Sulla stazione spaziale cinese sono attesi esperimenti di simulazione per esplorare l'esistenza di vita extraterrestre

Sulla stazione spaziale cinese sono attesi esperimenti di simulazione per esplorare l'esistenza di vita extraterrestre

La navicella spaziale cargo Tianzhou-7 è decollata su un razzo della Lunga Marcia dal sito di lancio della navicella spaziale Wenchang nella provincia di Hainan alle 22:27 (ora di Pechino) del 17 gennaio 2024. La missione consegnerà rifornimenti alla stazione spaziale cinese Tiangong con equipaggio. Lo ha riferito l'agenzia spaziale. Foto: Xinhua

Insieme alla navicella spaziale cargo Tianzhou-7 che si è attraccata con successo alla stazione spaziale cinese Tiangong giovedì mattina presto, è arrivato un carico speciale: archaea anaerobici. Simulando ambienti extraterrestri, i ricercatori cinesi mirano a indagare l’antico mistero dell’esistenza della vita oltre la Terra.

Gli archaea anaerobici sono una delle forme di vita più antiche sulla Terra e uno dei principali contributori alla produzione di metano nell'atmosfera terrestre. Sono ampiamente distribuiti in ambienti anaerobici come gli ambienti di acque profonde, le risaie e lo stomaco dei ruminanti.

Il motivo per cui questo tipo di microrganismo è stato scelto per “andare in un'avventura nello spazio”, ha detto Dong Xiuzhu, ricercatore presso l'Istituto di microbiologia dell'Accademia cinese delle scienze, è che, mentre altri potrebbero aver bisogno di fattori complessi per sopravvivere, gli archeobatteri anaerobici possono prosperare solo con idrogeno e anidride carbonica, per poi trasformarsi in metano.

Questi archaea anaerobici, trasportati dalla navicella spaziale cargo Tianzhou-7, sono stati inviati giovedì alla stazione spaziale cinese.

Sfruttando l'esposizione della stazione spaziale alle radiazioni cosmiche, combinata con l'ambiente di microgravità e altri fattori estremi come la temperatura, questo tipo di ambiente studia le capacità di sopravvivenza delle prime forme di vita della Terra in queste condizioni, ha affermato Liu Zhou, professore di il Dipartimento della Terra. Lo ha affermato il Dipartimento di Scienze dei Sistemi dell'Università di Tsinghua in un'intervista alla China Central Television.

READ  La routine di allenamento perfetta per una vita lunga e sana

Secondo i media, il rover Curiosity della NASA, da quando è atterrato su Marte nel 2012, ha rilevato segnali di metano inspiegabili in più occasioni. Gli scienziati ipotizzano che queste emissioni di metano potrebbero essere sottoprodotti del metabolismo biologico extraterrestre, poiché i batteri che producono metano sono considerati una possibile forma di vita su Marte o su Encelado, luna di Saturno.

Tuttavia, determinare la presenza di batteri produttori di metano è diventata una sfida per gli scienziati di tutto il mondo.

Alcuni hanno preso in considerazione l'ipotesi di effettuare il rilevamento in situ di segni di vita extraterrestre su pianeti come Marte, ma il tempo e i costi economici associati a ciò sono molto elevati. D'altra parte, utilizzando le apparecchiature esistenti come gli strumenti per isotopi, le attuali capacità tecnologiche sono ancora insufficienti per raggiungere l'alta risoluzione necessaria per caratterizzare le origini biologiche dei segnali di metano nel rilevamento in situ.

Per affrontare questa sfida, l'esperienza della Cina cerca di essere convalidata da una prospettiva di validazione a ritroso, ha affermato Liu.

L’esperto ha spiegato che se i batteri che producono metano riescono a sopravvivere in un ambiente del genere e mostrano una forte crescita mentre generano metano, ciò dimostrerebbe che le forme di vita primitive sulla Terra possono effettivamente prosperare in ambienti extraterrestri e forse anche crescere.

“Questa intuizione potrebbe fornire importanti implicazioni: se è probabile che il metano rilevato su Marte sia di origine biologica, suggerisce la possibilità di un'origine comune tra la vita su Marte e la Terra”, ha osservato Liu.

Tianzhou-7, che trasporta più di 260 rifornimenti del peso di circa 5,6 tonnellate ed è la prima di quattro missioni del programma spaziale cinese previste per il 2024, è arrivata alla stazione spaziale all'1:46 di giovedì, dopo la manovra di rendezvous più veloce. nel paese. Finora è stato completato in sole tre ore.

READ  I batteri carnivori causano la morte in tre stati costieri

È carico di carichi sperimentali, pacchi di carico personalizzati e altri oggetti di grandi dimensioni, ciascuno del peso di oltre 100 chilogrammi, oltre a 2.400 chilogrammi di beni di prima necessità per gli astronauti, inclusi beni speciali per l'imminente Capodanno cinese del Drago. Questi vengono utilizzati per alimentare la stazione spaziale in orbita, gli esperimenti scientifici spaziali in orbita e supportare la vita degli astronauti.

Tempi globali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *