Bridging the Gap: la meraviglia ingegneristica italiana da record

Bridging the Gap: la meraviglia ingegneristica italiana da record

L’Italia collegherà la Sicilia alla terraferma con il ponte sospeso più lungo del mondo, che si estende per 3.300 metri, il 60% in più rispetto all’attuale ponte di Canakkale, detentore del record in Turchia. L’ambizioso progetto, sostenuto dal ministro delle Infrastrutture italiano Matteo Salvini e sostenuto da Berlusconi, ha affrontato molte sfide politiche e tecniche nel corso della sua storia.

Con un’altezza strutturale di 380 metri, il Ponte sullo Stretto di Messina diventerà anche il ponte più lungo del mondo, superando di 38 metri il viadotto francese di Millau. Progettato per trasportare 6.000 veicoli all’ora e 200 treni al giorno, il ponte ridurrà drasticamente il tempo di percorrenza tra la Sicilia e l’Italia continentale da due ore a meno di 10 minuti. Alcuni critici sostengono che il progetto, ora stimato in 8,5 miliardi di euro, agisca come una pedina politica e alimenti il ​​populismo infrastrutturale, mentre i sostenitori lo vedono come un simbolo dell’abilità ingegneristica italiana.

secolo in divenire

Il concetto di ponte che collega la Sicilia all’Italia continentale risale all’epoca romana, con strutture temporanee presumibilmente costruite utilizzando botti e barche. L’idea è stata rivisitata da Mussolini, ma è stato solo con il governo Berlusconi nei primi anni 2000 che Bruxelles ha fornito finanziamenti. Nel 2009 allo Stretto di Messina è stato assegnato un contratto di costruzione, ma il progetto è stato interrotto nel 2013 a causa dei tagli di austerità. Ora, il primo ministro italiano Giorgia Meloni sta cercando finanziamenti dall’Unione Europea per una proposta multimiliardaria, la cui costruzione dovrebbe iniziare tra due anni e impiegare circa cinque anni per essere completata.

READ  Il video elegante mostra che la leggenda dell'Italia era "immune alle pressioni"

I difensori del ponte sostengono che gioverebbe all’economia stagnante della Sicilia, colmerebbe il divario di ricchezza dell’Italia e risparmierebbe tempo e denaro nelle lunghe crociere per le navi mercantili dal Canale di Suez.[1]. Inoltre, il collegamento di ferrovie e strade alleggerirebbe la pressione sui servizi di traghetto sovraffollati[2]. Tuttavia, i critici sostengono che il ponte sarebbe uno spreco di fondi pubblici e comporterebbe rischi in una zona sismica attiva. Gli ambientalisti esprimono anche preoccupazione per i potenziali danni agli ecosistemi e ai paesaggi locali.

Pedina politica o meraviglia dell’ingegneria?

Uno dei motivi per cui il progetto ha subito così tante cancellazioni e rimbalzi è a causa degli interessi politici e finanziari che serve. Secondo Nicola Schelotti, docente di diplomazia e governance internazionale alla Loughborough University di Londra, i gruppi di interesse traggono vantaggio dal lavoro di pianificazione anche se il ponte non viene mai realizzato. Lo stesso Salvini ha ammesso che “è meno costoso costruire un ponte che non farlo”.

Secondo Angelini, la politicizzazione del progetto, con il sostegno primario della destra e l’opposizione della sinistra, potrebbe anche essere un caso di “populismo infrastrutturale”. La retorica nazionalista che circonda il ponte lo posiziona come un simbolo della grandezza dell’Italia e della capacità della nazione di costruire un ponte più alto di qualsiasi altro nella storia.

Sfide e innovazioni ingegneristiche

L’attuale progetto del Ponte sullo Stretto di Messina prevede una struttura sospesa a campata unica con una lunghezza di 3.300 metri. I piani precedenti prevedevano tre estensioni, con due torri costruite nel mare e ciascuna affondata tra gli ottanta ei cento metri sotto il livello del mare. Tuttavia, questi piani furono ritenuti impraticabili a causa delle forti correnti nello stretto e dei pericoli che rappresentavano per la navigazione.

I ponti sospesi sono il tipo di ponte più comune al mondo, con una lunghezza compresa tra 2.000 e 7.000 piedi. Il ponte sospeso più lungo attualmente esistente è il ponte giapponese Akashi Kaikyo, lungo 6.527 piedi e con una lunghezza totale di 12.828 piedi. Questi ponti richiedono stabilità aerodinamica per ridurre vibrazioni e oscillazioni, poiché sono soggetti alle forze del vento.

Una nuova era per l’Italia?

Se completato, il Ponte sullo Stretto di Messina avvicinerebbe molto di più i quasi cinque milioni di abitanti della Sicilia al resto d’Italia, riducendo il tempo di percorrenza in treno da circa due ore a meno di dieci minuti. L’ambizioso progetto, pur affrontando molte sfide politiche e tecniche, potrebbe segnare una nuova era per l’Italia e le sue capacità ingegneristiche. Mentre i critici sostengono che il progetto funge da pedina politica e alimenta il populismo infrastrutturale, i sostenitori lo vedono come un simbolo dell’abilità ingegneristica italiana e una testimonianza della capacità della nazione di superare gli ostacoli.

Fonti usate da Layo per scrivere questo articolo:

Il governo italiano approva i piani per costruire il ponte sospeso più lungo del mondo.
il ponte sospeso più lungo del mondo che presto collegherà la Sicilia con l’Italia continentale; Come funziona questo tipo di infrastruttura?
Il ponte sospeso più lungo del mondo è storia in divenire.
La Sicilia e l’Italia continentale potrebbero presto essere collegate dal ponte sospeso più lungo del mondo.

READ  Le migliori ville di lusso sul Lago di Como, Italia 2023

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *