Ashley Young ammette che il ritorno del Watford sarà una notizia calcistica “dura”

Ashley Young ha ammesso che sarebbe stato difficile rifiutarsi di tornare al suo club d’infanzia Watford, poiché la squadra del campionato Sky Beat aveva mostrato interesse a firmare il 35enne.

Young, approdato all’Inter a gennaio 2020, scade a fine stagione ma si dice tranquillo anche se non ha finalizzato il suo futuro a San Siro.

La squadra di campionato Watford, il club dove il terzino sinistro ha iniziato la sua carriera calcistica, è interessata a ingaggiare Young in un possibile trasferimento gratuito e ha preso i primi contatti con i suoi rappresentanti su una possibile mossa.

Il giovane può firmare un pre-contratto con una società straniera se non prolunga la sua permanenza in Italia.

immagine:
Watford si occupa di riportare Ashley Young dove ha iniziato la sua carriera calcistica quando aveva 10 anni

Parlando con Sky Sports News Sul suo futuro al Milan, Young ha detto: “Ci sono state delle conversazioni. Ho passato un periodo incredibile all’Inter, se c’è da fare qualcosa sono sicuro che si può concludere un accordo.

“È una partita d’attesa perché tutti sono in una pandemia, non sappiamo dove siano le finanze. Mi sento rilassato e rilassato, mi piace il calcio, abbiamo appena vinto il campionato. Ci rimangono quattro partite, quattro da vincere, tutto qui. Mi concentro su. “

“Ci possono essere molti fattori coinvolti nella decisione. Mi assicurerò che sia la decisione giusta per me e la mia famiglia.

Ma Young ha anche ammesso che sarebbe stato difficile rifiutarsi di tornare al Watford, il club in cui ha iniziato la sua carriera.

“Non ho detto che non tornerò. È il club in cui ho iniziato a 10 anni ma ora non c’è più niente. I miei rappresentanti non me ne hanno parlato”.

READ  Agnelli è rimasto solo e la sua presidenza bianconera è "discutibile", secondo la stampa italiana

Sarà una decisione difficile “.

MY: Hai fatto bene a scegliere l’Inter al Man United

Young dice che la sua decisione di lasciare il Manchester United nonostante il suo capitano e vicino alla certificazione, è stata dimostrata dall’Inter che ha vinto il titolo di campionato italiano.

L’esterno è diventato il primo inglese a vincere la Premier League inglese e la Serie A, poiché Conte ha recentemente concluso il dominio di nove anni della Juventus e ha conquistato il suo primo titolo in 11 anni.

Ha rivelato come Conte inizialmente fallì nel tentativo di firmarlo per il Chelsea dal Manchester United. Poi l’allenatore italiano ha riacceso il suo interesse per Young dopo aver preso in carico l’Inter.

Conoscendo il possibile trasferimento in Italia, Young ha detto di essersi rifiutato di prolungare il contratto all’Old Trafford nonostante le sincere conversazioni con l’allenatore dello United Ole Gunnar Solskjaer.

L'allenatore dell'Inter Antonio Conte ei giocatori festeggiano dopo che Matteo Darmian ha segnato un gol durante la partita di calcio di Serie A italiana tra Inter e Hellas Verona, allo stadio San Siro di Milano, domenica 25 aprile 2021 (Foto AP / Antonio Calani)
immagine:
Young dice che Antonio Conte ha cercato di ingaggiarlo quando era l’allenatore del Chelsea

Parla in esclusiva a Sky Sports News ‘ All’interno del calcio Show, Young ha detto: “È diventata una decisione enorme. Ero il capitano del club e sono entrato nel mio decimo anno, ma il club si stava evolvendo e cambiando. Il mio primo era lì e lui stava facendo davvero bene. È stata una decisione che Ho dovuto fare in termini di calcio.

“Sapevo quanto fossi in forma e sapevo di poter giocare settimane e settimane. Si è detto molto sull’età, più in Inghilterra che in altri paesi. Se sai quanto sei in forma, nessun problema.

“Mi sono seduto con Olly e gli ho chiesto quali fossero le mie possibilità di giocare. Era onesto, ho capito cosa stava dicendo, sarebbe stato limitato. C’era un contratto sul tavolo.



I tifosi del Manchester United hanno protestato fuori dall'Old Trafford prima della partita contro il Liverpool, che è stata rinviata per motivi di sicurezza



1:19

Ashley Young discute le recenti proteste dei tifosi del Manchester United contro i proprietari del club, i Glazers

“Ma non volevo che fosse un ripensamento, non volevo stare seduto lì per un altro anno e giocare un po ‘. So che posso alzarmi e abbassarmi come se avessi 20 anni.

“In precedenza mi era stato detto da una delle squadre più grandi del mondo come l’Inter che giocherai ogni settimana. Ho detto ai miei rappresentanti: ‘Facciamo l’affare'”.

Quando gli è stato chiesto se avrebbe potuto restare all’Old Trafford se l’offerta del contratto fosse stata pubblicata prima, ha risposto: “Forse. Ma non dovremmo saperlo.

“Ero lì e mi sono seduto e ho parlato con Ole, lui voleva che rimanessi. Questa è stata una decisione che dovevo prendere. Sentivo di avere ancora molte cose in me. Il fatto che Antonio Conte mi abbia voluto mentre era al Chelsea. Mi ha anche aiutato e Romelu Lukaku mi chiamava incessantemente dicendo “” Vieni qui ora. Ho preso la decisione subito “.

“Non capisco perché lo United abbia venduto Lukaku”.

Inter Romelu Lukaku e Lotaro Martinez festeggiano durante il derby contro il Milan
immagine:
Romelu Lukaku ha segnato 34 gol con l’Inter in tutte le competizioni finora in questa stagione

Young è uno dei quattro ex giocatori del Manchester United nella rosa dell’Inter vincitore del titolo insieme ad Alexis Sanchez, Matteo Darmian e Romelu Lukaku.

Lukaku ha segnato 34 gol in tutte le competizioni e sembra un giocatore di svolta sotto Conte a San Siro.

Il giocatore della nazionale belga ha persino battuto il record registrato a nome della leggenda brasiliana Ronaldo per aver segnato gol a partita. Ronaldo ha segnato 59 gol con l’Inter in 99 partite, ma Lukaku ha raggiunto i 60 in sole 86 partite.

Young dice di non aver capito la decisione dello United di lasciare Lukaku, soprattutto ora che l’attaccante merita credito per il suo duro lavoro.

“L’ho detto all’epoca”, ha detto Young, “non riuscivo a capire la decisione. Che sia stata presa rapidamente o meno, Romelu ha dimostrato che molte persone si sbagliano”.

Ha lavorato duramente, si diceva che fosse sovrappeso e che non potesse fare questo o quello. Ha battuto un record e ha fatto la storia in Italia, è stato grande per il club.

“Per me è stato fantastico anche in Premier League, scendere in campo e affrontare un’altra sfida, penso sia stata la scelta giusta per lui. Merita tutti gli elogi che riceve”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *