Il “buco nero” nel mezzo dell’Oceano Pacifico su Google Maps è un’isola disabitata densamente popolata di alberi

Si scopre che il misterioso “buco nero” individuato su Google Maps non era affatto misterioso, non così nero.

In realtà era l’isola di Vostok, un’isola disabitata di 56 acri di proprietà della Repubblica di Kiribati.

in ottobre, Utente Reddit Kokoblocks Ho notato per la prima volta un punto scuro nel mezzo di un’isola del Pacifico, lontano da grandi masse di terra.

Ha postato con una foto del buco: “Cos’è questa cosa che non sembra un’isola”.

Ne seguì un dibattito e, con qualche rischio, una macchia nera era una base militare poco appariscente, l'”Isola dei perduti”, o anche il Triangolo delle Bermuda – che in realtà è a migliaia di chilometri di distanza.

Alla fine, si è concluso che il “buco” fosse in realtà Vostok, che si trova a circa 400 miglia a nord-ovest di Tahiti.

“Quello che vedi in nero è in realtà un verde molto scuro”, ha spiegato un noto investigatore. “È una foresta molto fitta composta da alberi di pisonia.”

Gli alberi, che possono raggiungere quasi i 100 piedi di altezza, coprono parti dell’isola e crescono così vicino che dall’alto sembra un tappeto di vegetazione.

Scorri verso il basso per il video

Un investigatore ha scoperto quello che sembrava essere un buco nero nel mezzo dell’Oceano Pacifico, ma in realtà si è rivelato essere l’isola di Vostok. L’isola densamente boscosa è apparsa in nero su Google Maps

“Il mio primo pensiero è stato che fosse censurato”, ha scritto Redditor Jazzlike_Log_709. “Non avrebbe senso che la formazione naturale fosse nera come quella su un atollo così piccolo e poco profondo”.

READ  I barometri in Asia "esplodono" tra picchi record e tempeste

Google Maps spesso offusca i siti militari e di altro tipo, Secondo Live Science.

Tuttavia, Kiribati non sembra nascondere una base militare o armi a Vostok, che è disabitata.

Circa 4.000 miglia a est dell’Australia e più di 1.500 miglia a sud delle Hawaii, Vostok fa parte delle Isole della linea meridionale, che includono anche Malden, Starbuck, Flint e Caroline.

L'isola di Vostok si trova a circa 4.000 miglia a est dell'Australia, fa parte delle Isole della linea meridionale ed è considerata una riserva naturale

L’isola di Vostok si trova a circa 4.000 miglia a est dell’Australia, fa parte delle Isole della linea meridionale ed è considerata una riserva naturale

Circa 4.000 miglia a est dell'Australia e oltre 1.500 miglia a sud delle Hawaii, Vostok fa parte delle Isole della linea meridionale

Circa 4.000 miglia a est dell’Australia e oltre 1.500 miglia a sud delle Hawaii, Vostok fa parte delle Isole della linea meridionale

Qualcuno ha spiegato che l'atollo disabitato è ricoperto di

Uno ha spiegato che l’atollo disabitato è ricoperto da “una foresta molto fitta composta da alberi di pisonia”.

Vostok fu scoperto per la prima volta nel 1820 da esploratori russi che lo chiamarono dopo la nave su cui stavano navigando.

Sebbene sia stato rivendicato dagli Stati Uniti nel 1856 per il guano (sterco di pipistrello usato come fertilizzante), non è mai stato estratto.

Vostok fu scoperto per la prima volta nel 1820 da esploratori russi e successivamente rivendicato dagli Stati Uniti nel 1856 per il guano di pipistrello (sterco di pipistrello usato come fertilizzante), sebbene non sia mai stato estratto.  Dopo essere stato trasferito agli inglesi, divenne parte della Repubblica di Kiribati, recentemente indipendente, nel 1979

Vostok fu scoperto per la prima volta nel 1820 da esploratori russi e successivamente rivendicato dagli Stati Uniti nel 1856 per il guano di pipistrello (sterco di pipistrello usato come fertilizzante), sebbene non sia mai stato estratto. Dopo essere stato trasferito agli inglesi, divenne parte della Repubblica di Kiribati, recentemente indipendente, nel 1979

Dopo che gli Stati Uniti hanno passato l’isola agli inglesi, è diventata parte della nuova Kiribati indipendente nel 1979 ed è stata dichiarata santuario della fauna selvatica.

Enrique, l’ambientalista marino Sala ha guidato una spedizione nell’area nel 2009 documentando la qualità dell’acqua, le popolazioni ittiche, la salute e la diversità delle barriere coralline.

Poiché le Isole della Linea Meridionale sono tra gli atolli più isolati del pianeta, i ricercatori sono stati in grado di “creare un modello base di barriere coralline sane” National Geographic segnalato, rispetto ad altri coralli che sono stati degradati dall’attività umana.

Non è la prima volta che i satelliti di Google catturano un’isola esotica.

A febbraio, una donna del Michigan ha condiviso le foto di un nodulo al pene che aveva scoperto tramite Google Maps.

Joleen Vultaggio ha individuato le coordinate dell’isola come virili e le ha condivise con i membri di un gruppo Facebook dedicato alle singole scoperte di Google Maps.

Joleen Vultaggio stava guardando il mondo attraverso Google Maps quando si è imbattuta nell'isola virile di Ouvea a febbraio

Joleen Vultaggio stava guardando il mondo attraverso Google Maps quando si è imbattuta nell’isola virile di Ouvea a febbraio

“Mi stavo guardando intorno ed è appena apparso e ho pensato ‘Wow, sembrano davvero parti di un ragazzo'”, ha detto.

Ho dovuto lasciare subito il segnaposto sulla mappa, così le persone avrebbero saputo che non avevo semplicemente incollato quell’immagine tramite Photoshop o l’ho creata da solo. “L’ho condiviso in modo che le persone possano recuperare le coordinate per vedere con i propri occhi che è effettivamente lì e sembra davvero uno”.

“Non sono andato a misurarlo, ma dato che è in mezzo all’oceano, è piuttosto grande”, ha aggiunto Voltaggio.

In effetti, la scoperta classificata x era l’isola di Ouvea (o Uvea), una terra polinesiana lunga 30 miglia che fa parte delle Isole della Lealtà in Nuova Caledonia di proprietà della Francia.

READ  Perché questa luna blu è anche una "luna di storione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *