Altri 2 monumenti di Tienanmen rimossi dai campus universitari di Hong Kong

Altre due università di Hong Kong venerdì hanno rimosso le tracce pubbliche delle proteste di Tiananmen del 1989 a Pechino, in seguito allo smantellamento di una scultura che commemora le vittime della repressione in un’altra università all’inizio di questa settimana.

Replica da 6,4 m della dea della democrazia statua di bronzo, Teneva in alto una torcia all’Università cinese di Hong Kong, ed è stata rimossa da una pubblica piazza poco prima dell’alba. L’università ha dichiarato in un comunicato che la “statua non autorizzata” è stata presa.

La statua è stata modellata su una statua in gesso e schiuma bianca alta 10 metri eretta dagli studenti in Piazza Tiananmen nel 1989 come simbolo della loro determinazione a perseguire la libertà e la democrazia in Cina sotto il governo del Partito Comunista.

A differenza della Cina continentale, dove le autorità cinesi vietano qualsiasi memoriale o commemorazione pubblica del 4 giugno, Hong Kong in precedenza era rimasta l’unico luogo sul suolo cinese in cui tali celebrazioni erano consentite.

La Lingnan University di Hong Kong ha anche rimosso una statua scolpita sul muro del massacro di Tiananmen, che includeva anche una rappresentazione della dea della democrazia. L’incisione inferiore include immagini di una fila di carri armati che si fermano davanti a un manifestante solitario noto come “Tank Man”; Le vittime sono state uccise dalle forze cinesi.

L’artista Chen Weiming, che ha creato la statua e il murale, ha detto a Reuters che avrebbe citato in giudizio le università in caso di danni al suo lavoro.

I lavoratori rimuovono parte del libro “Pilastro della vergogna” dello scultore danese Jens Galchiot, che onora le vittime della repressione in Piazza Tiananmen a Pechino il 4 giugno 1989, presso l’Università di Hong Kong a Hong Kong, giovedì. (Tyron Seo/Reuters)

Anche l’imponente immagine rossa della dea della democrazia nella sala principale dell’Unione studentesca dell’Università di Lingnan è stata dipinta in grigio. Gli studenti hanno risposto incollando un foglio di carta con la parola “vergognoso” sulla foto sfocata, che le guardie di sicurezza hanno rapidamente strappato.

L’Università di Lingnan ha dichiarato in una e-mail a Reuters che gli articoli che potrebbero comportare “rischi legali e per la sicurezza” sono stati “puliti o rimossi e conservati in modo appropriato”.

L’artista dice: “La libertà di Hong Kong è morta”

All’inizio di questa settimana, l’Università di Hong Kong ha smantellato e rimosso un alto otto metri pilastro della vergogna Una statua dal sito del campus che per più di due decenni ha commemorato i manifestanti pro-democrazia uccisi durante la repressione del 1989.

La scomparsa di queste reliquie simboliche in tre università in rapida successione significa che ora non sono rimasti monumenti pubblici di Tiananmen nella regione.

“Quindi, dopo che questa statua è stata rimossa, ho anche creduto che la libertà di Hong Kong fosse morta e che anche lo stato di diritto a Hong Kong fosse morto”, ha detto a Reuters l’artista Chen.

La statua del “Pilastro della vergogna”, un memoriale per le vittime della campagna di Tiananmen del 1989, è stata esposta all’Università di Hong Kong il 13 ottobre 2021, prima di essere rimossa. (Ken Cheung/The Associated Press)

READ  Il vice primo ministro ucraino ha affermato che le alleanze dell'Ucraina non sono una "moneta di scambio" nei colloqui con la Russia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *