Gli agricoltori indiani in protesta puntano i riflettori sulle elezioni statali chiave

La missione di un gruppo di contadini indiani seduti in una tenda improvvisata in un campo di protesta vicino alla capitale indiana, New Delhi, è chiarissima.

Gli agricoltori si stanno radunando per rivitalizzare la loro battaglia durata mesi contro le controverse nuove leggi sull’agricoltura approvate dal governo del Primo Ministro Narendra Modi lo scorso anno.

Jasper Kaur Nat, membro del Tikri Border Action Committee che pianifica le proteste locali, ha affermato che il BJP di Modi “stava correndo nella paura e sulla difensiva”.

“Abbiamo deciso che danneggeremo e sconfiggeremo il BJP” alle urne nelle elezioni statali del prossimo anno nell’Uttar Pradesh, ha detto.

Kaur Natt ne è convinta dopo due eventi di questo mese che hanno stimolato le proteste degli agricoltori dopo che le manifestazioni si sono placate mentre l’India ha combattuto una devastante seconda ondata di pandemia di coronavirus in primavera.

Jasper Kaur Nat, al centro, discute i prossimi passi con i membri del Tikri Action Committee, che sta pianificando proteste future. Ha descritto il recente raduno degli agricoltori come un “colpo di mano” per protestare contro le nuove leggi agricole indiane. (Salima Shivji/CBC)

Il primo è stato un raduno di massa che gli organizzatori hanno descritto come il più grande dall’inizio del movimento di protesta lo scorso novembre, che ha visto decine di migliaia di agricoltori riunirsi a Muzaffarnagar, nell’Uttar Pradesh.

Lo stato prevalentemente agricolo è il più popoloso dell’India e ha le elezioni dell’assemblea statale previste per l’inizio del prossimo anno, un fatto che non è sfuggito agli agricoltori, che si stanno preparando per la battaglia. Lo stato è controllato dal Bharatiya Janata Party.

“Intensifichiamo la nostra protesta andando in ogni città e paese dell’Uttar Pradesh per trasmettere il messaggio che il governo Modi è anti-agricoltore”, ha detto uno dei leader sindacali più importanti, Rakesh Teket, alla folla riunita a Muzaffarnagar a settembre. .5.

I leader agricoli hanno anche chiesto uno sciopero nazionale il 27 settembre, per attirare maggiore attenzione sulla loro protesta contro le nuove leggi.

Un agricoltore siede su un trattore mentre partecipa a una riunione del consiglio del grande villaggio a Muzaffarnagar il 5 settembre 2021. Gli agricoltori formano un importante blocco elettorale nel paese, con poco meno del 60 percento degli indiani che fa affidamento sul settore agricolo per il proprio sostentamento. (Adnan Abedi/Reuters)

Per quasi 10 mesi, gli agricoltori indiani hanno combattuto tre nuove leggi approvate senza consultazione l’anno scorso. Gli agricoltori affermano che le leggi distruggeranno i mezzi di sussistenza e lasceranno i piccoli agricoltori vulnerabili alle pressioni delle grandi società.

Il governo indiano insiste sul fatto che gli agricoltori staranno meglio con la nuova legislazione, che allenta le regole su come vengono vendute le loro merci. Il governo si è anche impegnato a migliorare i redditi, ma gli agricoltori vogliono l’abrogazione delle leggi.

Le proteste in corso hanno creato una situazione difficile per il governo Modi. Gli agricoltori sono un importante blocco elettorale nel paese, con poco meno del 60 per cento degli indiani che fa affidamento sul settore agricolo per guadagnarsi da vivere.

Le manifestazioni hanno messo radici

Numerosi cicli di colloqui tra funzionari governativi e leader sindacali agricoli non sono riusciti a rompere lo stallo e le manifestazioni si sono ora solidificate, con campi di protesta semipermanenti ancora situati in tre località circostanti la regione della capitale nazionale di Delhi, che si sono materializzati per la prima volta alla fine di novembre 2020.

Dalwinder Singh, un agricoltore di Haryana che vive in uno dei siti da 10 mesi, ha affermato che i campi sono un “sistema ben oliato” e se ne va solo occasionalmente per prendersi cura dei suoi raccolti.

