Gli scienziati affermano che l’incendio di un esopianeta è un po’ come la Terra in un certo senso

Rappresentazione artistica di WASP-189b, un esopianeta in orbita attorno alla stella HD 133112, una delle stelle più calde note per avere un sistema planetario.

Bibiana Prinuth

A circa 322 anni luce dalla Terra, un pianeta estremo chiamato WASP-189b orbita attorno a una delle stelle più calde dell’universo, HD 133112.

WASP-189b è venti volte più vicino alla sua stella di quanto lo siamo noi al Sole e la sua temperatura diurna raggiunge i 5.792 gradi Fahrenheit (3.200 gradi Celsius). Anche l’esopianeta rovente è costituito da gas ed è circa 1,5 volte più grande di Giove – Al suo interno potrebbero entrare qualcosa come 1.950 Terre.

Inutile dire che da allora Scoperta nel 2018, gli scienziati credono molto comprensibilmente che WASP-189b non lo sia Qualsiasi cosa Come la nostra sfera domestica. ma sulla carta Pubblicato giovedì su Nature AstronomyIn effetti, un team di ricercatori ha trovato un modo per far comunicare la Terra con il suo lontano parente cosmico. I due possono parlare della loro atmosfera stratificata e la Terra può parlarne Buchi dell’ozono e cambiamenti climatici.

Qui sulla Terra, abbiamo uno strato dell’atmosfera chiamato troposfera che inizia al livello del mare e contiene una tonnellata di vapore acqueo. Le nuvole, e quindi il tempo come pioggia e neve, hanno origine lì. E per di più, abbiamo la stratosfera, sede di Strato di ozonoChe ci protegge dai raggi ultravioletti del sole.

“In passato, gli astronomi spesso presumevano che le atmosfere degli esopianeti esistessero come uno strato unificato e tentavano di comprenderlo come tale”, Ha detto in una dichiarazione.

Tuttavia, durante l’analisi di WASP-189b misurando la luce stellare che passa attraverso l’atmosfera di un esopianeta ultra caldo, utilizzando lo spettrometro HARPS dell’Osservatorio di La Silla in Cile, Hoeijmakers e colleghi hanno trovato una firma chimica unica per scuotere la nostra conoscenza delle atmosfere planetarie. Ha notato che l’atmosfera di un corpo celeste distante può contenere strati come quello terrestre.

“Il gas nell’atmosfera assorbe parte della luce stellare, in modo simile all’ozono che assorbe parte della luce solare nell’atmosfera terrestre, lasciando così le loro impronte digitali distintive”, ha detto Bibiana Prinuth, astrofisica dell’Università di Lund e autrice principale dello studio. Ha detto in una dichiarazione.

Durante la preparazione, WASP-189b ha rilasciato segnali di ferro, cromo, vanadio, magnesio e manganese. Ma soprattutto, afferma Brinot, “Nella nostra analisi, abbiamo visto che le ‘impronte digitali’ dei diversi gas sono cambiate poco rispetto alle nostre aspettative. Crediamo che forti venti e altri processi potrebbero generare questi cambiamenti”.

Queste modifiche variavano nella gamma di elementi rilevati, in modo simile al modo in cui il vapore acqueo e l’ozono sulla Terra sono influenzati in modo diverso dai processi naturali dovuti agli strati atmosferici. Voilà – Questo suggerisce che ci sono strati anche sul WASP-189b.

Ma aspetta c’è di più. Il team ha anche scoperto residui di ossido di titanio nello scudo atmosferico di WASP-189b. “L’ossido di titanio assorbe le radiazioni a onde corte, come la luce ultravioletta”, ha affermato Kevin Heng, astrofisico dell’Università di Berna e coautore dello studio. Ha detto in una dichiarazione. “La sua scoperta potrebbe indicare che uno strato nell’atmosfera di WASP-189b interagisce con la radiazione stellare in modo simile a come funziona lo strato di ozono sulla Terra”.

Quindi WASP-189b potrebbe avere il proprio strato di ozono.

“I nostri risultati mostrano che anche le atmosfere dei pianeti giganti gassosi che sono stati intensamente irradiati hanno complesse strutture tridimensionali”, ha detto Hoygmakers, parlando di come le scoperte del nuovo documento potrebbero determinare il modo in cui le atmosfere degli esopianeti verranno esaminate in futuro.

READ  La NASA sceglie l'astronauta indiano-americano Raja Shari per una missione con equipaggio sulla luna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.