Bombardamento israeliano di un’area residenziale nel sud della Striscia di Gaza, uccidendo almeno 29 persone Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Bombardamento israeliano di un’area residenziale nel sud della Striscia di Gaza, uccidendo almeno 29 persone  Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Almeno 29 palestinesi sono stati uccisi in un attacco aereo israeliano su un’area residenziale a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, mentre un ospedale è stato fatto irruzione nel nord di Gaza, e 13 persone sono state uccise in un attacco a un campo profughi in questa parte della Striscia. .

Decine di migliaia di sfollati palestinesi si sono radunati a Rafah, al confine di Gaza con l’Egitto, per sfuggire ai bombardamenti israeliani nel nord, nonostante il timore che lì non sarebbero stati al sicuro.

Hani Mahmoud, corrispondente di Al Jazeera da Rafah, ha detto martedì che “tre edifici residenziali in una zona sono stati distrutti durante l’attacco”.

Ha aggiunto che si prevede che il numero delle vittime aumenterà poiché sempre più corpi verranno recuperati dalle macerie sotto le quali anche le persone erano intrappolate.

L’ufficio stampa governativo di Gaza ha detto sul suo canale sull’applicazione Telegram che il giornalista Adel Zoroub era tra le 29 persone martirizzate nell’attacco aereo sulla città di Rafah.

In un episodio separato, un portavoce del Ministero della Sanità della Striscia di Gaza ha affermato che almeno 13 palestinesi sono stati uccisi e un numero maggiore è rimasto ferito in un attacco aereo israeliano sul campo profughi di Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza.

Sono scoppiate feroci battaglie nel nord di Gaza, dove Hamas continua una feroce resistenza in quella che oggi è una terra arida e desolata, dopo sette settimane di incursioni da parte di carri armati e soldati israeliani.

Raid negli ospedali

Ashraf Al-Qudra, portavoce del Ministero della Sanità a Gaza, ha detto martedì che le forze di occupazione israeliane hanno trasformato l’ospedale Al-Awda nel nord di Gaza in una caserma dopo aver arrestato più di 240 persone.

READ  Un funzionario della difesa statunitense ha affermato che le forze russe hanno sparato più di 800 missili dall'inizio dell'invasione

Ha aggiunto che tra i detenuti c’erano “80 operatori ospedalieri, 40 pazienti e 120 sfollati all’interno dell’ospedale”.

Secondo Al-Qidra, le forze hanno arrestato sei operatori ospedalieri, tra cui il direttore dell’ospedale Ahmed Muhanna.

Le forze israeliane hanno anche fatto irruzione nell’ospedale nazionale arabo di Gaza City durante la notte e fino a martedì, secondo la chiesa che lo gestisce, distruggendo un muro all’ingresso principale e arrestando la maggior parte del personale.

L’agenzia di stampa Associated Press ha citato Don Binder, il prete della cattedrale anglicana di San Giorgio nella Gerusalemme est occupata, che gestisce l’ospedale, secondo cui il raid ha lasciato solo due medici, quattro infermieri e due guardie a prendersi cura di più di 100 persone. condizione grave. Persone ferite senza acqua corrente né elettricità.

“È stata una grande misericordia per i tanti feriti a Gaza City il fatto che siamo riusciti a tenere aperto l’ospedale nazionale anglicano per così tanto tempo”, ha scritto Binder in un post su Facebook lunedì scorso. “Quel giorno è finito.”

Ha aggiunto che un carro armato israeliano era parcheggiato sulle macerie all’ingresso dell’ospedale, impedendo a chiunque di entrare o uscire.

Non c’è stato alcun commento immediato da parte dell’esercito israeliano, che ha continuato a prendere di mira e a fare irruzione nelle strutture sanitarie nella Striscia.

L’ospedale Kamal Adwan nel nord di Gaza, che le forze israeliane hanno fatto irruzione la scorsa settimana, ha smesso di funzionare e i pazienti, compresi i neonati, sono stati evacuati, ha detto lunedì un funzionario dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

“Non possiamo permetterci di perdere nessun ospedale”, ha detto Richard Peppercorn, rappresentante dell’Organizzazione Mondiale della Sanità a Gaza.

