È giusto chiedersi ora se il rugby in Italia sia sostenibile

Camminando lungo Lansdowne Lane all’indomani della partita del Sei Nazioni all’Aviva Stadium, non ho potuto fare a meno di sentirmi estremamente deluso pensando a quello che ho appena visto. L’Irlanda ha ottenuto quello che chiedeva nei Five Points ma non quello che voleva; partita.

Il modo in cui gli italiani sono stati ridotti a 13 giocatori, e 12 giocatori brevemente a fine partita, sarà argomento di discussione per alcune persone nella loro nuova saggezza. Qualunque sia il tuo punto di vista, nessuno sostiene che la combinazione di infortunio e cartellino rosso abbia rovinato il gioco come gara.

In qualche modo, il fiasco ha temporaneamente distratto dal problema più stressante del rugby italiano poiché la squadra ha mostrato carattere e resilienza durante la giornata per appianare quello che avrebbe dovuto essere un nascondiglio più grande.

A parte ottanta minuti, la domenica è stata una storia familiare per Will in termini di punteggio, ed è stata popolare per più di sei anni. L’Italia ha vinto l’ultima volta il Sei Nazioni nel round finale del torneo nel 2015, e domenica ha segnato un traguardo vergognoso, perdendo per la centesima volta da quando cinque nazioni sono diventate sei nel 2000.

Il fatto che i tifosi amino l’opportunità di godersi una lunga pausa a Roma mentre giocano un test match non è un motivo sufficiente per impedire all’Italia di partecipare al Sei Nazioni. C’è una preoccupazione legittima e crescente circa il valore, se del caso, che aggiungono al torneo.

Suggerirei che il rugby crollerebbe di fatto se l’Italia fosse tolta dal Sei Nazioni

Durante la prima metà del loro mandato, gli italiani sono riusciti a vincere qualche partita ma non potevano più soddisfare questa modesta ambizione. Alcune vittorie, sacche di speranza in passato, mettono in discussione se l’Italia abbia vinto o se gli avversari abbiano perso le partite in questione?

READ  Il Manchester United 'considerando' il trasferimento di Tammy Abraham e altre voci di trasferimento

Quando si pensa alle vittorie contro la Francia o l’Irlanda, ad esempio, entrambe le squadre erano un disastro in quel momento e si trattava più dell’Italia che ne approfittava piuttosto che dell’attuazione di una strategia di rugby ben eseguita.

Sembra esserci un problema strutturale ciclico all’interno del rugby italiano; Il prossimo capo supervisionerà principalmente lo smantellamento dei piani e delle strutture del suo predecessore, spesso dando priorità alla loro agenda prima dei bisogni delle persone che giocano. L’esempio più recente è la cessione di un’accademia under 19 la scorsa estate che negli ultimi cinque anni ha servito molto bene il rugby italiano a livello di minorenni.

È una domanda giusta da porsi ora, il rugby in Italia è sostenibile o addirittura praticabile? Suggerirei che il rugby crollerebbe di fatto se l’Italia fosse tolta dal Sei Nazioni. Se chiedi alla maggior parte degli italiani quali sono i loro 10 sport migliori, il rugby non farà granché in una lista. Per farti un esempio, il bodybuilding è elencato al numero 10 con 550.000 partecipanti e il rugby non si vede da nessuna parte.

Per celebrare la rinascita francese con il presidente della Federazione francese di rugby Bernard Laporte che ha raggiunto l’impossibile e un’amichevole tra la nazionale e i primi 14 club, lo stesso allineamento di obiettivi non esiste nel rugby italiano.

L’Irlanda fuori Johnny Sexton gioca contro l’italiano Paolo Garbesi durante la partita delle Sei Nazioni all’Aviva Stadium. Fotografia: James Crombie/INFO

Tenendo conto della posizione dei club italiani nella United Rugby League (URC) e di ciò che la nazionale produce regolarmente, bisogna pensare seriamente se esiste un piano strategico coerente a breve, medio e lungo termine. Lo sviluppo del rugby italiano perché di certo non sembra essere un argomento forte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.