Cameron Norrie è l’ultimo britannico a rialzarsi dopo aver sconfitto Ryan Peniston

Cameron Norrie è l’ultimo britannico a rialzarsi dopo aver sconfitto Ryan Peniston

Queen’s – Cameron Norrie è l’ultimo giocatore britannico rimasto al Queen’s dopo essere stato costretto a lavorare per il suo posto nei quarti di finale da Jordan Thompson.

Il 27enne Nuri ha ceduto il primo set al ritardatario Thompson a Londra dopo aver raggiunto la finale a Rosmalen domenica.

L’australiano è uno dei pochi giocatori del tour che preferisce i campi in erba, essendo cresciuto allenandosi a Sydney, e ha battuto Norrie in due degli ultimi tre incontri.

Tuttavia, il britannico di origine sudafricana ha portato la partita al terzo set e ha battuto Thompson altre due volte nel decisivo, deliziando il pubblico con una vittoria per 4-6, 6-3, 6-2 in un’ora e 57 minuti.

“Penso che sia stata la partita perfetta. A Jordan piace molto l’erba”, ha detto Nouri.

“Ha giocato due buoni punti per spezzarmi e io ho giocato due punti perdenti e questa è stata la differenza [in the first set]. Non c’era molto ed è stata sicuramente una buona partita da fare”.

Ryan Peniston sperava di ripetere l’eroismo della scorsa estate, quando ha raggiunto i quarti di finale del Queen’s, e poi si è infilato anche a Eastbourne dove ha battuto Holger Rohn, ma il danese ha messo a segno un’impressionante vendetta mercoledì trionfando in due set.

Peniston, che ha trascorso le settimane successive ai campionati di Wimbledon dello scorso anno a causa di un infortunio al polso che da allora ha ostacolato i suoi progressi, ha vinto solo sette partite in una sconfitta per 6-3 6-4 mentre Ron ha registrato ben 23 vittorie.

La sconfitta di Peniston significa che Norrie è l’ultimo giocatore britannico in piedi al Queen’s, anche se questo è diventato familiare: non è stato battuto dal suo connazionale negli ultimi cinque tornei del Grande Slam.

READ  L'ITF respinge la richiesta di Yastremska di revocare una sospensione temporanea per doping

In precedenza, Lorenzo Musetti ha dovuto affrontare una forte rimonta dall’astro nascente Ben Chilton battendo l’America 6-4, 4-6, 6-4 per raggiungere i quarti di finale.

Avendo bisogno di tre match point per tagliare il traguardo, l’italiano ha commesso un doppio fallo nel secondo, ma alla fine ha siglato la vittoria con un colpo di testa in due ore e 11 minuti, la sua quarta vittoria sull’erba quest’estate.

Non è stato fino al 2023 che il suo avversario, Shelton, 20 anni, ha lasciato i suoi nativi Stati Uniti, dove ha stretto i denti giocando a tennis collegiale sotto suo padre Brian all’Università della Florida.

Certamente non ha giocato su un campo in erba prima di arrivare nel Regno Unito la scorsa settimana, ma è riuscito a battere il fortunato perdente JJ Wolfe al primo turno.

Il mancino ha recuperato dopo aver perso il primo set per prendere un secondo tirato, rompendo 4-5, ma è stata l’unica volta in cui è riuscito a trovare una partita contro il servizio di Musetti nell’intero match.

Regina, terzo giorno

  • Lorenzo Musetti (6) ha battuto Ben Chilton 6-4 4-6 6-4
  • Cameron Norrie (5) ha battuto Jordan Thompson 4-6, 6-3, 6-2
  • Holger Rohn (2) ha battuto Ryan Peniston 6-3 6-4
  • Francis Tiafoe (4) contro Sebastien Korda

Come guardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *