Al-Kindi in Sudan descrive il “caos totale” della guerra e degli sgomberi

Al-Kindi in Sudan descrive il “caos totale” della guerra e degli sgomberi

Un canadese bloccato in Sudan afferma che il paese è sprofondato nel “caos totale”.

“I nostri vicini a nord ea sud di noi sono stati colpiti da una granata con propulsione a razzo – fortunatamente nessuno è rimasto ferito”, ha detto Safia Mustafa a CTV News dall’esterno della capitale sudanese. “Di solito dormiamo durante il giorno se possiamo, perché di notte è molto spaventoso: tutto ciò che senti sono bombe che esplodono ovunque e non sai che verrai bombardato”.

Mustafa, cresciuta a Saint Catherine, in Ontario, si è trasferita in Sudan due anni fa per prendersi cura dei suoi anziani genitori e della nonna.

“Mio padre è morto due mesi fa, che Dio abbia pietà di lui, e ora siamo nel bel mezzo di una guerra”, ha detto Mostafa in una videochiamata con problemi di comunicazione. “Non so come uscirò di qui.”

Centinaia sono stati i morti e migliaia i feriti da quando sono scoppiati i combattimenti il ​​15 aprile tra l’esercito sudanese e un gruppo paramilitare rivale noto come Rapid Support Forces. Martedì, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha dichiarato che il Canada inizierà a effettuare trasferimenti aerei dal paese dell’Africa orientale.

“È chiaro che la situazione in Sudan è straordinariamente preoccupante”, ha detto Trudeau ai giornalisti martedì mattina. “Non vediamo l’ora di fare ponti aerei diretti per canadesi e persone a carico”.

Lunedì un aereo tedesco ha evacuato 58 canadesi. Dei quasi 1.500 canadesi registrati nel paese, circa 100 ce l’hanno fatta con l’aiuto di Germania, Francia, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita. Secondo il ministro degli Esteri canadese, 550 canadesi hanno chiesto assistenza per partire. I diplomatici canadesi sono già stati evacuati dal Sudan.

READ  Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz si dimette in mezzo a indagini sulla corruzione

“Per i primi giorni, non abbiamo sentito nulla dal governo canadese o dall’ambasciata qui in Sudan”, ha detto Mustafa. “Hanno evacuato il loro personale e sono davvero contento che siano al sicuro, ma qui non è stato ancora fatto nulla per i cittadini”.

Mostafa ora si trova di fronte a una scelta angosciosa tra restare in Sudan o fuggire senza la nonna novantenne.

“In pratica ti viene detto di andare da qualche parte da solo e di essere evacuato da lì, ma sfortunatamente, poiché mia nonna non è cittadina canadese, non ci è stata ancora offerta questa opportunità”, ha detto Mustafa. “Quindi la scelta è o ce lo lasciamo alle spalle, che non è davvero un’opzione, o ci salviamo.”

Safia Mostafa è stata vista fare un’escursione in Alberta.

Anche raggiungere il punto d’incontro può essere fatale. Mostafa e la sua famiglia vivono su un’isola sul Nilo con un solo ponte che li collega alla capitale del Sudan, Khartoum, dove i combattimenti sono all’ordine del giorno.

“Quando si attraversano i ponti, c’è il rischio di essere colpiti e presi di mira”, ha spiegato Mustafa. Prendere la barca comporta lo stesso rischio.

“Non c’è modo che mia nonna possa fare un viaggio in macchina”, ha detto Mostafa.”L’altra opzione ora è: andare in Egitto, che richiede tre giorni per le persone”. “Non devo davvero seppellire mia nonna sul ciglio della strada.”

Per ora, la famiglia può solo sperare per il meglio.

“Dobbiamo restare dove siamo fino a quando tutti ci daranno una via”, ha detto Mustafa. “È un po’ frustrante dover scegliere tra mia nonna o la vita”.

READ  Trump ha utilizzato 10 milioni di dollari in denaro dei donatori per pagare le spese legali personali - Rolling Stone

La loro casa sta finendo le scorte e Mustafa immagina che gli sia rimasta una settimana di cibo.

“Se dobbiamo fare il viaggio, dobbiamo farlo ora”, ha detto. “Non possiamo aspettare un’altra settimana, vero? Non sappiamo quanto andrà male, e davvero non voglio saperlo.”

Con i file della Canadian Press

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *