Burger King entra nel ciclismo professionistico con il ProTeam italiano Eolo-Kometa

Burger King si unisce alla lunga lista di sponsor del ciclismo professionistico attraverso il ProTeam italiano Eolo-Kometa, la squadra vincitrice del Giro guidata da Alberto Contador e Ivan Basso.

“Dal prossimo anno Burger King Italia sarà con noi”, ha detto Basso a La Gazzetta dello Sport, “Vedere un’azienda così importante entrare a far parte della nostra squadra e del ciclismo in generale ci rende tutti molto felici”.

La sponsorizzazione è arrivata dopo che l’amministratore delegato di Burger King Italia Alessandro Lazzaroni si è unito al ProTeam italiano per la loro prima apparizione al Giro d’Italia quest’anno, generando un enorme interesse e pubblicità grazie alla vittoria della tappa 14 di Lorenzo Fortunato in cima al Monte Zoncolan. Con le proposte di vendita in corso, questa è un’ottima idea.

“Si chiamerà ancora Eolo-Kometa, mentre il nuovo sponsor occuperà uno spazio sulla maglia”, ha confermato Basu.

Il gigante del fast food non è la prima azienda alimentare nell’elenco degli sponsor del team; Kometa è un’organizzazione ungherese specializzata in salsicce, carni e formaggi ed è responsabile dell’hashtag #HonestFood che potresti aver visto sui social media della squadra. D’altra parte, Eolo è una società di telecomunicazioni molto simile a Movistar. Fast Food e Internet: un abbinamento perfetto.

Il leader della classifica KOM Vincenzo Albanese rappresenta Eolo-Kometa nella fuga nella terza tappa del Giro d’Italia 2021.

Eolo-Kometa ha iniziato la sua vita come team di sviluppo continentale nel 2018 ed è “diventata professionista” in tempo per la stagione 2021, segnando una grande entrata per il Grand Tour italiano la prima volta che ha chiesto. È stato un esordio fantastico a detta di tutti, Vincenzo Albanese ha indossato per qualche giorno una maglia KOM, una manciata di top 10 sul palco, e poi la vittoria di tappa di Fortunato, per non parlare delle apparizioni ricorrenti separate. Nonostante Fortunato sia l’unica vittoria del WorldTour finora, la squadra ha continuato a mostrare il suo talento fino alle ultime gare della stagione.

READ  Antonio Faravelli, chance Ryder Cup

“Mi piace stare con i piedi per terra”, ha detto Basso del futuro della squadra. “Non dobbiamo fare viaggi di lusso, abbiamo bisogno di crescere e lo faremo solo grazie alla nostra professionalità, ai risultati e alla serietà.

“Se riusciremo a dimostrare tutto questo, gli sponsor rimarranno e potremo crescere. Lo stiamo facendo lentamente: dopo tre anni di Continental [level] Siamo arrivati ​​primi con i professionisti con risultati soddisfacenti”.

Guardando alla prossima stagione, sebbene le trattative riportate con Elia Viviani e Vincenzo Nibali non abbiano prodotto nulla, Eolo-Kometa (supportato da Burger King) inizierà il 2022 con aspettative giustamente alte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *