Un’immagine affascinante che mostra la morte vivente di una stella condannata: ScienceAlert

Un’immagine affascinante che mostra la morte vivente di una stella condannata: ScienceAlert

Una stella morente brilla come l’oro nelle nuove immagini del James Webb Space Telescope.

Si chiama Messier 57, ovvero il Nebulosa ad anelloun cerchio luminoso di gas nella costellazione della Lira, alcuni 2750 anni luce di distanza dalla Terra, causata dall’espulsione di materia da parte di una stella di piccola massa mentre muore. La straordinaria risoluzione di JWST rivelerà nodi e schemi complessi in questo materiale, per aiutare a capire meglio cosa succede quando stelle come il Sole raggiungono la fine della loro vita.

“Stiamo assistendo agli ultimi capitoli della vita della stella e, per così dire, a un’anteprima del lontano futuro del sole, e le osservazioni del JWST hanno aperto una nuova finestra per comprendere questi incredibili eventi cosmici”. spiega l’astrofisico Mike Barlow dell’University College di Londra nel Regno Unito e co-leader del progetto internazionale JWST Ring Nebula.

“Possiamo usare la Ring Nebula come nostro laboratorio per studiare come si formano ed evolvono le nebulose planetarie”.

La nuova immagine è stata acquisita nell’agosto 2022 utilizzando NIRCam di JWST. (Foto NASA, ESA, CSA, JWST Ring Nebula Team; elaborazione delle immagini di Roger WessonO)

UN Nebulosa planetaria Non ha niente a che fare con i pianeti. Si chiamano così perché lo sono Gli astronomi nel Settecento Pensavo che la sua forma rotonda assomigliasse a un pianeta. In realtà è più grande e più dinamico: le nubi di materia che circondano le stelle sono più piccole di otto masse solari alla fine della loro vita.

Quando esauriscono il materiale da fondere nei loro nuclei, queste stelle si destabilizzano ed espellono tutta la loro materia esterna. Il nucleo stellare, non più supportato dalla pressione esterna della fusione, collassa sotto l’influenza della gravità per diventare una nana bianca. Questo è il destino finale del sole La maggior parte delle stelle si trova nella Via Lattea.

READ  I primi bambini in provetta di corallo sulla Grande Barriera Corallina hanno prodotto la generazione successiva
I dettagli mostrano gli intricati ammassi nell’involucro esterno della Nebulosa Anello. (Foto NASA, ESA, CSA, JWST Ring Nebula Team; elaborazione delle immagini di Roger Wesson)

La Nebulosa Anello è stata creata da una stella che ha raggiunto la fine della fusione negli ultimi duemila anni dal nostro punto di vista. Al suo centro c’è una nana bianca attorno ad esso 60% della massa del Sole; Il materiale attorno a questa stella si sta espandendo verso l’esterno nello spazio in una palla che sembra un anello pieno di materia incandescente.

L’involucro esterno della nebulosa è spesso e polveroso, scolpito in strutture complesse mentre penetra e interagisce con il mezzo interstellare. Lo studio di queste strutture può aiutare gli scienziati a comprendere i processi fisici coinvolti nella forma e nell’espansione di una nebulosa planetaria; JWST ha fornito dettagli sorprendenti.

“Il James Webb Space Telescope ci ha fornito una visione straordinaria della Nebulosa Anello che non avevamo mai visto prima”, dice Barlow. “Le immagini ad alta risoluzione non solo mostrano gli intricati dettagli della crosta in espansione della nebulosa, ma rivelano anche la regione interna attorno alla nana bianca centrale con notevole chiarezza”.

border frame=”0″allow=”accelerometro; avvio automatico; Scrittura negli appunti. supporti codificati con giroscopio; immagine nell’immagine; condivisione web “allowfullscreen>”.

I dati sono ancora in fase di analisi, ma le osservazioni stanno già rivelando qualcosa di inaspettato complicazione Che il team è entusiasta di approfondire. Oltre agli stupefacenti dettagli rivelati nella struttura del mantello, le osservazioni hanno fornito anche una grande quantità di dati sulla formazione della nebulosa, Comprese le macromolecole a base di carbonio la cui origine non è attualmente chiara.

“Queste immagini hanno più di un semplice fascino estetico; forniscono una ricchezza di intuizioni scientifiche sui processi di evoluzione stellare”, dice l’astrofisico Nick Cox ACRI-ST in Francia e co-leader del progetto JWST Ring Nebula.

READ  Lavorare da casa può farti dormire meglio

“Studiando la Nebulosa Anello con JWST, speriamo di ottenere una comprensione più profonda dei cicli di vita delle stelle e degli elementi che rilasciano nell’universo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *