Altri quattro animali sono stati infettati dalla febbre catarrale degli ovini

Altri quattro animali sono stati infettati dalla febbre catarrale degli ovini

A dicembre sono state imposte restrizioni temporanee all’area di Norfolk

Altri quattro casi di febbre catarrale nei bovini sono stati identificati dai veterinari governativi.

Un animale infetto è stato trovato nel Norfolk e tre tra il bestiame nel Kent.

L’Animal and Plant Health Agency (APHA) ha affermato che l’ultima diagnosi è stata scoperta in Inghilterra Due aree di controllo temporanee (Ambiti di cooperazione tecnica).

L’agenzia ha affermato che ora ci sono 40 casi confermati in 22 edifici.

A dicembre, è stata imposta una TCZ di 10 chilometri (6,2 miglia) per spostare il bestiame in una fattoria fuori Cantlie, vicino ad Ackle.

Era una zona simile Creato vicino a Canterbury Nel Kent nord-orientale a novembre.

Almeno sei degli animali si trovano nel Norfolk Ora sono risultati positivi alla malattia.

Il Dipartimento per l’Ambiente, l’Alimentazione e gli Affari Rurali (Defra) ha affermato che sarebbero stati abbattuti in modo umanitario.

La febbre catarrale può causare sterilità e problemi respiratori in numerosi animali, tra cui pecore, mucche e capre.

Pecore nel campoPecore nel campo

Una pecora dalla lingua blu è stata trovata nel Kent a dicembre

Defra ha affermato che in Europa si stanno attualmente diffondendo diversi tipi di malattie.

Può diffondersi nel Regno Unito attraverso l'importazione di animali infetti o tramite… Moscerini trasportati dal vento attraverso la Manica.

La febbre catarrale degli ovini non rappresenta alcun rischio per gli esseri umani o per la catena alimentare, ma un’epidemia potrebbe portare a restrizioni a lungo termine sul commercio e sulla circolazione degli animali.

Gli agricoltori del Norfolk e della National Farmers Union hanno avvertito di a Il potenziale che la lingua blu diventi un problema è significativo.

READ  La mosca bandito è un acrobata aerodinamico in grado di catturare la sua preda in volo

Una dichiarazione dell'APHA afferma: “Non ci sono ancora prove che il virus della febbre catarrale si stia attualmente diffondendo tra i moscerini in Gran Bretagna. La sorveglianza è in corso”.

Segui le notizie sull'Est dell'Inghilterra su Facebook, Instagram E X. Hai una storia? e-mail [email protected] Oppure contattaci tramite WhatsApp allo 08001691830

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *