Abilità di problem solving degli uccelli legate alla complessità del canto – Ars Technica

Abilità di problem solving degli uccelli legate alla complessità del canto – Ars Technica
Ingrandire / Nonostante gli abiti appariscenti, quest’uomo è straordinariamente astuto.

Un modo in cui cerchiamo di comprendere le origini dell’intelligenza umana è guardare i suoi equivalenti altrove nel mondo animale. Ma questo sembra essere più complicato di quanto possa sembrare. Gli esseri umani hanno un ampio insieme di tratti comportamentali che raggruppiamo insieme come intelligenza, mentre molte altre creature hanno solo un sottoinsieme limitato di tali tratti. Alcuni aspetti dell’intelligenza compaiono in specie ampiamente diffuse lungo l’albero evolutivo, dai calamari alle giraffe.

Anche negli animali con capacità intellettuali ampiamente riconosciute come gli uccelli, può essere difficile capire se l’evoluzione abbia modellato direttamente la loro intelligenza o se la loro intelligenza sia emersa come effetto collaterale di qualcos’altro che l’evoluzione ha cooptato.

Uno studio pubblicato oggi complica ulteriormente il quadro. Ciò dimostra in modo convincente che la capacità di apprendere nuovi canti complessi è associata alla risoluzione di problemi in un’ampia gamma di specie di uccelli. Ma mostra anche che altre cose che associamo all’intelligenza, come l’apprendimento associativo, sembrano completamente indipendenti.

Metti alla prova tutti

L’articolo, scritto da Jean-Nicolas Audet, Mélanie Couture ed Eric Jarvis della Rockefeller University, descrive un confronto evolutivo tra l’apprendimento delle canzoni e una varietà di test di intelligenza. Gli autori notano che gli esseri umani hanno già eseguito questo tipo di analisi in precedenza, ma solo tra individui della stessa specie, e i risultati sono stati spesso contraddittori. Il team suggerisce che è possibile che ciò sia semplicemente dovuto al fatto che la variazione tra gli individui non è abbastanza grande da rilevare un effetto.

READ  Ti stai chiedendo se andare su un pianeta extrasolare? C'è un calcolatore per questo: 620 CKRM

Per ottenere un campione diversificato, la squadra si è recata in una riserva a nord di New York City e ha installato delle reti. Purché catturassero almeno dodici maschi di una specie (quelli che cantano), venivano inclusi nello studio. A ciò si aggiungevano un paio di specie in cattività. Alcune di queste creature, come la colomba in lutto, fungevano da controlli non didattici. Ma il campione era affollato di uccelli canori come scriccioli e capinere. In questo campione, ci sono una varietà di comportamenti, come l’apprendimento vocale, l’imitazione e il repertorio di canzoni esteso che possono essere utilizzati per classificare la loro capacità di impegnarsi nell’apprendimento vocale.

Dopo aver lasciato morire di fame gli uccelli durante la notte, il team ha dato loro la possibilità di completare dei test mentali in cui veniva loro dato del cibo come ricompensa. Quattro di questi test prevedevano la manipolazione di ostacoli di crescente complessità per raggiungere il cibo. Un altro test ha testato se gli uccelli fossero in grado di aggirare una barriera trasparente per procurarsi il cibo. Due hanno testato l’apprendimento associato, in cui agli uccelli è stata data l’opportunità di apprendere che un oggetto colorato era associato al cibo un giorno, per poi dover disimpararlo e imparare una nuova associazione il giorno successivo.

Raccogliendo questi dati, i ricercatori hanno creato punteggi per ciascun tipo in base alle prestazioni di almeno una dozzina di individui. Hanno poi confrontato questi risultati con le informazioni precedentemente raccolte sulle loro capacità di canto.

Cantanti intelligenti

I risultati sono stati un po’ complicati. Per cominciare, le specie classificate come studenti a tempo indeterminato – nel senso che possono incorporare elementi di una nuova canzone per tutta la vita – erano molto più brave a risolvere i problemi. Questi includono specie come cardinali, pettirossi e cardellini. All’interno di questo gruppo, quelli con il repertorio più ampio di canzoni si sono esibiti meglio. Ma anche le specie che possono imitare i richiami degli altri, come l’uccello gatto e il gracchio, hanno ottenuto punteggi superiori alla media. Gli studenti a numero chiuso, che possono imparare canzoni durante un periodo critico quando sono giovani, hanno ottenuto un punteggio in fondo alla lista.

READ  La vita sulla Terra potrebbe aver ricevuto una spinta dagli enormi capricci del sole - Ars Technica

Al contrario, non c’era alcun modello specifico negli altri test di intelligenza, che includevano l’autocontrollo e l’apprendimento associativo.

Per verificare se questo effetto fosse solido, i ricercatori hanno ripetuto l’analisi escludendo diversi sottogruppi, come gli uccelli domestici o non istruiti. L’associazione ha resistito. Allo stesso modo, hanno analizzato i componenti principali di tutte le diverse misure della complessità dell’apprendimento delle canzoni e hanno dimostrato che questo è correlato anche alle capacità di risoluzione dei problemi. Quindi, sembra che ci sia una connessione qui.

Utilizzando dati raccolti da altri, i ricercatori hanno anche scoperto che le specie con apprendimento illimitato hanno cervelli più grandi rispetto ai loro corpi. Ma questa relazione non vale nei generi che imitano le canzoni di altri.

A complicare ulteriormente le cose, gli individui della maggior parte delle specie hanno mostrato alcune variazioni nel modo in cui hanno risposto ai test. Le distrazioni, come la presenza di un ricercatore o di un oggetto sconosciuto, hanno causato scarse prestazioni in alcuni individui.

È complicato

Un messaggio chiaro qui è che l’intelligenza non è una cosa; È costruito a partire da una grande varietà di abilità comportamentali individuali. Per questa ragione non possiamo aspettarci che i fattori evolutivi che guidano lo sviluppo di un aspetto dell’intelligenza si applichino a qualcun altro.

Quindi, è possibile che la risoluzione dei problemi sia un risultato accidentale della selezione evolutiva per l’espansione delle capacità di cantare: cantare, dopo tutto, è parte del modo in cui queste specie si assicurano di produrre la generazione successiva. Una volta sviluppato, il problem solving può aiutare a garantire l’accesso a più cibo e quindi può diventare esso stesso oggetto di scelta. Ma niente di tutto ciò garantisce che qualche altro aspetto dell’intelligence venga alla ribalta.

READ  La prima immagine del buco nero è stata aggiornata, rivelando gli intensi campi magnetici

Tutto ciò potrebbe aiutare a spiegare perché alcuni comportamenti evoluti sono sorprendentemente isolati in alcune specie. Ma non spiega perché nella nostra specie esista una gamma così ampia di cose che chiamiamo intelligenza.

Scienza, 2023. DOI: 10.1126/science.adh3428 (Informazioni sugli ID digitali).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *