Gli scienziati scoprono una gigantesca massa d’acqua tropicale nel mezzo dell’Oceano Atlantico

Gli scienziati scoprono una gigantesca massa d’acqua tropicale nel mezzo dell’Oceano Atlantico

Per cominciare, non c’è molta acqua.

Certo, gli oceani del mondo sono pieni di mostri, meraviglie e misteri, ma per il resto sono solo vaste e fluide distese di liquidi. Giusto?

errore.

Lungi dall’essere uniforme ovunque, l’acqua dell’oceano è una miscela di strati e masse interconnessi che si mescolano e si dividono grazie a correnti, vortici e cambiamenti di temperatura o salinità.

Infatti, sotto la superficie dei nostri grandi mari, ci sono cascate, Fiumi E persino macchie giganti, che si estendono per migliaia di chilometri, che in qualche modo sono riuscite a eludere il rilevamento.

Ora gli scienziati hanno scoperto una di queste enormi masse nel mezzo dell’Oceano Atlantico; Si estende dalla punta del Brasile al Golfo di Guinea.

Fino alla scoperta di questo specchio d’acqua – chiamato Acque Equatoriali Atlantiche – gli esperti avevano visto l’acqua mescolarsi lungo l’equatore nell’Oceano Pacifico e nell’Oceano Indiano, ma mai nell’Atlantico.

“Sembra controverso che la massa d’acqua equatoriale sia presente nel Pacifico e nell’Oceano Indiano ma manchi nell’Atlantico perché la circolazione equatoriale e la miscelazione nei tre oceani hanno caratteristiche comuni”, afferma Victor Zorbas, fisico e oceanografo presso l’Istituto Shirshov di Fisica. Lo ha detto un oceanografo a Mosca Scienze vive.

“La nuova massa d’acqua identificata ci ha permesso di completare (o almeno descrivere in modo più accurato) il fenotipo delle masse d’acqua di base nell’Oceano Mondiale”.

L’acqua dell’oceano è una miscela di strati e masse interconnessi che si mescolano e si dividono iStock

Come suggerisce il nome, le acque tropicali dell’Atlantico si formano mescolando corpi d’acqua separati da correnti lungo l’equatore.

Per distinguere queste masse dalle acque circostanti, gli oceanografi analizzano la relazione tra temperatura e salinità nell’oceano, che determina la densità dell’acqua di mare.

READ  Un viaggio straordinario attraverso una leggenda del nord

Nel 1942, questo grafico di temperatura e salinità portò alla scoperta delle acque tropicali negli oceani Pacifico e Indiano. Scienze vive Appunti.

Poiché nascono dalla mescolanza di acque del nord e del sud, le acque tropicali dell’Indo-Pacifico condividono temperature e salinità simili che si curvano lungo linee di densità costante, rendendole facili da distinguere dalle acque circostanti.

Tuttavia, per molti anni non è stato possibile osservare un simile rapporto nell’Oceano Atlantico.

Tuttavia, grazie ai dati raccolti dal programma Argo – un gruppo internazionale di boe automatizzate e auto-sommergibili installate negli oceani della Terra – i ricercatori hanno scoperto una curva di temperatura e salinità insignificante che si trova parallela alle acque dell’Atlantico settentrionale e dell’Atlantico meridionale centrale. .

Quelle acque tropicali dell’Atlantico erano fuori portata.

“Era facile confondere le acque tropicali dell’Atlantico con le acque centrali dell’Atlantico meridionale, e per distinguerle era necessario avere una griglia abbastanza fitta di temperature verticali e salinità che coprisse l’intero Oceano Atlantico”, ha spiegato Zorbas nel suo e-mail. A Scienze vive.

Questa scoperta è importante perché fornisce agli esperti una migliore comprensione di come gli oceani si mescolano, il che è vitale per il modo in cui il calore, l’ossigeno e i nutrienti vengono trasportati in tutto il mondo.

sottoscrizione Per la nostra newsletter settimanale gratuita Indy100

Condividi la tua opinione nelle nostre notizie democratiche. Fai clic sull’icona del voto positivo nella parte superiore della pagina per aiutare a spostare questo articolo nella classifica Indy100

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *