Alexis Sanchez si sente “intrappolato” nel suo influente ruolo alternativo all’Inter dopo la Supercoppa

“Questo è un ruggito da leone!”: Alexis Sanchez ammette di sentirsi “bloccato” nel suo ruolo di sostituto all’Inter, ma si sente un “mostro” dopo aver segnato il gol della vittoria della Supercoppa Italiana contro la Juventus.

  • Alexis Sanchez ha segnato il gol della vittoria dell’Inter nella Supercoppa vinta contro la Juventus
  • Il cileno è uscito di nuovo dalla panchina per segnare nei tempi supplementari negli ultimi istanti
  • Sanchez ammette di sentirsi un “leone in gabbia” nel suo ruolo alternativo all’Inter
  • Il 33enne ha lanciato un appello per iniziare più partite con Simone Inzaghi


Alexis Sanchez ha ammesso di essersi sentito un “leone in gabbia” nel suo ruolo influente all’Inter – soprattutto quando Antonio Conte era allenatore – dopo essere stato il campione italiano di Supercoppa contro la Juventus.

L’attaccante cileno è uscito dalla panchina per segnare il gol della vittoria nell’ultimo tempo supplementare nel 2-1 dell’Inter che ha conquistato il primo titolo nazionale della stagione nerazzurra, scatenando da parte sua e dei suoi compagni esultanze fragorose.

Sanchez è stato utilizzato negli ultimi anni come sostituto di San Siro. L’ex allenatore Conte lo ha fatto uscire dalla panchina 18 volte la scorsa stagione, mentre solo quattro delle sue 13 partite di Serie A sono iniziate con Simone Inzaghi.

Alexis Sanchez ammette di sentirsi un “leone in gabbia” nel suo ruolo di sostituto influente all’Inter

Il 33enne ha parlato di quanto sarà difficile adattarsi a Edin Dzeko e Lautaro Martinez all’Inter, ma ha anche chiesto di iniziare più partite dopo le sue eroiche uscite a San Siro di mercoledì sera.

“Ho sempre detto che mi sentivo come un leone in gabbia, non stavo giocando!” Lo ha detto a Sport Mediaset l’ex attaccante di Arsenal e Manchester United. Conte arrivò un giorno e disse: “Nessuno come te”.

Mi stava mettendo negli ultimi 15 minuti e ha detto che avrei fatto la differenza. Ho detto le mie pose prima, anch’io posso fare la differenza! Questo è il ruggito del leone!

Sanchez ammette che è frustrante non iniziare molte partite dalla panchina di San Siro

Sanchez ammette che è frustrante non iniziare molte partite dalla panchina di San Siro

“I campioni sono così, più giocano, meglio si sentono. Più giocano i campioni, meglio sono. Se mi lasciano giocare sono un mostro”.

“Ho giocato contro la Lazio, pensavo di giocare oggi perché ero in buona forma, ma l’allenatore ha preso questa decisione. Avevo fame e stasera avevo voglia di vincere qualcosa! Siamo sulla strada giusta con i giocatori giusti e abbiamo andare avanti.”

Sanchez ha segnato quattro gol in 18 partite finora in questa stagione con i nerazzurri, ma i compagni Martinez e Dzeko sono rispettivamente in vantaggio con 12 e 11 in tutte le competizioni.

Edin Dzeko (a sinistra) e Lautaro Martinez (a destra) sono davanti a Sanchez in posizione d'attacco.

Edin Dzeko (a sinistra) e Lautaro Martinez (a destra) sono davanti a Sanchez in posizione d’attacco.

Il cileno ha segnato gol in partite consecutive di Serie A in questa stagione contro Cagliari e Salernitana, regalandogli un posto da titolare contro la Lazio lo scorso fine settimana.

READ  Quanto riceveranno i vincitori?

Nella Supercoppa di mercoledì l’Inter è in ritardo a San Siro quando Weston McKinney apre le marcature per la vecchia signora, ma i nerazzurri pareggiano con un rigore di Martinez.

I punteggi sono rimasti uguali fino alla fine della partita e sembrava che la partita fosse diretta ai calci di rigore, fino a quando Sanchez è apparso con una conclusione stretta a decidere la partita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.