Ritiene che sia suo dovere rimanere sul posto per promuovere l’obiettivo più ampio degli agricoltori: concentrarsi sulla questione e fare pressione sul governo indiano.

Guarda | Gli agricoltori indiani affermano che non si tratterranno fino all’abrogazione delle nuove leggi sull’agricoltura:

Gli agricoltori indiani intensificano le proteste in vista delle prossime elezioni

Gli agricoltori indiani hanno intensificato le loro proteste quasi un anno dopo, dicendo che non si tireranno indietro fino a quando non saranno abrogate le nuove leggi sull’agricoltura. Sperano di influenzare le elezioni all’inizio del prossimo anno in Uttar Pradesh, lo stato più popoloso dell’India. 2:16

Singh ha anche partecipato alla seconda protesta che questo mese ha iniettato nuova energia nel movimento degli agricoltori: un sit-in durato diversi giorni davanti a un ufficio governativo a Karnal, nello stato di Haryana.

La città è stata teatro di una manifestazione di agosto che è diventata violenta, con agenti di polizia che hanno attaccato i manifestanti con i loro manganelli. Dieci persone sono rimaste ferite, ma la rabbia contro le autorità è aumentata quando un video è diventato virale in cui un funzionario del governo è stato sentito dire agli agenti di polizia di “spaccare la testa” ai contadini che protestavano.

“La battaglia per Karnal è stata molto importante”, ha detto Singh a CBC News. “Dovevamo dimostrare un punto”.

I contadini hanno ottenuto ciò che volevano: un’indagine avrebbe esaminato l’accaduto e il burocrate visto nel video è stato messo in congedo fino alla pubblicazione del rapporto di indagine.

“Abbiamo ottenuto giustizia”, ​​ha detto Singh. “Ovviamente ci ha dato una spinta enorme.”

Un fattore chiave

Per l’analista di politica agricola Indra Shekhar Singh, quello che è successo a Karnal è un “vero test” della possibilità che gli agricoltori interrompano le politiche locali a causa della velocità della capitolazione del governo statale alle richieste degli agricoltori.

A cinque mesi dalle elezioni statali in Uttar Pradesh, si ritiene che gli agricoltori abbiano il tempo e la volontà di influenzare gli elettori.

Gli agricoltori ascoltano i leader sindacali parlare nel campo di Tekri, vicino al confine con la capitale dell’India, Nuova Delhi, il 12 settembre 2021. Dalla fine di novembre 2020 si sono accampati per protestare contro le controverse nuove leggi sull’agricoltura del paese. (Salima Shivji/CBC)

“Per la prima volta, gli agricoltori saranno un fattore importante e un importante gruppo di pressione nelle elezioni in Uttar Pradesh”, ha affermato Shekhar Singh, ex commentatore della National Seed Association of India.

“C’è una probabilità molto alta che il BJP incontrerà una forte resistenza”.

La resistenza cresce nel campo di protesta di Tikri, dove Kaur Nat non ha potuto nascondere un sorriso dal suo volto mentre guardava indietro alle ultime settimane.

proiettile nel braccio

“Muzaffarnagar” [rally] Era una pallottola nel braccio”.

“Saranno passati dieci mesi da quando ci siamo seduti qui”, ha detto, aggiungendo rapidamente che gli agricoltori hanno il tempo e la pazienza per continuare così. “Una cosa è chiara: non ci muoveremo finché queste leggi non saranno abrogate”.

“Questa è la mia vita adesso”, dice Mahender Singar, 90 anni, che vive da cinque mesi nel luogo della protesta di Tikri in una piccola tenda con altri nove. (Salima Shivji/CBC)

Questo stesso design è ciò che fa andare avanti il ​​90enne Mahender Sangar. Ora trascorre le sue giornate in tenda con altre nove persone.

“Questa è la mia vita ora”, ha detto alla CBC. “Non puoi insultare gli agricoltori come ha fatto questo governo, quindi ho deciso di fare di questa casa la mia casa fino a quando non vinceremo questa battaglia”.

READ  Il marito va a lavorare, la moglie ha un rapporto intimo con il padre del marito a casa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *