Diretto | La speranza del Senato: “Se abbassiamo la guardia, la terza ondata è vicina”. [VIDEO]

Stampa

Il ministro della Salute Roberto Speranza contatta il Senato su ulteriori misure per far fronte all’emergenza Covid-19

“Il governo, attraverso i miei decreti, si è assunto la responsabilità di scelte difficili ma necessarie. Senza queste scelte, sarà impossibile controllare la curva, e la pressione sugli ospedali diventerà insostenibile”.

L’insieme delle procedure approvate inizia a dare risultati incoraggianti. Tutto indica che la prossima osservazione dovrebbe confermare il calo di Rt passato nelle ultime settimane da 1.7 a 1.08. La situazione è pericolosa, ma le procedure funzionano “.

“Scelte difficili ma necessarie, dettate da valutazioni scientifiche. L’obiettivo è piegare la curva senza un blocco comune. Sembra che adeguare proporzionalmente le misure da adottare sia in grado di appiattire la curva senza dover ostacolare l’intero Paese con le conseguenze sociali ed economiche che ciò può comportare.

ancora: “Abbiamo ancora bisogno di qualche settimana di sacrificio e poi di terapia di mantenimento. L’onda è ancora alta e la navigazione sarà ancora difficile. Non facciamoci illusioni, se abbassiamo la guardia, la terza ondata è vicina”.

Sul nuovo DPCM: Con il prossimo Dpcm dobbiamo continuare a prendere misure serie e drastiche. Le priorità sono due: mantenere la classificazione delle aree in base allo scenario di rischio, perché lo statuto è corretto e funzionante, e rafforzare i vincoli previsti che devono essere rafforzati anche in un coordinamento europeo diventa indispensabile: pertanto vanno limitati il ​​più possibile i contatti non necessari tra le persone. Il 25 e 26 dicembre e il 1 gennaio la circolazione è stata interrotta, anche tra i comuni.

Soprattutto a scuola: Le lezioni continuano ad esistere nella scuola elementare e in prima media anche nelle zone rosse. In linea con il quadro epidemiologico, cercheremo di portare in classe gli studenti delle scuole superiori “.

Nel piano di vaccinazione: Sembra che probabilmente avremo le nostre prime vaccinazioni a partire da gennaio. Poi gradualmente saremo in grado di vaccinare più italiani. Siamo stati i primi a creare, con Germania, Francia e Paesi Bassi, un’alleanza per i vaccini. Il vaccino viene acquistato centralmente e offerto gratuitamente a tutti gli italiani. Un vaccino è un bene pubblico, un diritto che deve essere garantito a tutte le persone, indipendentemente dal reddito e dalla regione in cui ognuno vive o lavora. La campagna di vaccinazione sarà enorme e dovrebbe diventare un obiettivo per tutto il Paese. Occorre molto per questa sfida e non possiamo dividerci su questo “.

Vaccino Covid, il personale scolastico è tra i primi ad utilizzarlo. Le prime dosi sono tra il 23 e il 26 gennaio

TV Horizon School Puoi guardarlo sul tuo smartphone e tablet, tramite le app Facebook e YouTube, ma anche su smart TV (per i principali modelli in commercio) tramite la connessione all’app YouTube: bastano pochi passaggi per avere il video in diretta sulla schermata home.

READ  La Francia conferma il match day per l'Italia

Sottoscrizione Al canale You Tube di Orizzonte Scuola

Mi piace sulla pagina Facebook di Orizzonte Scuola

Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *