Fabio Quartararo ha dominato il premio del GP d’Italia sul triste circuito del Mugello mentre lo sport piange la morte di Jason Dupascoyer – Sports News, Firstpost

Il leader del campionato del mondo francese Yamaha ha alzato una bandiera svizzera sul podio in onore di un “amico” la cui promettente giovane carriera è stata brutalmente interrotta.

Fabio Quartararo, Miguel Oliveira e Joan Mir, rispettivamente 1 °, 2 ° e 3 °, hanno onorato il compianto Jason Dubaskier issando la bandiera svizzera sul podio italiano. AP

Mugello, Italia: Fabio Quartararo ha dominato le motociclette italiane domenica sul cupo circuito di Mogilo che è stato scosso dalla morte del pilota svizzero di Moto3 di 19 anni Jason Dubascoyer, che ha ceduto alle ferite riportate in una collisione con più moto.

Il leader del campionato del mondo francese Yamaha ha alzato la bandiera svizzera sul podio in onore di un “amico” la cui promettente giovane carriera è stata brutalmente interrotta.

“Questo è Jason”, ha detto Quartaro.

Gli organizzatori della MotoGP hanno annunciato la morte dell’adolescente svizzero intorno a mezzogiorno.

“Siamo profondamente rattristati nel segnalare la perdita di Jason Dubaskwer”, ha detto la MotoGP su Twitter.

“A nome dell’intera famiglia della MotoGP, stiamo inviando il nostro affetto alla sua squadra, alla sua famiglia e ai suoi cari. Ci mancherai moltissimo, Jason. Corri in pace”, ha aggiunto la dichiarazione.

Depasquire, alla sua seconda stagione in Moto 3, è caduto e si è scontrato con almeno una moto prima di scivolare lungo la pista durante le qualifiche nella sua nona curva di sabato.

I medici si sono precipitati sul posto e dopo essere stati da lui per 40 minuti sulla pista, l’hanno trasportato in aereo in ospedale.

Descritto come un “pioniere nel motorsport svizzero”, il concorrente è deceduto in un ospedale di Firenze dopo aver subito gravi danni cerebrali e aver subito un intervento chirurgico al torace durante la notte.

READ  Il calcio europeo si prepara a dare una scossa mentre Juventus, Arsenal e altri grandi club affrontano la prossima stagione fuori dai riflettori

Quartaro ha detto: “E ‘stata una giornata strana, tante sensazioni, ogni volta che superavo la nona curva pensavo a Jason.

“Non è una bella sensazione, vinci, ma stiamo perdendo uno dei nostri amici.”

Quartaro ha tagliato il traguardo con più di due secondi e mezzo di luce diurna al secondo posto del portoghese Miguel Oliveira, dove il campione del mondo Joan Mir ha completato il comando.

La sesta tappa della stagione è stata preceduta da un minuto di silenzio sulla prima morte nello sport da quando Luis Salom è morto in allenamento nel Gran Premio della Catalogna Moto 2 a Barcellona nel 2016.

Mentre la promozione motociclistica è proseguita nonostante le circostanze disastrose, è stato Quartararo, che ha stabilito un nuovo record sul giro quando è arrivato primo sabato, e che si è assicurato la sua terza vittoria della stagione per rafforzare la sua presa sulla classifica dei piloti.

Ora ha un vantaggio di 24 punti su Zarko con Francesco Bagnaya, che ha perso all’inizio domenica, staccato di altri due al terzo posto, e l’australiano Jack Miller, vincitore di entrambe le gare davanti al Mugello, al quarto.

Incompatibile con la vita

Miller faceva parte di un gruppo di figure di spicco dello sport che ha reso omaggio a Dubasquier, il pilota australiano Ducati che ha pubblicato su Twitter: “Riposa in pace Jason, pensando alla sua famiglia e alla sua squadra” insieme a un cuore rosso.

L’Ospedale Carrigi di Firenze, che sta curando Dubascoy, ha confermato all’Afp che il giovane aveva subito una lesione cerebrale “incompatibile con la vita”.

READ  La millesima partita di Serena Williams si è conclusa con una sconfitta agli Open d'Italia

La FIM Motorcycle Management Authority, l’associazione IRTA del team e il detentore dei diritti commerciali DORNA hanno rilasciato una dichiarazione congiunta sulla tragica notizia.

“Dopo un grave incidente nella sessione di qualificazione 2 Moto3 al Gran Premio d’Italia, annunciamo con grande tristezza la morte di Moto3 Jason Dupasquier”, si legge nel comunicato.

La dichiarazione continua: “Nonostante gli enormi sforzi compiuti dal personale medico sul ring e da tutti coloro che sono venuti dopo il concorrente svizzero, l’ospedale ha annunciato che Dubaskier è morto per le sue ferite”.

La sua squadra, Pruestel GP, si era già ritirata dalla gara di domenica, così come Tom Luthi, il pilota svizzero della Moto2, per essere vicino alla famiglia Dupasquier in ospedale.

Il giapponese Ayumo Sasaki e lo spagnolo Jeremy El Koba sono stati gli altri coinvolti nell’orribile incidente. Gli organizzatori hanno riferito che stavano entrambi “bene”.

Dupasquier, il cui padre Philip era un ex pilota di motocross, era alla sua seconda stagione in Moto3.

La gara per la sua squadra tedesca ha concluso la sua campagna entry-level in Moto3 lo scorso anno senza un obiettivo al 28 ° posto nella classifica generale.

Dopo cinque gare nel 2021, è arrivato 10 ° con 27 punti.

La dichiarazione congiunta della FIA ha osservato: “Dupasquier ha iniziato alla grande la sua seconda stagione nella categoria dei Gran Premi leggeri, guadagnando costantemente punti e tra i primi dieci in classifica.

“FIM, IRTA, MSMA e Dorna Sports estendono le nostre più sentite condoglianze alla famiglia, agli amici, alla squadra e ai cari di Dupasquier”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *