L’Autorità calcistica italiana approva la clausola “Anti-Premier League”

Il Federcalcio italiana La Federation Internationale de Football Association (FIGC) ha deciso di creare una nuova regola “contro la Premier League”, che consentirà all’autorità di vietare ai club che partecipano a leghe private di competere nelle competizioni nazionali.

La clausola è approvata dal consiglio che include Inter Milan Direttore esecutivo Giuseppe Marotta È stato portato dopo tre turni Lega Club – JuventusE Inter e Milan e Club italiano di Milano – Minacciata di secessione e controversa registrazione Premier League europea (ESL).

Anche se l’Inter si è ufficialmente ritirata dal torneo dopo I “sei grandi” premier League Le squadre si sono ritirate In 48 ore Juventus e Milan avevano lasciato la porta aperta per la ESL League. Tuttavia, presidente della Juventus Andrea Agnelli Ammettilo Era improbabile che il torneo si svolgesse.

Discutendo la regola dopo la riunione del Consiglio federale dell’Unione, lunedì, il presidente della Commissione Gabriel Gravina Ha spiegato: “Chi pensa di dover partecipare a una competizione non autorizzata dalla FIFA, UEFA E il FIFA, Perdi l’abbonamento.

Al momento non si hanno notizie di chi è rimasto e di chi ha lasciato la Premier League, questa regola si riferisce alle licenze nazionali. È chiaro che il 21 giugno, termine ultimo per la presentazione delle domande di iscrizione, qualcuno vuole ancora partecipare a concorsi di un natura speciale, non parteciperanno ai Nostri tornei “.

La decisione, inoltre, fa della FIGC la prima autorità calcistica a prendere provvedimenti concreti nei confronti delle società partecipanti alle proposte, dopo premier League Ha annunciato che sta cercando di rivedere le sue regole per prevenire il ripetersi del disastro.

READ  Il CEO di Alpine Luca de Meo esclude il progetto Hypercar

spagnolo LaLigaTuttavia, ha detto che “non stava parlando di sanzioni”. Barcellona, ​​Real Madrid o Atletico Madrid, distanza LaLiga Presidente Javier Tebas Ha insistito sul fatto che l’organizzazione non lo avrebbe fatto “Affrettando le cose.”

“Chiunque interpreti la Premier League come un atto di debolezza da parte di alcune società che stanno attraversando un periodo di difficoltà economica … si sbaglia. È sicuramente un tema delicato e da approfondire”, ha aggiunto Gravina.

“Attuare la riforma del campionato (locale) in breve tempo resta essenziale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.