Abbiamo davvero trovato prove che la vita ci balena davanti agli occhi quando moriamo?

Mercoledì, un’ondata di titoli e Comune Il thread di Twitter è nato in giro Lo studio è stato pubblicato a I limiti delle neuroscienze dell’invecchiamento. I ricercatori avevano intravisto un raro assaggio dell’attività cerebrale registrata nei momenti prima e dopo la morte. Ma questo può dirci qualcosa su cosa succede quando moriamo?

Naturalmente, ha suscitato sia il mio entusiasmo che il mio scetticismo. È un giorno raro ed emozionante per un giornalista sanitario in cui c’è un sacco di storie sullo studio delle neuroscienze Comune su Twitter. Spesso, però, è anche motivo di dubbio.

I titoli sono stati annunciati”,I ricercatori hanno affermato che la scansione del cervello di un uomo morente indica che la sua vita lampeggia davanti ai suoi occhi; La vita ti scorre davanti agli occhi: gli scienziati registrano l’attività cerebrale negli ultimi istanti di un uomo; Esatto: la vita potrebbe balenare davanti ai tuoi occhi quando muori. Una lettura attenta dello studio rivela alcune intriganti intuizioni sui momenti che hanno portato alla morte di un uomo e alcune linee chiare tra ciò che è stato documentato e ciò che gli scienziati si aspettano che accada. Ma per quanto riguarda le prove conclusive delle nostre idee sulla morte? Non tanto.

lo sfondo – Un team internazionale di ricercatori ha analizzato a EEG continuo – che misura l’attività elettrica nel cervello – di un uomo di 87 anni nei minuti prima e dopo la sua morte. L’uomo è stato ricoverato in ospedale dopo la caduta e collegato a un elettroencefalogramma per rilevare le convulsioni. Durante l’elettroencefalogramma, l’uomo ha avuto un infarto ed è morto. Di conseguenza, i ricercatori hanno ottenuto 900 secondi di EEG continuo nei momenti della morte dell’uomo.

READ  I modelli dell'ultimo veicolo spaziale ed elicottero della NASA inizieranno un viaggio su strada a Seattle

cosa hanno trovato – I ricercatori si sono concentrati su 30 secondi prima e subito dopo che il cuore dell’uomo ha smesso di battere. Negli ultimi secondi prima della sua morte, i ricercatori hanno notato un forte picco in un tipo di attività elettrica chiamata “oscillazioni gamma. Le oscillazioni gamma, delta, alfa, beta e theta (o “onde”) indicano la velocità dell’attività elettrica nel cervello.

In particolare, le oscillazioni gamma sono le più veloci di tutte le onde cerebrali e sono associate a vigilanza, concentrazione, sogno e recupero della memoria.

L’aumento delle onde gamma si è verificato simultaneamente come una diminuzione delle onde delta, beta e theta. Le onde delta, theta e alfa si verificano negli stati di rilassamento (riposo) o di sonno. Le onde beta sono associate alla vigilanza e alla concentrazione.

cosa intendi – Sembra chiaro che una sorta di attività di memoria si stesse svolgendo negli istanti immediatamente precedenti e successivi all’arresto del cuore dell’uomo. Questo indica anche che il nostro cervello rimane attivo per un brevissimo periodo dopo che il nostro cuore ha smesso di battere.

Alcuni di questi sono simili all’attività EEG osservata nei roditori subito dopo l’arresto cardiaco, affermano i ricercatori. Ma è chiaro che umani e roditori non sono la stessa cosa. Alcune delle differenze notevoli tra loro sono le bande gamma e le onde elementari coinvolte.

Negli istanti prima e subito dopo il suo cuore si è fermato, il cervello dell’uomo ha mostrato segni di reminiscenza. Getty / Andrey Onofrinko

Le onde alfa modulano essenzialmente tutte le bande di onde gamma negli esseri umani; Nei roditori, le onde gamma a bassa frequenza sono modulate da tutte le altre onde cerebrali. Questo è notevole, dicono i ricercatori, perché “si pensa che il dominio alfa interferisca con i processi cognitivi inibendo reti non correlate o perturbate”.

READ  Un fantastico video che mostra l'evoluzione della Terra nel corso di quattro miliardi di anni in soli quattro minuti

È qui che i ricercatori affermano chiaramente che stanno indovinando cosa potrebbe significare. Scrivono: “Dato che l’accoppiamento incrociato dell’attività alfa e gamma è coinvolto nei processi cognitivi e nel recupero della memoria in soggetti sani, è interessante ipotizzare che tale attività possa supportare il ‘richiamo della vita’ di quest’ultimo che potrebbe verificarsi nel molto presto stato di morte”.

Ma questo rivela davvero cosa succede nel cervello subito prima e dopo la morte? non necessariamente. I ricercatori hanno identificato una serie di avvertimenti che rendono impossibile determinare cosa accade nel cervello umano nei secondi che circondano la morte con questo case report. Notano la piccola dimensione del campione (letteralmente uno), l’interferenza del trauma cranico o i farmaci che l’uomo ha ricevuto dopo essere stato ricoverato in ospedale.

Perchè importa – È così eccitante pensare che potremmo avere una finestra cerebrale migliore subito prima e dopo il destino che ci aspetta tutti. Sembra probabile che in quei momenti critici sia possibile un qualche tipo di attività di recupero o di memoria, ma è impossibile saperlo con certezza. Supponendo di sapere più di quello che sappiamo, possiamo inavvertitamente bloccarci in altre possibilità. C’è così tanto da imparare sulla neuroscienza della morte, non saltiamo alle prime conclusioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.