Frame.io collega la produzione di film e TV con il cloud live, le apparecchiature audio e le offerte Colorfront di Teradek

Frame.io, che ha prosperato a Hollywood collegando dozzine di app di produzione video per consentire la revisione remota e l’approvazione per il lavoro di produzione, ha lanciato un nuovo servizio, Camera to the Cloud, che consente la revisione dal vivo, l’editing e la post-produzione. durante le riprese.

Le nuove funzionalità, che saranno gratuite per gli abbonati a pagamento, collegano le tecnologie cloud di Frame.io direttamente ai prodotti di tre importanti società tecnologiche di produzione: Teradek, i cui dispositivi Cube acquisiscono e trasmettono video in streaming ai dispositivi di archiviazione; Dispositivi audio, utilizzati per la registrazione audio sul sito; E Colorfront, i cui prodotti gestiscono la gestione post-produzione di tali risorse per l’editing, gli effetti visivi e altre attività.

In cambio, i sistemi si collegheranno alle telecamere compatibili dei leader del settore Red, Arri e Sony e con meno funzioni rispetto ad alcune telecamere di altri produttori. Il programma si collega anche a tutti e quattro i principali programmi di editing video: Adobe Premiere Pro e AppleAAPL Final Cut Pro, Avid Media Composer e DaVinci Resolve di Blackmagic Design consentono agli editori di iniziare a mettere insieme le scene in remoto e il lavoro di post-produzione iniziale senza attendere l’arrivo dei dischi rigidi video registrati.

Emery Wells, CEO di Frame.io, ha definito le capacità di condivisione del cloud e monitoraggio live remoto, soprattutto dati i limiti della produzione durante la pandemia, “un punto di svolta. Non importa dove si trovino”.

Il sistema è già stato utilizzato in alcune produzioni, in particolare con il thriller Pandemic di Michael Bay Il Tweep. Un video promozionale mostra la fotocamera al cloud in uso durante la produzione dello scorso anno e il co-produttore Max Votelato, che dice: “Il processo è immediato. Non ho mai visto niente di simile. È una Ferrari”.

Il Tweep Il regista Adam Mason ha detto che lui e tutto il cast, gli operatori di ripresa e il direttore della fotografia hanno le app Connect to Cloud sui loro dispositivi mobili durante le riprese complete in modo che possano vedere come appare ogni scatto come è accaduto.

“È diventato uno dei pochi strumenti interessanti che hanno reso possibile questo (film)”, ha detto Mason.

Wells ha detto: “Il miglior feedback che abbiamo ricevuto è da ( Il Tweep I registi) vogliono usarlo nei loro prossimi film “.

Camera to Cloud è un altro pezzo di tecnologia che porta alla ribalta il lavoro lungo e spesso complesso della produzione cinematografica e televisiva di Hollywood. La produzione cinematografica negli ultimi 30-40 anni, soprattutto per film di grandi dimensioni con effetti visivi pesanti, ha richiesto diversi mesi di post-produzione. Dopo alcuni mesi di effettive riprese in loco, i file video e audio risultanti vengono spediti a “scatole nere” per creare, mixare, modificare, gradazione del colore e altri effetti costosi.

Gli strumenti di pre-visualizzazione hanno spinto più di questo lavoro al front-end, dando a registi e produttori maggiore chiarezza e certezza su come sarebbero andate le cose nelle prime fasi del processo. Frame to Cloud promette di portare in primo piano il processo creativo.

“The Frame era al centro e alla fine del processo di produzione e stiamo andando avanti”, ha affermato Michael Sioni, Senior Vice President of Innovation di The Frame. Questo è ciò che pensiamo le persone vogliano. Dal punto di vista del flusso di lavoro, siamo stati addestrati per essere lineari. Quello che facciamo è un file proxy, quindi lo trasferiamo a una casa (-produzione), un laboratorio o un editore. Non è necessario attendere la ricarica (dischi rigidi per file audio e video registrati). Una volta su Frame.io, è ovunque “.

Questi file proxy sono versioni meno dense di dati del video originale e sono codificati in H.264 a 1080p con i dati per il file sorgente e il codice di tempo. Ciò gli consente di essere trasferito tramite WiFi, LTE o 5G in modalità wireless, dalla configurazione al cloud e da lì a qualsiasi dispositivo connesso a Internet in tempo quasi reale, quindi l’editing e altri lavori possono iniziare quasi istantaneamente. Una volta arrivati ​​i file di alta qualità, i programmi raccoglieranno le versioni finali dei materiali in base al lavoro già svolto.

come tale Il Tweep L’esperienza mostra che l’accesso immediato viene trasmesso anche ai membri dell’equipaggio del gruppo, con molti di loro costretti in base alle linee guida di produzione epidemica ad allontanarsi in gran parte dall’area delle riprese fino a quando non saranno espressamente necessari.

Wells ha affermato che una volta che le funzioni di trasmissione in diretta saranno disponibili entro la fine dell’anno, la troupe e il cast saranno in grado di monitorare in sicurezza le azioni in tempo reale dalle aree esterne dei gruppi, senza dover raggrupparsi attorno ad alcuni schermi VTR.

I file audio, molto più piccoli, vengono trasferiti in piena qualità non compressa. Ciò significa che Camera to Cloud fornisce anche il backup cloud quasi istantaneo di tutte le registrazioni audio, ha affermato Cioni.

Gli strumenti possono essere utilizzati anche nella parte anteriore del processo di produzione, mentre si esplorano i siti, si creano animazioni o storyboard come parte dei preconcetti.

Come per il primo servizio Frame, enfatizzerà l’interconnessione con il maggior numero possibile di strumenti di produzione di film e sta anche lanciando una piattaforma aperta per consentire agli sviluppatori di utilizzare le API, il codice dettagliato che consente alle società di terze parti di integrare la loro interfaccia della fotocamera nel nuvola, disse Wells.

“Consideralo come la produzione di Internet of Things (IoT)”, ha detto Wells. “Questo non esiste davvero.”

L’evento di oggi sarà lanciato Video on demand sulle capacità del programmaS. Inizierà un periodo di beta chiusa, durante il quale i registi potranno candidarsi a Frame.io per partecipare prima del lancio completo con tutte le funzionalità previste più avanti nel corso dell’anno.

Wells ha detto che i lavori saranno offerti gratuitamente attraverso tutti gli abbonamenti a pagamento esistenti di Frame a partire da questa primavera. L’azienda dichiara 1,6 milioni di utenti.

READ  Fisica: puoi fare questo esperimento a casa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *