora una volta ha ceduto all’inevitabile, Leclerc si è rivolto a lui e la loro battaglia è stata forse la più dura di tutte. A volte era al limite, ma Sainz aveva fatto abbastanza.

“È stata una giornata di tentativi e ho provato di tutto.”

Carlos Sainz taglia il traguardo proprio davanti al suo compagno di squadra Ferrari Charles Leclerc
Carlos Sainz ha superato il compagno di squadra della Ferrari Charles Leclerc conquistando il terzo posto sul podio

L’inizio dell’ultimo giro sembrava essere il momento più pericoloso di tutti. Leclerc ha provato a ingannare Sainz nella prima curva, ma Sainz si è mosso da una parte e poi dall’altra per spingerlo via. Sembrava pericolosamente vicino a infrangere la regola che vieta di muoversi durante la frenata, ma dopo questo Leclerc non ha avuto lamentele.

“Così dovrebbero essere le corse e quando corriamo al limite in questo modo è davvero divertente e mi sono davvero divertito”, ha detto Leclerc.

“Alla fine abbiamo fatto un po’ di spettacolo e un po’ di paura per tutti. Ma in macchina andava tutto bene. Avevo il sorriso sulle labbra e spero che lo sia anche Carlos.”

egli fece.

“Non ho mai sentito così tanto rischio”, ha detto Sainz. “Con un compagno di squadra sei sempre un po’ più nervoso e ti viene dato un po’ più di spazio perché l’ultima cosa che vuoi contro un tifoso è toccarlo. Abbiamo avuto una lotta dura e leale e siamo riusciti a mantenere è pulito e mi sono divertito molto.

E continua: “Il terzo posto contro i Tifosi è il massimo che possiamo ottenere, almeno questo fine settimana, perché alla fine la Red Bull è stata un po’ più veloce di noi, come ci aspettavamo”.

“È stata una giornata difficile e ho fatto tutto il possibile per trattenerli. Probabilmente mi è quasi costato il podio perché significava che indossavo le gomme più di quanto avrei voluto, il che mi ha reso molto vulnerabile alla fine del Max e poi Chico e Charles girano. Ci siamo riusciti, ma è stato difficile.”

“Emotivamente, è stato enorme.”

Anche Vasseur si è trovato coinvolto in tutte le emozioni, ha detto. Alla sua sorpresa.

“Nel complesso, è un buon fine settimana”, ha detto Vasseur. “Dal punto di vista sportivo è stato probabilmente il migliore dall’inizio della stagione, ma penso che anche a livello emotivo sia stato grandioso per me.

“Per tutta la settimana ho cercato di minimizzare la situazione davanti ai giocatori e ho detto loro: ‘Non possiamo fare più punti a Monza che altrove, prendiamocela con calma.’

“Ma quando sono arrivato mercoledì sera (per un evento a Milano) e avevamo centinaia di persone due o tre giorni prima dell’evento, ho pensato: beh, non sarà facile, vero?”

READ  Il calcio europeo si prepara a dare una scossa mentre Juventus, Arsenal e altri grandi club affrontano la prossima stagione fuori dai riflettori

“E ieri quando abbiamo tagliato il traguardo con Carlos, sugli spalti c’era una grandissima sensazione. Non si può dire che sia normale. È assolutamente unico. Sicuramente come team principal della Ferrari, stavo volando un po’.”

“È un momento d’oro per Max.”

Max Verstappen tiene il pugno sul podio mentre festeggia la vittoria del Gran Premio d'Italia
Max Verstappen avrà bisogno di altre tre vittorie nel 2023 per eguagliare il suo record di numero di vittorie in una stagione (15), ottenuto l’anno scorso. Restano otto gare

Senza sorpresa di nessuno, Verstappen, un uomo con i piedi per terra, non sembra aver reagito allo stesso modo al suo nuovo record.

“Naturalmente questo è qualcosa che non ti aspetti che accada”, ha aggiunto. “Non avrei mai pensato ad inizio stagione che una cosa del genere fosse possibile, sono molto orgoglioso ma anche molto contento della gara in generale.

“Sono anche molto orgoglioso dell’impegno di tutta la squadra. Vincere ogni gara. Ci stiamo sicuramente divertendo. Questo tipo di stagioni non accadono molto spesso, e lo stesso vale per vincere 10 gare di fila.”

Spettava a Horner esprimere l’entità del risultato.

“Ciò che Max sta facendo è battere i record e guidare a un livello incredibile”, ha detto Horner.

“Non credo che ci sia nessuno al mondo in questo momento che possa battere Max Verstappen con questa macchina, questo è certo.

“Devi riconoscere e applaudire ciò che sta facendo Max. È molto speciale aver raggiunto ciò che ha ottenuto e non dovremmo sminuirlo in alcun modo.

“Nello sport è molto raro che accada una cosa del genere, ed è un momento d’oro per lui e sicuramente un momento d’oro per la squadra.

“Stiamo facendo la storia, e non capita spesso di avere la possibilità di farlo. Abbiamo passato anni di costruzione per arrivare a quello che abbiamo fatto nella stagione 2010-2013 con Sebastian Vettel. Abbiamo ottenuto risultati davvero grandiosi altezza.

“Poi abbiamo attraversato sette anni difficili in cui non abbiamo mai perso la concentrazione sul nostro obiettivo e sul nostro scopo. Quindi tornare in una posizione in cui stiamo vincendo di nuovo è molto speciale per tutta la squadra. Ho attraversato quei momenti difficili e quel duro lavoro sta dando i suoi frutti.”

E Horner ha ammesso che Verstappen, nonostante la sua indifferenza pubblica, sembrava un po’ diverso questo fine settimana, con il record in gioco.

“Non direi che fosse nervoso, ma si vedeva sicuramente che la sua concentrazione era molto acuta. Più del solito. Si vedeva che sicuramente significava qualcosa per lui”, ha detto Horner.

Tramite il banner della BBCTramite piè di pagina della BBC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *