Ministro: il piano per portare i traduttori afgani in Canada da completare “il prima possibile”

Il ministro dell’Immigrazione Marco Mendicino ha affermato che è in via di definizione un piano per portare i traduttori afgani e le loro famiglie in Canada “il prima possibile”.

Interpreti e altri appaltatori, che hanno lavorato con le forze armate canadesi durante la guerra in Afghanistan, rischiano la punizione e forse la morte per mano dei rinascenti talebani.

Mendicino ha affermato che il suo dipartimento sta lavorando con gli affari globali e il dipartimento della difesa nazionale per finalizzare un “piano operativo che creerà un corridoio per i traduttori afgani, il personale locale e le loro famiglie”.

“Abbiamo già squadre sul campo che valutano la situazione della sicurezza – ha detto -. Abbiamo intenzione di mettere in pratica questa operazione il prima possibile”. Presente‘S Ospite ospite Mark Kelly.

Mendicino non ha specificato una tempistica o un processo per l’evacuazione.

Gli interpreti afgani hanno lavorato con le forze canadesi durante la guerra per metterli in contatto con i leader locali, tradurre conversazioni e contribuire a creare fiducia sul campo. Alcuni li considerano traditori nel loro stesso paeseGli interpreti dicono di vivere nella paura di essere attaccati o uccisi.

ascolta | Traduttori e famiglie devono affrontare minacce di morte:

Presente19:17Coloro che hanno aiutato l’esercito canadese ad affrontare la rappresaglia dei talebani

Lo scorso mese , Tlui è Stream Parla con Abdul, un traduttore in Afghanistan che ha ricevuto minacce contro la sua vita e quella della sua famiglia a causa del lavoro che ha svolto con le forze armate canadesi.

“Ci stiamo mettendo a rischio… per aiutarli”, ha detto Abed. Presente Non usa il suo nome completo per motivi di sicurezza.

READ  L'infermiera stava per lasciare il suo neonato per rispondere al cellulare in Bolivia | la società

“Non c’è speranza per il futuro se non fanno nulla per noi”, ha detto.

Nel 2009, Canada Rifugio fornito a quasi 800 interpreti Affronta pericoli mortali in Afghanistan, ma altri Potrebbero essere lasciati indietro Perché non si sono incontrati requisiti rigorosi fissato dal governo federale. L’intervento militare del Canada in Afghanistan è ufficialmente terminato nel 2014.

L’intervento militare del Canada in Afghanistan è ufficialmente terminato nel 2014. (Baz Ratner/Reuters)

Randall Garrison, un critico della difesa federale del Partito Nazionale Democratico, ha visto la vita degli interpreti minacciata in prima persona, quando lavorava in Afghanistan per Amnesty International prima di diventare un politico.

“Ci è stato detto che una volta partiti si sarebbero vendicati dei nostri interpreti”, ha detto. Presente.

Era urgente, ha detto, che il governo agisse rapidamente e che “se tieni d’occhio la situazione, finirai con gli interpreti e le loro famiglie che muoiono invece di morire in sicurezza”.

I conservatori hanno anche sostenuto le richieste al governo di allontanare le persone a rischio, esortando giovedì il primo ministro a fissare una data per il Canada per far uscire quelle persone dall’Afghanistan.

“Questi coraggiosi afgani hanno rischiato la vita per aiutare i nostri eroi militari. Nel momento del bisogno, li abbandoniamo. È chiaramente non canadese e sbagliato”, ha dichiarato il leader del partito conservatore Erin O’Toole in una nota.

“Altri paesi stanno intraprendendo azioni immediate per assistere gli afgani che hanno lavorato con le loro forze armate e garantire la loro sicurezza, mentre il Canada esita e ritarda. Non ci sono scuse per il governo canadese che non ha un piano d’azione per salvare le vite di questi coraggiosi afghani. traduttori e personale di supporto”.

Mercoledì, il primo ministro Justin Trudeau ha affermato che il governo federale sta lavorando per “assicurare che forniamo i percorsi giusti” per quegli afghani che scelgono di venire in Canada.

“Posso assicurarvi che i nostri ministri ci stanno lavorando”, ha detto ai giornalisti in Quebec.

Gli Stati Uniti evacueranno gli afgani entro poche settimane

Altri paesi hanno già iniziato a reinsediare gli afgani che hanno aiutato nel loro sforzo bellico. I traduttori che hanno sostenuto l’esercito britannico Vola nel Regno Unito Sky News ha riferito il mese scorso.

a fine luglio, Gli Stati Uniti inizieranno a evacuare decine di migliaia di traduttori afgani e altri che hanno servito con le loro forze durante la guerra dei 20 anni. Le prime evacuazioni sposteranno le persone in un paese o luogo terzo sicuro, non ancora divulgato, mentre vengono elaborate le loro domande di ingresso negli Stati Uniti.

Alla domanda se il Canada prenderebbe in considerazione un approccio simile nei confronti dei paesi terzi, Mendicino ha affermato: “Tutte le opzioni sono ancora sul tavolo”.

“Sappiamo che le vite sono in bilico e sappiamo che è necessaria un’azione rapida e decisa per sostenere gli afgani che hanno sostenuto le nostre forze armate”, ha affermato.

“Ma dobbiamo assicurarci di avere le misure in atto per proteggere gli afghani a cui vogliamo fornire il passaggio, così come la squadra che sarà lì per sostenerli, in modo da poter svolgere questo sforzo con la stessa sicurezza e sicurezza come è richiesto.”


Di Padrej Moran, con file di Kirsten Fenn. Prodotto da Paul McInnes e Ennis Collabrese.

Ascolta gli episodi completi di The Current su CBC ascoltaIl nostro servizio di streaming audio gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *