Come se qualcuno mi avesse spezzato il cuore – Claire Williams in vendita per il team Sr F1

Come se qualcuno mi avesse spezzato il cuore – Claire Williams in vendita per il team Sr F1

Claire Williams ha detto che la vendita del team di famiglia di Formula 1 è un dolore con cui è stato difficile venire a patti, ammettendo che sembrava che qualcuno le avesse strappato il cuore e non l’avesse mai restituita.

Claire, 47 anni, è stata un’outsider in Formula 1 per un massimo di tre anni dopo aver venduto il team fondato da suo padre Sir Frank Williams alla società di investimenti statunitense Dorilton Capital per 136 milioni di sterline.

Si è dimessa da capo de facto al Gran Premio d’Italia del 2020, mentre Frank – che straordinariamente ha portato la sua squadra di corse automobilistiche da un magazzino di tappeti vuoto all’apice dello sport – è morto un anno dopo.

Sir Frank Williams fondò il team di Formula 1 che avrebbe vinto 16 campionati mondiali combinati (David Davies/PA)

“Quando sono partito da Monza mi è sembrato che qualcuno mi avesse strappato il cuore e non è mai stato rimesso a posto”, ha detto Claire in un’intervista con PNA prima dell’800° Gran Premio d’Ungheria della Williams questo fine settimana.

“Devi solo trovare qualcosa in cui inserirlo. Ma all’epoca era davvero difficile e tre anni dopo, è ancora molto difficile.

“È solo uno di quei dolori difficili da superare o da accettare. Ora che abbiamo perso mio padre, a volte sembra che sia stato solo un sogno. Quel periodo è davvero accaduto nelle nostre vite?”

Sir Frank ha supervisionato 114 vittorie, 16 campionati mondiali piloti e costruttori ed è diventato il capo squadra più longevo nella storia di questo sport.

La sua storia è stata resa ancora più impressionante da un terribile incidente d’auto che lo ha lasciato con ferite, così i medici devastati hanno considerato di spegnerlo il supporto vitale.

READ  Il neozelandese fa coppia con Coco Gauff agli Open d'Italia

Fino alla sua morte nel 2021, è stato riconosciuto come il tetraplegico più anziano del mondo.

Chiara Williams

Claire Williams era de facto il team manager della squadra britannica (David Davies/PA)

Frank, che viveva nel quartier generale della squadra a Grove, nell’Oxfordshire, ha passato il testimone manageriale a sua figlia Claire nel 2013.

Ha portato la squadra a un impressionante terzo posto nel Campionato Costruttori, dietro la forza finanziaria di Mercedes e Mercedes-AMG Ferrari Nei due anni successivi, prima che la mancanza di investimenti significativi contribuisse al declino della Williams. È passato un decennio dall’ultima volta che un pilota della Williams ha vinto una gara.

“Sono successe molte cose in quegli ultimi anni di cui non sarò in grado di parlare fino ad oggi”, continua Claire.

“Ma ho visto la squadra affrontare tre stagioni molto difficili e sono stato in grado di consegnare qualcosa che era ancora vivo e respirava ancora a qualcuno che aveva tasche più profonde di noi. Abbiamo mantenuto tutti al lavoro, non siamo entrati nella dirigenza e io’ Ne sono molto orgoglioso.

“Ogni volta che sono in tempi difficili, seppellisco la testa nel lavoro e quando abbiamo venduto la Williams, la mia prossima preoccupazione è stata: ‘Dov’è andato papà?

“Per quanto Dorilton fosse gentile a dire che poteva sempre vivere al mulino, avevo bisogno di lui vicino a me. Per inciso, la casa accanto alla nostra era stata messa in vendita, quindi abbiamo trasferito papà.

“Ho gestito il suo team di assistenza. Mi sono assicurato che fosse felice e a suo agio nella sua nuova casa e siamo andati a fare delle cose adorabili insieme. Avrebbe preso il mio piccolo, Nate, dall’affido.

READ  Petrucci e Bulega completano un test privato WorldSBK al Mugello

“Ma poi si è ammalato di più, sono state necessarie più cure per prendersi cura di lui ed è morto. Ma nei sei mesi successivi abbiamo organizzato questo meraviglioso servizio commemorativo. Poi abbiamo deciso di cambiare casa e rinnovare la nostra vecchia casa ad Ascot e la nostra nuova casa nei South Downs.»

“Quindi, sono il maestro della distrazione. La vita va avanti. Per quanto mi manchi la Williams, e mi manchi terribilmente la Formula 1, c’è tutto un altro mondo. Devi andare a trovare la felicità altrove. Questo è quello che ho fatto.”

Tuttavia, Claire scopre che il suo stato di zen è stato interrotto guardando lo sport che ama.

La domenica non si sintonizzerà per vedere Alex Albon e il debuttante Logan Sargeant combattere per un punto o due sotto la tutela del nuovo team principal James Fowles – un appuntamento che Claire ha detto che suo padre avrebbe accettato – nella storica gara della Williams.

“Ho acceso la TV per vedere Alex segnare un punto in Australia all’inizio di quest’anno”, ha continuato con un sorriso.

James Fowles

James Fowles è stato nominato team manager della Williams all’inizio di quest’anno (David Davies/PA)

Il taccuino di Ted era acceso e Ted era acceso [Kravitz] James ha afferrato e ha detto: “Amico, congratulazioni, sei solo il terzo allenatore della Williams e hai ragione. Come ti fa sentire?”

E io ero tipo il terzo team manager, quello è Frank, quello è Jost [Capito] Questo è James, quindi cosa mi dici di me? Ted è appena stato cancellato dalla TV nazionale!

“Potrei non essere stato chiamato il team manager, ma ho lavorato in quel modo e sono stato letteralmente spazzato via. L’ho detto chiaramente e ho promesso di non guardare mai più.

READ  "Il Liverpool è il favorito, ma non è così chiaro come molti dicono".

“Ma ho provato a guardare l’ultima gara a Silverstone. Mi sono detto: ‘Va bene, lo farò. Vieni qui’. Ma ho guardato la formazione e basta. Mi ci sono voluti cinque minuti.

“Non so cosa sia, ma se parli con qualcuno che ha lavorato, vissuto e respirato la F1 – non importa se per 20 anni o 20 minuti – fa qualcosa per te. Ti risucchia e quando andarmene, involontariamente come me, è così difficile guardare e non sentire quella perdita.”

Claire va d’accordo con impegni di conferenze e “progetti televisivi top secret” con il suo ruolo di ambasciatrice del marchio per Williams Advanced Engineering.

All’inizio di quest’anno, ha lanciato la Frank Williams Academy in onore di suo padre. Il progetto mira a raccogliere 1,5 milioni di sterline per aiutare a educare e formare le persone colpite da lesioni del midollo spinale. Ha anche rivelato che Sky le ha offerto la possibilità di tornare nel circuito di F1 come analista.

“Era troppo presto”, disse Claire. “Faresti meglio ad andartene, andartene.

“A meno che qualcuno non mi dica: ‘Torna indietro e diventa team manager e puoi riprenderti la Williams’, non penso necessariamente che ci sia un lavoro che voglio, ma non dico mai”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *