Divulgazione dopo 75 anni. Cosa ha mangiato Adolf Hitler prima di suicidarsi e cosa è successo allo chef

Stefan Dietrich è il nome di un ricercatore e scrittore che ha compilato in un libro un numero impressionante di 18 lettere inviate alla sua famiglia da Konstanze Manziarli, la donna conosciuta come la chef in Avolph Hitler’s Entourage e dai suoi parenti.

“Finora sono emerse solo informazioni limitate e frammentarie sulla giovane donna del Tirolo. Si tratta di un argomento nascosto nella letteratura di Hitler”., Dietrich ha osservato in un’intervista.

Certamente gli aspetti più interessanti della testimonianza di Costanza nelle suddette lettere sono quelli relativi all’ultimo giorno di vita di Hitler, che si suicidò con la sua compagna, Eva Braun, il 30 aprile 1945. Scopriamo così che l’ultimo pasto che il “Führer” servì fu il pranzo di quel giorno, cioè un po ‘di pasta al pomodoro.

È anche sorprendente che il cuoco sia stato successivamente costretto a cucinare la cena, anche se si sapeva che Adolf Hitler non sarebbe stato vivo, con l’intento di nascondere la sua morte. Con le lacrime agli occhi, Konstanz Manziarli obbedì e preparò un purè di patate con uova fritte, un alimento che nessuno aveva mai toccato prima.

Stefan Dietrich menziona anche nel suo libro What Happened to Constance Manziarli dopo il suicidio di Adolf Hitler. Vista l’ultima volta il 2 maggio 1945, la giovane austriaca è poi scomparsa e la ricercatrice si è limitata a due possibilità (suicidio o omicidio per mano di soldati russi). Ma c’erano anche voci che dicevano che l’ex chef di Hitler sarebbe stato in grado di fuggire dal Paese verso l’America Latina.

Leggi anche: Scopri alcuni motivi per aggiungere whisky ai tuoi piatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.