Alexanda Kotey: un membro della cellula “Beatles” dell’Isis è stato condannato all’ergastolo

Alexanda Kotey si è dichiarata colpevole a settembre di aver partecipato a un piano di ostaggi che ha provocato la morte di cittadini statunitensi, giapponesi e britannici in Siria. Come parte del suo appello, Coty sarà trasferito nel Regno Unito, dove vivono i membri della sua famiglia, per trascorrere il resto del suo mandato dopo aver trascorso 15 anni negli Stati Uniti.

“Si ottiene l’ergastolo”, ha detto Ellis, per quelli che ha definito “i crimini più gravi che possono essere commessi”.

Dopo che la sentenza di Coty è stata approvata, Ellis ha detto che spera che serva da deterrente per i gruppi terroristici in futuro. “Non ci arrendiamo”, ha detto del governo degli Stati Uniti. “Ti cercheremo. Ti troveremo.”

Prima della condanna di Coty, 12 familiari delle vittime e due ex ostaggi del gruppo hanno rilasciato dichiarazioni dolorose in tribunale per la loro perdita e la continua lotta all’indomani della tragedia, a volte parlando direttamente con Coty e il suo coimputato. Al-Shafi’i Sheikhche è stato incriminato da una giuria nella stessa aula settimane prima.

“Mi sono svegliata sentendo le grida di mio padre”, ha detto alla corte Bethany Haines, la figlia dell’operatore umanitario britannico David Haines, decapitato dall’Isis nel 2014. “Mi chiedo spesso, sarò mai felice? … Tornerò normale?”

“Apri gli occhi e guardami”, ha detto allo sceicco seduto in aula Shirley Sotloff, la madre del giornalista americano Stephen Sotloff, che è stato preso in ostaggio dal gruppo e alla fine giustiziato in video. “Il dolore è oltre le parole”, ha detto, aggiungendo che il video dell’omicidio di suo figlio “continua a essere riprodotto premendo un pulsante per milioni di persone da guardare”.

READ  L'Arabia Saudita chiude i suoi confini con il Qatar La fine di un anno di disputa per la nazione araba

“Tu e la tua guerra terroristica ci avete preso tutto”, ha detto a Coty e Sheikh.

Altri familiari delle vittime hanno riferito di non sapere ancora dove si trovano i resti dei loro figli, genitori e coniugi.

“Dobbiamo trovare Kayla e come è morta”, ha detto Marsha Muller, madre di Kayla Muller. Il gruppo ha tenuto sua figlia in ostaggio e, secondo l’accusa, è stata violentata dal leader dell’ISIS Abu Bakr al-Baghdadi prima che il gruppo la uccidesse. L’Isis afferma che è morta in un attacco aereo giordano.

“Spero che tu sappia quanto siamo orgogliosi di lei”, ha detto Mueller.

Michael Foley, fratello del giornalista americano James Foley, anch’egli ucciso dal gruppo, ha parlato dell’eredità duratura di suo fratello e di come “in molti modi (James) sia più vivo che mai” attraverso l’esempio che ha dato, le basi e il lavoro fatto in suo onore.

Mentre alcuni membri della famiglia hanno parlato di perdonare i due uomini, altri hanno detto semplicemente che non potevano.

“Non vi odierò entrambi… scelgo di lasciare che il mio cuore si spezzi e non si spezzi”, ha detto alla coppia Paula Kassig, madre dell’operatore umanitario americano Peter Kassig.

Dragana Haines, la moglie di David Haines, un operatore umanitario britannico che è stato preso in ostaggio e ucciso dall’ISIS, ha detto a Coty e Sheikh che sperava che avrebbero compiuto 200 anni per poter assistere alla morte dei loro familiari.

“Per tutto ciò che conta per me”, ha detto, “puoi vivere a lungo e soffrire”.

Hanno parlato anche due siriani e un ex ostaggio del gruppo, dicendo agli uomini che le loro azioni non riflettevano l’Islam e non differivano da quelle del presidente siriano Bashar al-Assad.

READ  Avvisi di tempesta invernale per le autostrade di montagna dopo che sezioni della metropolitana di Vancouver si sono svegliate con una nevicata improvvisa

Uno degli ex ostaggi, che ha chiesto alla Cnn di non rivelare il suo nome per il bene della sicurezza della sua famiglia in Siria, ha detto ai due uomini: “Non credete mai di aver combattuto il regime contro il regime. “Hai distrutto il mio paese…nessuno dei siriani ti perdonerà.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.