READ  I quebecchesi ad Haiti si affrettano a raggiungere i loro cari e pianificano di aiutare dopo un forte terremoto

Peppercorn ha anche affermato che circa 4.000 sfollati che si sono rifugiati nel complesso medico Nasser a Khan Yunis, nel sud di Gaza, sono a rischio poiché Israele continua le sue operazioni militari lì.

Il Ministero della Sanità di Gaza ha dichiarato martedì che 19.667 palestinesi sono stati uccisi e altri 52.586 feriti nell’attacco israeliano alla Striscia governata da Hamas dall’inizio della guerra, il 7 ottobre.

Secondo le statistiche israeliane, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di ottenere la vittoria completa su Hamas, i cui combattenti hanno ucciso circa 1.140 persone e ne hanno catturate altre 240 in un raid a sorpresa contro Israele il 7 ottobre.

Gli intensificati attacchi israeliani a Gaza hanno causato scalpore tra molti governi e organizzazioni internazionali per il numero di morti civili, fame e sfollamenti.

“Chiari progressi” nei colloqui

Nel frattempo, i colloqui continuano per raggiungere un’altra tregua tra le due parti con gli sforzi di mediazione guidati dal Qatar tra i ripetuti appelli della comunità internazionale a porre fine alle ostilità.

Alan Fisher, corrispondente di Al Jazeera dalla Gerusalemme Est occupata, ha detto che ci sono stati “chiari progressi” verso un potenziale nuovo accordo di scambio di prigionieri tra Israele e Hamas dopo che Bill Burns, il direttore della CIA, si è recato a Varsavia per i negoziati con David Barnea. Il capo dei servizi segreti israeliani Mossad e il primo ministro del Qatar, lo sceicco Mohammed bin Abdul Rahman bin Jassim Al Thani.

Tuttavia, dal momento che Israele indica metà gennaio come scadenza per “la prossima fase della guerra”, c’è la possibilità che Hamas decida di “aspettare” fino ad allora “per vedere come vanno le cose”, ha detto Fischer.

READ  Legislazione ivoriana: l'ONG GOFEHF chiede un'estensione delle domande fino al 31 gennaio

Ha aggiunto che Hamas potrebbe aspettare fino ad allora “per consegnare qualcuno dei prigionieri e usarli come merce di scambio quando le cose inizieranno effettivamente a cambiare sul terreno”.

Martedì, un alto funzionario di Hamas si è rifiutato di condurre negoziati durante la guerra, ma ha affermato che il movimento è aperto a qualsiasi iniziativa volta a porre fine alla guerra.

Bassem Naim ha dichiarato in un comunicato: “Affermiamo la nostra posizione rifiutando categoricamente qualsiasi forma di negoziato riguardante lo scambio di prigionieri alla luce della guerra di annientamento israeliana in corso”.

Ha aggiunto: “Ma siamo aperti a qualsiasi iniziativa che contribuisca a porre fine all’aggressione contro il nostro popolo e ad aprire i valichi per portare aiuti e soccorsi per il popolo palestinese”.

Il presidente israeliano Isaac Herzog ha espresso la sua disponibilità a stipulare un’altra tregua per ripristinare i prigionieri detenuti a Gaza e consentire che maggiori aiuti raggiungano la Striscia palestinese assediata.

Herzog ha detto ad una riunione di ambasciatori, secondo il suo ufficio, che “Israele è pronto per un’altra tregua umanitaria e ulteriori aiuti umanitari per consentire il rilascio degli ostaggi”.

“La responsabilità è tutta nostra [Hamas leader Yahya] Sinwar e la leadership di Hamas”.

Lunedì le Brigate Al-Qassam, il braccio armato di Hamas, hanno diffuso un video di un minuto di tre anziani prigionieri israeliani chiedendo il loro rilascio immediato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *